Apri il menu principale
Ex chiesa di Santo Stefano
Chiesa di Santo Stefano (Parma) - facciata 2018-08-04.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàCoat of arms of Parma.svg Parma
Religionecristiana cattolica di rito romano
Titolaresanto Stefano
Diocesi Parma
Sconsacrazione1870
Stile architettonicogotico
Inizio costruzioneXI secolo
Completamento1486

Coordinate: 44°48′02.95″N 10°19′59.7″E / 44.800819°N 10.33325°E44.800819; 10.33325

L'ex chiesa di Santo Stefano è un luogo di culto cattolico sconsacrato dalle forme gotiche, situato nell'omonimo piazzale a lato di strada Petrarca a Parma.

Indice

StoriaModifica

 
Fianco sud e campanile

La prima menzione documentaria della chiesa di santo Stefano risale al 23 agosto 1094. Anteriormente al 1145 era una rettoria alle dipendenze dell'abbazia di San Giovanni Evangelista.[1]

Dopo la sua elezione a canonico del Capitolo della Cattedrale di Parma (1346), presso la chiesa ebbe la sua abitazione il poeta Francesco Petrarca.[2]

L'edificio fu ricostruito da Giovanni Franceschi nel 1486. Fu a lungo sede di una confraternita intitolata di San Lorenzo.[1]

L'11 marzo 1857 la dignità parrocchiale viene trasferita alla vicina chiesa di Sant'Antonio Abate; Santo Stefano fu affidata alla confraternita di San Carlo e, attorno al 1870, fu ridotta ad uso profano.[1]

Aveva un altare maggiore, due cappelle laterali e una cantoria sopra l'ingresso.[1] Sopra l'altare maggiore era la pala di Michelangelo Anselmi con la Vergine in gloria e i santi Giovanni Battista e Stefano, poi trasferita al museo del Louvre.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Felice da Mareto, op. cit., p. 264.
  2. ^ a b Felice da Mareto, op. cit., p. 265.

BibliografiaModifica

  • Felice da Mareto, Chiese e conventi di Parma, Deputazione di storia patria per le province parmensi, Parma 1978.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica