Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chirodropidae
Chiropsalmus quadrigatus.jpg
Chiropsalmus quadrigatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Radiata
Phylum Cnidaria
Classe Cubozoa
Ordine Chirodropida
Famiglia Chirodropidae Haeckel, 1880

Chirodropidae è una famiglia della classe Cubozoa, caratterizzata da numerosi tentacoli che nascono da appendici alla base della campana.

Indice

DescrizioneModifica

Come gli altri chirodropidi, le meduse della famiglia Chirodropidae si distinguono dagli altri cubozoi per la presenza di una base muscolare ramificata agli angoli della campana cubica (pedalium) dalla quale nascono numerosi tentacoli[1]. All'eccezione di una specie, tre specie della famiglia hanno sacchetti gastrici chiamati diverticula, una caratteristica che ne le cubomeduse Carybdeida, né le Chirodectes possiedono. In particolare, nelle Chirodropidae, i diverticula sono ramificati e possono assumere diverse forme: "a piuma d'uccello", con numerosi diverticula che nascono da un canale centrale, o a "cresta di gallo", nettamente separati come le dita di una mano.

 
La C. flexeri è anche chiamata "vespa di mare".

Le meduse della famiglia Chirodropidae sono particolarmente pericolose per via della puntura tossica, fra di loro spicca la Chironex fleckeri, uno degli animali più pericolosi per l'uomo, causa di 67 morti in Australia dal 1883[2]. La "strisciata" della medusa è dolorosissima e produce una intensa sensazione di calore e quando il veleno quando entra nel circolo sanguigno, causa intensi spasmi muscolari, paralisi respiratoria ed infine arresto cardiaco, nel giro di 2-3 minuti.

SpecieModifica

Esiste tuttora una certa confusione sulla sistematica delle Chirodropida, anche perché allo stato attuale (2014) solamente una specie della famiglia è stata analizzata geneticamente[3]. La famiglia è attualmente suddivisa nei seguenti tre generi[4] e cinque specie riconosciute:

NoteModifica

  1. ^ (EN) M. Daly, M.R. Brugler, P. Cartwright, A.G. Collins, M.N. Dawson, D.G. Fautin, S.C. France, C.S. McFadden, D.M. Opresko, E. Rodriquez, S.L. Romano, J.L. Stake, The phylum Cnidaria: A review of phylogenetic patterns and diversity 300 years after Linnaeus, in Zootaxa, vol. 1668, 2007, pp. 127-182.
  2. ^ Daniele Bonfanti, Natura letale: Vespa di mare (Chironex fleckeri), su La Tela Nera, 28 luglio 2011. URL consultato il 19 settembre 2014.
  3. ^ (EN) Collins, A.G., Schuchert P, Marques AC, Jankowski T, Medina M, Schierwater B., Medusozoan phylogeny and character evolution clarified by new large and small subunit rDNA data and an assessment of the utility of phylogenetic mixture models (abstract), in Syst. Biol., 2006. URL consultato il 10 novembre 2014.
  4. ^ Daly M. et al, p.152.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali