Christian Lobeck

filologo classico tedesco

Christian Lobeck (Naumburg, 5 giugno 1781Königsberg, 25 agosto 1860) è stato un filologo classico tedesco.

Christian Lobeck

BiografiaModifica

Lobeck nacque a Naumburg, nell'Elettorato di Sassonia. Dopo aver studiato presso le università di Jena e di Lipsia, diventò Privatdozent presso l'Università di Wittenberg nel 1802, e nel 1810 fu nominato professore. Quattro anni dopo accettò la cattedra di retorica e antica letteratura a Königsberg, che la occupò fino alla sua morte.

Le sue attività letterarie furono dedicate alla storia della religione greca e alla lingua greca e letteraria. Il suo più grande lavoro fu, Aglaophamus (1829), che sostiene i punti di vista espressi da G. F. Creuzer nel opera Symbolik (1810-1823); la religione dei misteri greci (in particolare quelli di Eleusi) non differiva sostanzialmente dalla religione nazionale; e che i sacerdoti in quanto tali non insegnavano né possedevano alcuna conoscenza superiore di Dio; che gli elementi orientali erano un'importazione successiva.

L'edizione di Lobeck dell'Aiace di Sofocle (1809), fu molto importante per il suo successo; altre opere importanti: Phrynichus (1820), Paralipomena grammaticae Graecae (vol. I-II; 1837), Pathologiae sermonis Graeci prolegomena (1843) e Pathologiae Graeci sermonis elementa (vol. I-II; 1853-62). Non aveva poca simpatia con la filologia comparata, ritenendo che fosse necessaria una vita per acquisire una conoscenza approfondita di una sola lingua.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN18018430 · ISNI (EN0000 0001 2099 4231 · LCCN (ENn86046014 · GND (DE118780212 · BNE (ESXX1345360 (data) · NLA (EN35333066 · BAV (EN495/86075 · CERL cnp00400032 · WorldCat Identities (ENlccn-n86046014
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie