Christian Escoudé

chitarrista francese (1947-2024)

Christian Escoudé (Angoulême, 23 settembre 194713 maggio 2024[1]) è stato un chitarrista jazz manouche francese.

Christian Escoudé
NazionalitàBandiera della Francia Francia
GenereJazz manouche
StrumentoChitarra
EtichettaDreyfus, JMS, Nocturne, EmArcy, Sunnyside
Sito ufficiale

È cresciuto ad Angoulême, nell'ovest della Francia, ed è di discendenza rom da parte di padre e francese da parte di madre. Anche suo padre è stato un chitarrista jazz manouche, influenzato egli stesso da Django Reinhardt. All'età di dieci anni, suo padre iniziò ad insegnargli a suonare la chitarra e divenne un musicista professionista all'età di quindici anni. Il suo stile viene considerato come un mix di influenze bebop e gypsy jazz, caratterizzato dall'uso di vibrato, portamento e corse veloci.[2][3]

Iniziò a lavorare in coppia con Aldo Romano nel 1972. Negli anni '80 inoltre, fece parte del quartetto di John Lewis. Nel corso della sua lunga carriera suonò anche con Philip Catherine per un periodo. Al compimento dei quarant'anni, firmò con la Verve Records.[3]

Carriera

modifica

Anni '70 -'80

modifica

Dal 1969 al 1971 è stato membro della band di Aimé Barelli, mentre a Parigi si è unito al trio di Eddy Louiss,[4] Bernard Lubat e Aldo Romano. Successivamente, è entrato a far parte dello Swing String System di Didier Levallet e della Michel Portal Unit.[3]

Nel 1976 l'Académie du Jazz gli ha conferito il Premio Django Reinhardt. Successivamente ha formato un nuovo quartetto, questa volta con Michel Graillier, lo stesso Romano e Alby Cullaz, quest'ultimo presto sostituito da Jean-François Jenny-Clark. In questi anni lavorerà anche con Michel Portal, Slide Hampton, Martial Solal e Jean-Claude Fohrenbach.[2][4]

Nel 1978, si è esibito al Festival di Nizza insieme ad artisti del calibro di John Lewis,[4] Bill Evans, Stan Getz, Freddie Hubbard, Philly Joe Jones, Lee Konitz e Shelly Manne. Lo stesso anno, ha cominciato a partecipare all'annuale Festival de Samois, un omaggio a Reinhardt, festival a cui partecipa oggigiorno. Si è esibito al Festival de Dakar nel 1979 con il trio di René Urtreger, Pierre Michelot e Daniel Humair.[2]

Escoudé e il chitarrista John McLaughlin nel 1980 hanno intrapreso un sodalizio che li porterà in tour per l'intero anno ed il chitarrista francese l'anno successivo è entrato a far parte del gruppo dei Martial Solal. Nel 1983 Escoudé ha formato il Trio Gitan con Boulou Ferré e Babik Reinhardt, figlio di Django.[2][4]

Dal 1990 in poi

modifica

Nel 1990, Escoudé è riuscito a suonare al Village Vanguard di New York City accompagnato da Pierre Michelot, Hank Jones e Kenny Washington e l'anno successivo ha registrato un album di cover di canzoni scritte da Django Reinhardt, supportato da un'orchestra d'archi. Nel 1998 ha registrato A Suite for Gypsies, un album fusion jazz.

Nel 2004 Escoudé ha fondato il New Gypsy Trio con David Reinhardt (un altro parente del defunto Django) e Martin Taylor, mentre nel 2005 ha pubblicato l'album Ma Ya.

Nel 2012 ha pubblicato l'album Christian Escoudé joue Brassens: Au bois de mon cœur, un tributo al poeta e musicista francese di fama internazionale Georges Brassens. In quest'album Escoudé si avvale della presenza del bassista Pierre Boussaguet e della batterista Anne Paceo, con ospiti la violinista Fiona Monbet, il clarinettista Andre Villeger, il chitarrista jazz zingaro Biréli Lagrène e il chitarrista gitano di 11 anni Swan Berger.[5]

Discografia

modifica
  • Reunion (Musica, 1976)
  • Christian Escoude e Alby Cullaz (Red, 1979)
  • Return (Red, 1979)
  • Gousti (All Life, 1980)
  • Gipsy's Morning (JMS, 1981)
  • Trio (JMS, 1983)
  • Christian Escoude Group con Toots Thielemans (JMS, 1983)
  • Tris (JMS, 1985)
  • Gipsy Waltz (Mercury, 1989)
  • Interpreta Django Reinhardt (EmArcy / Gitanes, 1991)
  • Vacanze (EmArcy / Gitanes, 1993)
  • A LA (Verve / Gitanes, 1993)
  • Cookin 'in Hell's Kitchen (Verve / Gitanes, 1995)
  • Al Duc Des Lombards (Verve, 1997)
  • A Suite for Gypsies (EmArcy / Gitanes, 1998)
  • Charentes (Elabeth, 2001)
  • Paris Ma Muse (Fremeaux, 2001)
  • Ma Ya. Ya (Nocturne, 2005)
  • 20 Ans De Trio Gitan: Live in Marciac (Nocturne, 2007)
  • Le Nouveau Trio Gitan (Nocture, 2007)
  • Catalogne (Plus Loin, 2010)
  • Au Bois de Mon Coeur (Universal / EmArcy, 2011)
  • Saint-Germain-Des-Pres / The Music of John Lewis (Universal, 2013)
  1. ^ (FR) Christian Escoudé nous a quittés, su www.radiofrance.fr, 13 maggio 2024. URL consultato il 13 maggio 2024.
  2. ^ a b c d (EN) Christian Escoude, su sunnysiderecords.com. URL consultato il 16 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2016).
  3. ^ a b c (EN) Christian Escoude, su french-music.org. URL consultato il 16 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  4. ^ a b c d (EN) Mark Gilbert, The New Grove Dictionary of Jazz, a cura di Kernfeld, vol. 1, 2ª ed., New York, Grove's Dictionaries, 2002, p. 718, ISBN 1-56159-284-6.
  5. ^ (EN) Christian Escoudé : Christian Escoudé Plays Brassens: Au Bois de Mon Coeur, su jazztimes.com.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN46946218 · ISNI (EN0000 0000 5514 3368 · Europeana agent/base/54728 · LCCN (ENn97084572 · GND (DE134368592 · BNF (FRcb13893712g (data)