Apri il menu principale

Primi anniModifica

I suoi genitori erano Juan José Navarro, direttore e esecutore di ottavino della banda militare della città e Silvestra Moreno. Rimase orfano di padre quando aveva tre anni nel 1916. Più tardi si trasferì ad Aguascalientes, dove trascorse la sua infanzia e l'adolescenza.

Già all'età di quattro anni cantava nella locanda di sua madre con sua sorella Antonia, di dieci anni più grande, che accompagnava cantando come contralto, perché la tessitura del bambino era molto alta ed era l'attrazione della locanda (dato che era così piccolo sua sorella lo tirava per un orecchio per farlo obbedire) gli insegnò anche a suonare la chitarra e insieme cantavano molte canzoni del secolo scorso.

Sua madre morì nel 1930 quando lui aveva 17 anni e partì per Città del Messico per vedere suo nonno, il generale Juan José Navarro Ibarguengoitya e aiutato dalla sua chitarra, continuò i suoi studi fino a quando non si iscrisse alla Facoltà di Medicina. In quel periodo incontrò il chitarrista Alfredo Bojalil Gil (più tardi noto come Alfredo Gil) nella stazione radio XEW dove collaborarono, cantando o suonando la chitarra, con l'orchestra o con qualche interprete che aveva bisogno del loro aiuto, tra i quali, ad esempio, il portoricano Rafael Hernández, Toña la Negra, Pedro Vargas e Agustín Lara.

Los PanchosModifica

A metà del 1937 Chucho interruppe la sua tesi di laurea presso la Facoltà di Medicina e creò un gruppo di voci e chitarre che suonavano musica folcloristica messicana con Alfredo Gil e il fratello maggiore, Felipe Bojalil Gil, che fu chiamato "El Charro Gil Y Sus Caporales". Nel 1938 partirono per New York dove rimasero per 10 anni. Dopo sei anni, Felipe Gil, conosciuto come il "Charro Gil", incontrò la cantante Eva Garza con la quale si sposò e separandosi dal gruppo all'inizio del 1944.

Alfredo Gil e Chucho Navarro, determinati a continuare insieme come artisti, iniziarono la ricerca di una prima voce per il loro nuovo gruppo. Il prescelto fu il cantante e chitarrista portoricano Hernando Avilés, che originariamente cantava tanghi con orchestra, a Manhattan. Così il 14 maggio 1944 Chucho Navarro, Alfredo Gil e Hernando Aviles, avviarono un proprio gruppo chiamato Los Panchos che debuttarono nel Teatro spagnolo di New York, nell'Hotel Pierre ed alla Carnegie Hall.

L'idea del nome "Los Panchos" nacque dal riconoscimento del nome "Pancho" come simbolo dell'identità messicana per via della popolarità del guerrigliero Pancho Villa.

Quando gli artisti tornarono da New York in Messico nel 1948, erano già riconosciuti nei luoghi più reconditi della Repubblica e quando visitarono il Messico, erano già un'istituzione riconosciuta per il concetto "creato" da loro di cantare boleri a tre voci, inoltre avevano introdotto lo strumento chiamato requinto che era stato inventato e brevettato da Alfredo Gil.

Le prime presentazioni del Trio, furono fatte a "El Patio", che diventò così la discoteca più apprezzata di quel tempo. Poi stabilirono una tradizione nella "Blanquita", nel "Teatro Folis", nel "Teatro de la Ciudad" e in molti locali notturni.

Fu anche uno dei primi musicisti famosi a celebrare le sue "Nozze d'argento" (25 anni) al "Teatro de Bellas Artes". Non poté celebrare le "Nozze d'oro", poiché morì il 24 dicembre 1993 all'età di 80 anni, a Città del Messico, essendo l'unico membro fondatore del trio che rimase attivo nel gruppo fino alla sua morte.

Come compositoreModifica

A suo nome furono registrate quasi mille canzoni, raggruppate per genere come segue:

  • Canzoni vernacolari:
    Canción del camino”, Por ellas”, Soy ranchero”, El aguamielero”, El Guayabo”, Borracho enamorado”, Ya con el tiempo”, Aquí vengo”.
  • Canzoni festive:
    El burro socarrón”, Peláos estos”, Gendarme 777”, Cosas que pasan”, El tigre rasurado”, El zapato”, El Loro Profesor.
  • Canzoni religiose:
    Vive Dios”, Cristo de Río”, Yo pecador”, Dios te bendiga”, Navidad y Año Nuevo”, ”Hable con Dios”.
  • Canzoni scritte per la prima voce Hernando Aviles:
    Lejos de Borinquen”

Canzoni classiche del primo e secondo periodo d'oroModifica

Primo periodoModifica

  • “Rayito de Luna”
  • “Una Copa más”
  • ”Sin un Amor”
  • “Sin remedio”
  • “Maldito corazón”
  • “Te espero”
  • "Hasta mañana”
  • “Una voz”
  • “Volverás”
  • “Perdida”
  • “Alma de negro”
  • “Amor de maldición”
  • “Cosas que pasan”
  • “Flor del arroyo”
  • “Dulce, dulce, dulce”
  • “Regresa mi canción”
  • “Eternamente”
  • “Princesa de la noche”
  • “Miedo”,”Flor del Arroyo”
  • “Flor de Roca”
  • “Lo dudo”
  • “Olvida lo pasado”
  • “No me dejes”
  • “Fácil”
  • “Escándalo”
  • “Dos palabras más”
  • “No me vuelvas a ver”

Secondo periodo (con Jhonny Albino)Modifica

  • “Jamás, jamás, jamás”
  • “La corriente”
  • “Cruel filosofía”
  • “Al canto de la paloma”
  • “Llora por mí”
  • “Me quedé dormido”
  • “Se vive una vez”
  • “La geisha”
  • “Se llama fujiyama”
  • “Rumba japonesa”
  • “Nuestros hijos”
  • “Pérdida”
  • “El árbol viejo”

Il successo sulle scene più importanti del mondoModifica

  • “Teatro de Bellas Artes”
  • ”Teatro Margo”
  • “Teatro Blanquita”
  • “Teatro de la Ciudad”
  • ”Teatro Follis”
  • "El Patio”
  • ”El Cápri”
  • ”Esperanza Iris”
  • ”Carpa Rio”
  • ”Carpa México" e l'"Auditorio Nacional", México
  • “Hotel Pierre”
  • ”Teatro Carnegie hall”, Nueva york
  • “Date Country Auditórium”, Miami
  • “Caribe Hilton”
  • “Teatro de Bellas Artes”, Puerto Rico
  • “Hotel-Casino de Atlantic City”
  • “Teatro Teresa Carreño” de Venezuela
  • “Hotel Tequendama”, Bogotá
  • ”Fortaleza” Cartagena de Indias Col.
  • “Viña del Mar”, Chile
  • “Teatro Austral”, “Teatro de la Plata” y “Teatro Opera”, en Buenos Aires, Argentina etc.

In Europa: nella penisola Ibérica,

  • ”Bar Chicote”, ”Cleofás” en Madrid “Auditorios”
  • Nel País Vasco, San Sebastián, ”En Palacio”

Nelle Asturie, a Barcellona, nelle sette isole Canarie, ecc.. In Giappone viaggiarono più volte, arrivarono per la prima volta all'inizio degli anni '50, con Raúl Shaw Moreno prima voce e in seguito registrarono sette Long Plays, con Johnny Albino. In quel paese così lontano il successo fu così grande che emersero molti trii per imitazione: Los Panchos de Tokio, Los Panchos de Osaka, Los Panchos de Nagoya, Fuji, ecc.

DiscografíaModifica

Los Panchos hanno registrato in spagnolo, loro lingua originale, ma hanno anche azzardato registrazioni in giapponese, greco, inglese, russo e arabo. Dopo il pensionamento di Alfredo Gil per affaticamento, Chucho Navarro registrerà altri due album con il trio: "Los Panchos Hoy" e "Los Panchos A su Manera", dove furono comprese in spagnolo canzoni italiane e francesi per il "Mondiale di calcio, Barcelona 92" e come aiuto alla pratica della lingua.

Los Panchos furono premiati in paesi lontani come l'Egitto, la Grecia, il Giappone, la Cina, la Tailandia e l'ex Unione Sovietica, proprio in un momento in cui non era così facile raggiungere luoghi come questi. La discografia di "Los Panchos" comprende più di 300 LP, con circa 3500 canzoni. Questa discografia non è stata catalogata fino ad ora.

Frasi di Chucho NavarroModifica

"Una missione compiuta": "Ho visto nascere migliaia di cose nella mia vita, il secolo, la rinascita, la conquista dello spazio e mille teorie che portano l'uomo verso una vita migliore, ma di tutto il poco che sono stato, ringrazio la vita, missione compiuta, missione compiuta." Messico, 1976.

"Mi sento felice perché dopo quasi mezzo secolo, Los Panchos continuano ad interessare ed emozionare i giovani. È meraviglioso vedere come la i locali si riempiano di giovani che vanno dai 15 ai 30 anni. Ciò significa che sono interessati alla canzone romantica, che sono toccati dai testi delle nostre canzoni che parlano solo di amore".- Messico, 1993.

"Quando morirò, lo farò con la soddisfazione di aver creato uno stile così peculiare, che finora nessun altro trio è stato in grado di superarlo, nemmeno essendoci stati così tanti imitatori. Essere diversi era la mia più grande preoccupazione da quando abbiamo iniziato la nostra carriera".- Messico, 1986.

"La più grande soddisfazione che potrei portarmi nell'altro mondo sarebbe la convinzione che Los Panchos continuano ad essere ascoltati i in tutto il mondo. Spero che mio figlio si prenda cura di loro." - Madrid Spagna, 1990.

"Ho una profonda convinzione che Dio mi ha aiutato in ogni momento della mia vita. Quei giorni in cui abbiamo viaggiato in tutto il mondo e abbiamo sempre avuto successo e riconoscimento, è solo quello che ci ha dato Dio". -. Messico, dicembre 1993.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN87750211 · ISNI (EN0000 0000 6101 7456 · GND (DE105750811X · BNF (FRcb13806200z (data) · WorldCat Identities (EN87750211