Apri il menu principale

Chris Daughtry

cantante e chitarrista statunitense
Chris Daughtry
Chris-Daughtry.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
(Roanoke Rapids, NC)
GenereRock alternativo
Hard rock
Pop rock
Post-grunge
Alternative metal
Periodo di attività musicale1999 – in attività
Strumentovoce, chitarra
EtichettaRCA
Gruppo attualeDaughtry
Gruppi precedentiCadence, Absent Element
Album pubblicati6
Studio6
Sito ufficiale

Chris Daughtry (pronuncia /ˈdɔːtri/[1]) (Roanoke Rapids, 26 dicembre 1979) è un cantante e chitarrista statunitense, noto per essere il leader e fondatore della band Daughtry. Si è fatto notare per la sua partecipazione al programma American Idol, in cui si è piazzato quarto.

Indice

CarrieraModifica

CadenceModifica

Durante gli anni del liceo, Daughtry militava in una band chiamata Cadence. Nel gruppo, lui era il cantante e suonava la chitarra. La band produsse un unico album, All Eyes on You (1999), un pezzo molto raro che si trova solo tramite eBay.

Absent ElementModifica

Dopo aver lasciato i Cadence, Daughtry entrò a far parte degli Absent Element, composti da: Daughtry, cantante e chitarra ritmica; Mark Perry, chitarra solista; Ryan Andrews, basso; Scott Crawford, batteria. Nel 2005 la band pubblico l'album Uprooted. Il CD contiene le canzoni "Conviction" e "Brakedown", che Daughtry registrerà nuovamente per inserirle in Daughtry

Nel 2005 Chris partecipò a un'audizione per il programma Rock Star: INXS della CBS. Tuttavia, non riuscì ad approdare alla fase registrata del programma.[2] Anche il batterista Joy Barnes, che farà parte della prima formazione dei Daughtry, partecipò all'audizione e arrivò alle registrazioni, ma terminò la sua esperienza poco dopo a causa di un'incomprensione riguardo al suo contratto.

American IdolModifica

Daughtry partecipò alle audizione per American Idol a Denver, Colorado, con la canzone "The Letter" dei The Box Tops. La giuria lo scelse per le sue influenze southern e hard rock. Passò l'audizione con un giudizio diviso: approvato da Paula Abdul e Randy Jackson, disapprovato da Simon Cowell. Simon disse che Daughtry era troppo robotico. Dopo varie prove, riuscì ad arrivare tra i quattro finalisti del 10 maggio 2006 e si piazzò quarto.

Performance ad American IdolModifica

Settimana Tema Brano Artista originale Esito
Audizioni Scelta libera The Letter The Box Tops Passato
Hollywood Performance di gruppo Emotion
con Ace Young e Bobby Bullard
Samantha Sang Passato
Semifinali
Top 24
Scelta libera Wanted Dead or Alive Bon Jovi Salvo
Semifinali
Top 20
Scelta libera Hemorrhage (In My Hands) Fuel Salvo
Semifinali
Top 16
Scelta libera Broken Seether
feat. Amy Lee
Salvo
Top 12 Canzoni di
Stevie Wonder
Higher Ground Stevie Wonder Salvo
Top 11 Hits degli anni '50 I Walk the Line Johnny Cash Salvo
Top 10 Hit del XXI secolo What If Creed Salvo
Top 9 Country Music Making Memories of Us Keith Urban Salvo
Top 8 Musica dei Queen Innuendo Queen Salvo
Top 7 Il Grande Libro Della Canzone Americana What a Wonderful World Louis Armstrong Penultimo
Top 6 Le più Grandi Canzoni d'Amore Have You Ever Really Loved a Woman? Bryan Adams Salvo
Top 5 Anno in cui sono nati Renegade Styx Salvo
Billboard Top 10 I Dare You Shinedown
Top 4 Canzoni di Elvis Suspicious Minds Elvis Presley Eliminato
A Little Less Conversation

DaughtryModifica

Dopo la sua eliminazione, i Fuel gli proposero di diventare il nuovo cantante della band, ma Daughtry rifiutò. Quindi, la RCA records gli offrì un contratto e formò la band Daughtry. Il loro primo album, Daughtry, divenne "The fastest selling debut rock album" nella storia di Nielsen SoundScan,[3] vendendo più di un milione di copie dopo cinque settimane dalla pubblicazione. L'album è stato registrato prima dell'effettiva formazione della band, rendendo Chris Daughtry l'unico membro ufficiale presente nell'album. Dopo Daughtry, seguirono altri due album: Leave This Town e Break the Spell

CollaborazioniModifica

Nel 2008, Chris Daughtry incise una canzone con i Sevendust intitolata "The Past", contenuta nell'album Chapter VII: Hope & Sorrow. Nello stesso anno partecipò alla canzone "By the Way" dei Theory of a Deadman, contenuta nell'album Scars & Souvenirs e collaborò con i Third Day per la canzone "Slow Down", dall'album Revelation. Nel 2009 i Daughtry parteciparono all'album Shock Value II di Timbaland, registrando la canzone "Long Way Down".

Nel 2010, Chris Daughtry partecipò all'album di Carlos Santana Guitar Heaven: The Greatest Guitar Classics of All Time cantando una cover della canzone "Photograph" dei Def Leppard.

Vita personaleModifica

Durante una delle puntate di American Idol (prima di cantare "Broken" dei Seether), Daughtry ha rivelato di star diventando calvo e di radersi la testa a zero per avere un aspetto più presentabile. L'11 novembre 2000 si è sposato con Deanna Daughtry, da cui ha avuto tre figli: Griffin, nato il 30 giugno 1998 e due gemelli, Adalynn Rose e Noah James, nati il 17 novembre 2010.[4] La coppia ha una quarta figlia, Hanna, nata il 7 settembre 1996, nata dal precedente matrimonio di Deanna. In un'intervista nel dicembre 2007, intervistato dal Gibson Lifestyle, Chris Daughtry ha affermato:

(EN)

«I used to call [my wife] and just quickly throw in the towel. But I've found that the less I say and the more I actually listen to her, and just be there without actually being there, is the best thing I can do. As a man, I always feel like I need to say something. Sometimes I have to stop myself because all I want to do is call and tell her about how much awesome stuff is going on in my life, and, you know, her day is sucking hard. I could write a book on it, I'm serious.»

(IT)

«Ero solito chiamare [mia moglie] e poi buttare subito la spugna. Ma ho scoperto che meno dicevo e più ascoltavo ciò che diceva lei, ed essere lì senza essere realmente lì, era la cosa migliore che potessi fare. Da uomo, sento sempre che devo dire qualcosa. Qualche volta, devo fermarmi perché tutto ciò che voglio fare è chiamarla e dirle quali cose meravigliose mi stanno succedendo, e, lo sapete, la sua giornata è molto pesante. Potrei scriverci un libro, davvero.»

(Chris Daughtry, Gibson Lifestyle)

InfluenzeModifica

Le influenze musicali di Chris Daughtry provengono da: Creed, Bush, Live, Pearl Jam, Alice in Chains, Soundgarden, Stone Temple Pilots, Journey, Bon Jovi e Fuel.[5][6]

DiscografiaModifica

CadenceModifica

  • 1999 – All Eyes on You

Absent ElementModifica

  • 2005 - Uprooted

DaughtryModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Daughtry § Discografia.

CollaborazioniModifica

Anno Artista Album Traccia Ruolo
2008 Sevendust Chapter VII: Hope & Sorrow "The Past" Voce
Theory of a Deadman Scars & Souvenirs "By the Way" Cori
Third Day Revelation "Slow Down" Cori
2009 Timbaland Shock Value II "Long Way Down" Voce
Kris Allen Kris Allen "Send Me All Your Angels" Compositore
Allison Iraheta Just Like You "Don't Wanna Be Wrong" Compositore
2010 Day of Fire Losing All "Hello Heartache" Compositore
"When I See You" Compositore
"Airplane" Compositore
Lifehouse Smoke & Mirrors "Had Enough" Cori
Carlos Santana Guitar Heaven: The Greatest Guitar Classics of All Time "Photograph" Voce
2012 AA.VV. Pacific Standard Time "4 A.M." Voce
2013 Colton Dixon Colton Dixon - a Messenger "Failed US" Compositore

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN166936090 · ISNI (EN0000 0001 1459 3546 · LCCN (ENno2006071189 · GND (DE135516420