Apri il menu principale

Chiostri di Sant'Ambrogio

chiostri a Milano
Uno dei 2 chiostri bramanteschi

I chiostri di Sant'Ambrogio, ora sede dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, sono stati progettati dal Bramante nel 1497 secondo un modello ligneo da lui lasciato e caratterizzati da una grandiosità d'impianto che verrà imitato per tutto il Cinquecento.[1]

StrutturaModifica

I due chiostri caratterizzati rispettivamente dall'ordine dorico e dall'ordine ionico (a quel tempo ancora insoliti), presentano arcate insolitamente alte 7,5 metri. Tale soluzione avrà successo come tipologia in quanto si rivelò particolarmente adatta ad ospitare sia grandi stanze a doppia altezza, come mense e biblioteche, sia celle per i monaci su due piani. Nel corpo di spina tra i due chiostri, nel corso del XVI secolo fu realizzato un grande refettorio.[2] Nel 1929 iniziò la ristrutturazione ventennale del monastero benedettino ad opera di Giovanni Muzio.

NoteModifica

Voci correlateModifica