Chris Columbus

regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense

Chris Joseph Columbus (Spangler, 10 settembre 1958) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense.

Chris Columbus nel 2013

È noto principalmente per aver diretto i primi due film di Mamma, ho perso l'aereo, i primi due della saga di Harry Potter, e il primo capitolo della saga di Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo.

BiografiaModifica

Chris Columbus è nato nel 1958 a Spangler (Pennsylvania), ma è cresciuto a Champion (Ohio), figlio unico di Alex Michael Columbus, un lavoratore d'impianti in alluminio e minatore di carbone d'origini italiane, e di Mary Irene Puskar, un'operaia d'origini ceche[1][2][3]. Appassionato di fumetti, sognava una carriera come disegnatore per la Marvel Comics, ma dopo aver visto il film Il padrino (1972) di Francis Ford Coppola decide di tentare la strada della regia cinematografica. Già durante le scuole superiori inizia a girare film in 8 millimetri disegnandosi da solo gli storyboard.

L'inizio della carrieraModifica

Vende la sua prima sceneggiatura ("Jocks", mai prodotto) quando è ancora uno studente del Directors Program alla Tisch School of Arts dell'Università di New York. La sua prima sceneggiatura a prendere vita sullo schermo è Gremlins (1984), diretto da Joe Dante. Il film ha una buona riuscita e segna l'inizio della collaborazione con Steven Spielberg (che di Gremlins era il produttore), proseguita l'anno seguente come co-sceneggiatore di I Goonies (1985), diretto da Richard Donner e Piramide di paura (1985), di Barry Levinson. Nel 1987 gli viene data la possibilità di dirigere il suo primo film, Tutto quella notte.

Il successoModifica

Nei primi anni novanta realizza film come Mamma, ho perso l'aereo (1990) e Mrs. Doubtfire - Mammo per sempre (1993), che riscuotono gran successo di pubblico in tutto il mondo. Nel 1995 Columbus, insieme a Michael Barnathan, fonda la propria casa di produzione, chiamandola 1492 Pictures, una sorta di giocosa consonanza in onore del suo omonimo e celebre esploratore italiano Cristoforo Colombo, che lo stesso anno (1492) intraprese il suo viaggio che porterà alla scoperta dell'America.

Dopo aver firmato i non troppo fortunati Nine Months - Imprevisti d'amore (1995), L'uomo bicentenario (1999) e Nemiche amiche (1999), nel 2001 torna alla ribalta con Harry Potter e la pietra filosofale balzato in testa al box office fin dai primi giorni di uscita. L'anno dopo, il 2002, realizza il secondo capitolo della saga Potteriana, Harry Potter e la camera dei segreti. Nel dicembre 2016 dirige per Esselunga lo spot di Natale legato al concorso omonimo.

Vita privataModifica

Columbus si è sposato con la coreografa Monica Devereux (apparsa anche in alcuni dei suoi film), da cui ha avuto quattro figli: Eleanor (1989), Brendan (1992), Violet (1994) e Isabella (1996). Questi ultimi, insieme a molti altri membri della famiglia Columbus (inclusi la moglie, il suocero e il cugino Robert Ayres) sono spesso apparsi in piccoli ruoli nei suoi film.

Riferimenti culturaliModifica

In un episodio della terza stagione di The Big Bang Theory, intitolato La soluzione del pirata, Leonard annuncia a Penny che i ragazzi festeggiano il "Columbus Day" guardando I Goonies, Gremlins e Piramide di paura, poiché sono stati tutti scritti da Chris Columbus.

FilmografiaModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

SoggettoModifica

ProduttoreModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Premio OscarModifica

Golden GlobeModifica

BAFTAModifica

Bafta Children AwardsModifica

Saturn AwardModifica

Voci correlateModifica

NoteModifica

  1. ^ Burhan Wazir, Hogwarts and all, in The Guardian, London, 28 ottobre 2001. URL consultato il 28 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2013).
  2. ^ Europa Publications, The International Who's Who 2004, Routledge, 2003, pp. 346, ISBN 1-85743-217-7.
  3. ^ Michael Janusonis, Chris Columbus discovers a new joy in directing 'Mrs. Doubtfire', in Providence Journal, 28 novembre 1993. URL consultato il 5 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN119396580 · ISNI (EN0000 0001 1456 0242 · LCCN (ENn84183331 · GND (DE123518768 · BNF (FRcb13953243q (data) · BNE (ESXX1101909 (data) · NLA (EN54838503 · WorldCat Identities (ENlccn-n84183331