Apri il menu principale

Christiane Nielsen, pseudonimo di Christiane Maria Kraaz (Würzburg, 10 settembre 1936Francoforte sul Meno, 8 aprile 2007), è stata un'attrice tedesca.

BiografiaModifica

Nata nel 1936 a Würzburg, figlia di un'insegnante e di un giudice, negli anni dell'infanzia studia danza e recitazione. Comincia a lavorare come assistente di un dentista nel 1955, ma nello stesso anno esordisce in teatro con "Rendez-vous a Vienna" al Martin Katz's Theater di Monaco. Contemporaneamente si licenzia e va a vivere in un lussuosissimo appartamento nel centro storico di Monaco.

Presto arriva anche l'esordio al cinema: ottiene una piccola parte nel film Donne all'inferno, (1958), di Werner Klingler, avviando così una carriera destinata a durare sino all'inizio degli anni settanta.

Nel 1961, già con due matrimoni alle spalle conclusisi con altrettanti divorzi, incontra l'algerino Miloud Ganga, che sposa nel 1963. Ma ben presto le cose non vanno come sperato: Ganga la tradisce passando le sue notti nei night-club della città, e così la Nielsen si trasferisce e va vivere a Roma. Nel 1964 nasce la sua prima figlia, Alia, mentre l'anno successivo nasce sua figlia Miriam, destinata a diventare un'attrice di successo della televisione tedesca.

Ormai incapace di gestire la già precaria situazione matrimoniale, affonda la sua disperazione nell'alcol. Nel 1968 si separa dal marito, (il divorzio arriverà l'anno successivo), e si trasferisce con le due figlie a Francoforte. Qui cerca di riprendere in mano la sua vita, lavorando dapprima in una boutique ed in seguito in un negozio di animali.

Dopo aver definitivamente abbandonato lo star-system, trova nel 1985 un precario impiego come donna delle pulizie. Segnata dalla tragicità della sua vita, nel 1986 va a vivere con l'amico Kurt Lehmann, sperando in una rentrée. Ci riesce parzialmente, quando le viene affidata la conduzione di un programma televisivo dalla principale emittente tedesca.

Ma dopo poco il sogno tramonta definitivamente, perché Lehmann muore e la Nielsen si ritrova di nuovo sola. Confortata solo dall'immancabile amore ed affetto delle due figlie, muore povera, sola e dimenticata nella primavera del 2007.

FilmografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN312620361 · GND (DE106173840X · WorldCat Identities (EN312620361
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie