Christopher Pissarides

economista britannico

Sir Christopher Pissarides, in greco Χριστόφορος Πισσαρίδης (Nicosia, 20 febbraio 1948), è un economista britannico-greco-cipriota, vincitore del Premio Nobel per l'economia nel 2010.

Christopher Pissarides
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per l'economia 2010

BiografiaModifica

 
Sede della London School of Economics

Pissarides, nato a Cipro, si è laureato in Economia nel 1971 all'università dell'Essex.[1] Si è successivamente iscritto alla London School of Economics, dove ottiene un master in Economia nel 1973 sotto la supervisione dell'economista matematico Michio Morishima.

È titolare della cattedra Norman Sosnow in Economia e direttore del Programma di ricerca sulla macroeconomia al Centro per le Performance Economiche, entrambi posizioni ricoperte presso la London School of Economics.[1]

Insieme al premio Nobel Edmund Phelps e ad altri economisti, fa parte del LIGEP (LUISS International Group on Economic Policy), un gruppo di ricerca interno all'Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli,[1] coordinato da Jean-Paul Fitoussi (professore alla stessa LUISS e all'Institut d'études politiques de Paris, conosciuto come Sciences Po), che si occupa di analizzare periodicamente la situazione economica mondiale ed italiana[2]

Le sue ricerche si focalizzano su alcune delle tematiche proprie della macroeconomia, tra le quali l'impiego, la crescita economica e le politiche economiche.

Nel 2010, ha ricevuto il Premio Nobel per l'economia, insieme agli statunitensi Peter Diamond e Dale Mortensen,[1] per i suoi contributi alla teoria delle frizioni di mercato (search friction) nella ricerca ed offerta di un lavoro. È la prima e tuttora unica persona di origini cipriote a vincere un Premio Nobel.

PosizioniModifica

Sebbene alcuni reportage giornalistici annoverino Pissarides tra i sei (o sette) Nobel "anti-euro", il professore si è dichiarato «a favore della moneta unica» ma «contrario alle politiche che sono state adottate nell'Eurozona».[3]

Nel giugno 2020 ha firmato l'appello internazionale per l'economia viola («Per un rinascimento culturale dell'economia») pubblicato sul Corriere della Sera,[4] El País[5] e Le Monde.[6]

PubblicazioniModifica

  • Labour market adjustment : microeconomic foundations of short-run neoclassical and Keynesian dynamics, Cambridge, Cambridge University Press, 1976.
  • Equilibrium unemployment theory, Basil, Blackwell, 1990. Seconda edizione Cambridge (Mass.), MIT Press, 2000.
  • The impact of employment tax cuts on unemployment and wages : the role of unemployment benefits and tax structure, London, London School of Economics and Political Science. Centre for Economic Performance, 1997.
  • New developments in models of search in the labour market, coautore Dale T. Mortensen, London, Centre for economic policy research, 1999.
  • Job reallocation, employement fluctuations and unemployement, coautore Dale T. Mortensen, London, London school of economics, Centre for economic performance, 1999.
  • Consumption and savings with unemployment risk : implications for employment contracts, London, Centre for Economic Policy Research, 2002.
  • Women at work : an economic perspective, coautori Tito Boeri, Daniela Del Boca, Oxford, Oxford University Press, 2005.
  • National bureau of economic research, international seminar on macroeconomics, 2005, coautore Jeffrey A. Frankel, Cambridge (MA), MIT Press, 2007.
  • The ins and outs of European unemployment, coautore B. Petrongolo, London, Centre for Economic Policy Research, 2008.
  • Taxes, social subsidies and the allocation of work time, coautrice Liwa Rachel Ngai, London, Centre for Economic Policy Research, 2011.

OnorificenzeModifica

  Knight Bachelor
«Per i servizi resi all'economia.»
— 15 giugno 2013[7]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Fonte: Treccani.it L'Enciclopedia Italiana, riferimenti in Collegamenti esterni.
  2. ^ After the crisis: the way ahead. Presentazione Rapporto LIGEP < Ottobre 2010 < Calendario < LUISS Guido Carli
  3. ^ http://www.linkiesta.it/italia-crisi-ripresa-pissarides-nobel-intervista Archiviato il 6 gennaio 2015 in Internet Archive. Intervista a Cristopher Pissarides (Premio Nobel per l'economia 2010) di Marcello Esposito, Linkiesta, 8/12/2014
  4. ^ Per un rinascimento culturale dell'economia, su corriere.it, Corriere della Sera, 7 giugno 2020. URL consultato il 26 agosto 2020.
  5. ^ (ES) “Por un renacimiento cultural de la economía”: el manifiesto de una veintena de intelectuales para una nueva época, su elpais.com, El País, 7 giugno 2020. URL consultato il 26 agosto 2020.
  6. ^ (FR) En dépit de son importance croissante, le culturel n’a pas suffisamment été pensé comme un écosystème, su lemonde.fr, Le Monde, 7 giugno 2020. URL consultato il 26 agosto 2020.
  7. ^ (EN) The London Gazette (PDF), n. 60534, 15 June 2013, p. 2.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34518071 · ISNI (EN0000 0001 0886 5170 · ORCID (EN0000-0002-0695-058X · LCCN (ENn88283850 · GND (DE124823297 · BNF (FRcb12278606w (data) · J9U (ENHE987007431452305171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-n88283850