Ciane

corso d'acqua della Sicilia
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ciane (disambigua).
Ciane
Papiro-Ciane.jpg
Il fiume Ciane con i suoi papiri
Stato Italia Italia
Regioni Sicilia Sicilia
Lunghezza 37 km
Altitudine sorgente 566 m s.l.m.
Nasce Cugno Cardinale (Provincia di Siracusa)
Sfocia Porto Grande di Siracusa Mar Ionio

« Io fui Cyane azzurra come l'aria.
L'acqua sorgiva mi restò negli occhi;
la lenta corrente mi levigò.
 »

(Gabriele D'Annunzio, Alcyone, l'oleandro, le Laudi.)

Il fiume Ciane (Kyanòs, Κυανός in greco antico) è un breve corso d'acqua della Sicilia orientale che nasce dalle sorgenti Pisma e Pismotta, che sgorgano ai piedi del Cozzo Pantano, e sfocia nel porto grande di Siracusa dopo un breve percorso. È un fiume perenne alimentato anche nel periodo estivo, ciò ha contribuito al nascere degli insediamenti umani nel territorio circostante.

StoriaModifica

Il nome Ciane deriva dal greco cyanos, κυανός, che significa "verde-azzurro", e richiama il colore particolare delle acque e del papiro di queste zone. La sua fama è legata soprattutto alla presenza del papiro che cresce spontaneo nelle rive. Sembra che la presenza del papiro sul corso d'acqua risalga al III secolo a.C. quando arrivarono dall'Egitto alcune piante inviate da Tolomeo II Filadelfo all'amico e alleato Gerone II. Il primo ad approfondire le ricerche sullo sfruttamento del papiro e la sua lavorazione fu lo studioso locale Saverio Landolina che, già nel 1780 ne chiese il controllo e la tutela. A distanza di quasi due secoli, il Consiglio d'Europa includerà il papiro del Ciane nell'elenco dei biotopi di grande interesse naturalistico e, quindi, meritevole di massima tutela.

La grande importanza ecologica dell'area fluviale è stata riconosciuta e protetta con l'istituzione della Riserva naturale Fiume Ciane e Saline di Siracusa nel 1984.

Al fiume Ciane è associato uno dei tanti miti di Siracusa e dell'antica Grecia.

(LA)

« ...praeterit et Cyanen et fontes lenis Anapi »

(IT)

« ...supera anche Ciane e le fonti del tranquillo Anapo »

(Ovidio, Fasti IV, 469)

Quando il pittore Jean-Pierre Houël nel 1777, durante il suo viaggio in Sicilia per il grand tour vide il Ciane così descrisse le sue acque:

« Quando si è in un battello, su queste calme trasparenti si ha l'impressione, come per magia, di volare; si gode, inoltre, te lo spettacolo di vedere i pesci che giocano, girano in tondo o si attaccano i fondali. Si vedono mentre si nascondono sotto le piante, che sembrano composte di un tessuto di seta molto delicato: i pesci si credono ben al riparo dietro questa rete, ma il luccichio delle loro scaglie dorate o argentate le fa sembrare, in questo fondo trasparente, come fiori brillanti. Alcuni si smarriscono nella corrente del fiume è, allora, gettando della rete, si pescano più facilmente. »

(Jean Houël, Voyage pittoresque des isles de Sicile, de Malte et de Lipari, 1782-1787)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica