Večernij Urgant

(Reindirizzamento da Ciao 2020)
Večernij Urgant
Логотип программы "Вечерний Ургант".svg
Titolo originaleВечерний Ургант
PaeseRussia
Anno2012 – in produzione
Generetalk show
Puntate857
Lingua originalerusso
Crediti
ConduttoreIvan Urgant
RegiaRoman Butovsky
Alex Boltenko
AutoriIvan Urgant
ProduttoreIvan Urgant
Andrey Boltenko
Alexander Fayfman
Konstantin Ernst
Produttore esecutivoDmitry Koshkin
Casa di produzionePervyĭ kanal
Rete televisivaChannel One Russia

Večernij Urgant (in russo: Вечерний Ургант?, letteralmente L'Urgant della sera) è un programma televisivo russo ispirato al David Letterman Show[1] condotto da Ivan Urgant e in onda dal 2012 su Pervyj kanal.

StrutturaModifica

Ogni puntata inizia con un'apertura tranquilla, con battute di solito associate agli ospiti della serata. Seguono i titoli di apertura con una serie di scatti notturni di Mosca, la strada che è Urgant. Tornato in studio, Urgant propone un monologo introduttivo con battute sull'attualità, la cultura pop o la politica. Successivamente, lo spettacolo prosegue con una o più parodie o temi ricorrenti, dopodiché Urgant presenta gli ospiti della serata per un'intervista personale. Il segmento finale dello spettacolo prevede un'esibizione dal vivo di un ospite musicale.

Lo spettacolo viene registrato dal vivo davanti a un pubblico alle 16:30 (ora di Mosca, UTC+3) del giorno della messa in onda della puntata, anche se alcune interviste possono anche essere state registrate con giorni di anticipo, a seconda della disponibilità dell'ospite. Chiunque abbia più di 16 anni può compilare una domanda di registrazione sul sito web dello show per far parte del pubblico dello studio.[2]

Ciao, 2020!Modifica

Ciao, 2020! è stata un'edizione speciale andata in onda il 30 dicembre 2020 e trasmessa completamente in lingua italiana, con sottotitoli in russo.[3]

Il programma, condotto da Ivan Urgant nei panni di Giovanni Urganti, ha proposto una parodia del tradizionale programma televisivo Goluboj ogonëk trasmesso la notte di Capodanno dalla televisione sovietica,[4] attraverso una ricostruzione filologica dei varietà trasmessi dalle reti televisive italiane negli anni ottanta, nella quale sono stati reinterpretati balletti e canzoni nello stile italiano di quegli anni, intervallati da interviste improbabili ad artisti fittizi, mimando sia il sound originale della musica del periodo sia la regia, come le sequenze ripetute di ospiti che ballano davanti alla telecamera mentre questa si fa spazio tra la folla.[5]

Le canzoni presenti nello show, con l'eccezione di una cover in versione hardbass di Mamma Maria dei Ricchi e Poveri, sono state riadattamenti in italiano di brani tradizionali oppure singoli degli artisti russi che hanno partecipato alla trasmissione.[6][7]

Il programmaModifica

Il programma, ispirato a Drive In, Popcorn e Discoring, è stato aperto da un'introduzione del presentatore Giovanni Urganti (Ivan Urgant) in russo:

(RU)

«Добрый вечер, добрые зрители, по традиции новогодний выпуск должен был выйти сегодня, но из-за того, каким был 2020 год, решили не снимать. Не было желания, не было нужного настроения, не хватило сил. Но как заполнить образовавшуюся в графике пустоту? Мы поняли, что в этом году мы не можем уехать за границу, никто не может к нам приехать и что уместно хотя бы на мгновение забыть, что мы так разлучены, и вспомнить, что мы одна большая Планета. А что мы больше всего любим смотреть в новогоднюю ночь? Концерты звезд итальянской эстрады. Мы связались с нашими итальянскими коллегами, и они разрешили нам сегодня транслировать на Первом канале итальянское новогоднее музыкальное шоу «CIAO, 2020». Фантастические песни, звучание итальянского языка, итальянские исполнители помогут вам улучшить настроение и позволят с легкостью встретить этот 2020 год. Передаю слово своим итальянским коллегам.»

(IT)

«Buonasera gentili spettatori, per tradizione oggi sarebbe dovuta uscire la puntata di Capodanno, ma per come è stato il 2020 abbiamo deciso di non girarla. Non c’era il desiderio, non c’era l’umore necessario, non ne avevamo le forze. Ma come riempire il vuoto che si è creato nel palinsesto? Abbiamo capito che quest’anno non siamo potuti andare all'estero, nessuno è potuto venire da noi, e che è il caso di dimenticare almeno per un attimo che siamo così separati, e ricordarci che siamo un solo grande Pianeta. E cosa amiamo più di tutto guardare per Capodanno? I concerti delle stelle del pop italiano. Ci siamo rivolti ai nostri colleghi italiani e loro ci hanno consentito di mandare oggi in onda su Pervyj kanal lo show musicale del Capodanno italiano che si intitola "CIAO, 2020". Le fantastiche canzoni, il suono della lingua italiana, gli artisti italiani vi aiuteranno a migliorare l’umore e vi permetteranno di salutare questo 2020 a cuor leggero. Passo la parola ai colleghi italiani.»

(Ivan Urgant)

Dopo l'introduzione, è partito il primo stacco musicale dal titolo Cinque Minuti, interpretato dallo stesso personaggio, stereotipo di un presentatore italiano dotato di papillon, giacca a righe e una montatura che ricorda quella usata da Toto Cutugno. Poi è stata la volta di Niletto Niletti e Claudia Cocca, che hanno cantato Crush, il cui peculiarissimo testo suona così: "Tu sei mio nemico, non sei mio amico / Io sono maniaco, io posso strozzare a te, tu sarai sempre mia". Il programma è continuato con l'intervista al regista pornografico Alessandro Pallini, seguita da un nuovo stacco musicale per opera di Jony, La Cometa.

Alternando momenti musicali a interviste, il programma è giunto al gran finale con l'ingresso in scena di Pippo il Secondo, una specie di papa ortodosso che autorizza l'inizio del nuovo anno, attivando da una ciabatta l'accensione delle luci di un albero di Natale alle sue spalle. In chiusura, è stato interpretato il brano Chiesi io al Frassino.

Allusioni sessualiModifica

La trasmissione è stata costellata di continui riferimenti sessuali. Durante la tombola, ad esempio, venivano estratti esclusivamente i numeri che iniziano per sessanta, e le telecamere inquadravano insistentemente il décolleté della valletta Allegra Michele (Alla Micheeva) mentre scandiva le prime lettere del numero estratto (siss... antacinque e così via) rendendo chiaro il riferimento alla parola sis'ki (сиськи, seno).

Le allusioni continuavano durante l'intervista al regista pornografico Alessandro Pallini (Aleksandr Pal), il quale mostrava al conduttore la sua nuova opera utilizzando una telecamera portatile ed enfatizzando la presenza di soli attori uomini. E ancora, durante lo stacco pubblicitario (anch'esso fittizio e parte integrante del programma), un uomo vestito da Babbo Natale rientrando in casa sorprendeva un ragazzo muscoloso a letto insieme alla moglie, la quale, alla richiesta di spiegazioni, rispondeva che grazie al detersivo Buono esegue più velocemente le faccende domestiche così rimane più tempo per l'amore. Il marito, alla fine, li raggiungeva a letto.

Si continua con l'intervista alle attrici del telefilm Quattro putane (in russo Чики [chiki], ragazze). Si sono presentate solo tre delle quattro protagoniste: Irene Nosa (Irina Nosova) affermerà che la quarta sta lavorando. Infine, in una delle interviste, il comico Enrico Carlacci (Garik Charlamov) ha cantato una canzone che ripeteva incessantemente E canti, e balli: e balli ha un'assonanza con il termine russo jebat' (ебать, scopare).

Partecipanti e canzoniModifica

Pos. Artista Nome italianizzato Canzone
(titolo originale)
Note
1 Ivan Urgant Giovanni Urganti e Tutti Frutti Cinque minuti
(Пять минут, Pjat minut)
La canzone proviene del musical Karnaval'naja noč' (Карнавальная ночь, Notte di carnevale) e originariamente cantata da Ljudmila Gurčenko[8]
2 Niletto e Klava Koka Niletto Niletti e Claudia Cocca Crush
(Краш, Kraš)
3 Jony Jony La cometa
(Комета, Kometa)
4 Artik & Asti Arti e Asti Bambina balla
(Девочка танцуй, Dévočka, tantsùj)
5 Cream Soda & Khleb Crema de la Soda Piango al techno
(Плачу на техно, Plàchu na tekhno)
6 Dora La Dora Innamorata
(Втюрилась, Vtjùrilas)
7 Danya Milokhin & Nikolay Baskov Danielle Milocchi e Nicola Bascha La baldoria
(Дико тусим, Diko tusìm)
8 Egor Kreed Giorgio Criddi Ragazza copertina
(Девочка с картинки, Devochka s kartinki)
9 Ivan Dorn Giovanni Dorni Cicchi
(Чики, Čiki)
10 Zivert Julia Ziverti Credo
(Credo)
Il nome della canzone rimane invariato, siccome uguale all'omonimo italiano[8]
11 Little Big Piccolo Grandi Mamma Maria La canzone è una cover hardcore del brano originale dei Ricchi e Poveri[8]
12 Monetochka, Vitya Isaev, Ivan Urgant La Soldinetta, Vittorio Isaia e Giovanni Urganti Chiesi io al frassino
(Я спросил у ясеня, Ya sprosil u yasenya)
La canzone fa parte della colonna sonora, originariamente cantata da Sergei Nikitin, del film degli anni settanta L'ironia del destino, oppure Buona sauna!, classico film di capodanno[8]

NoteModifica

  1. ^ (RU) Иван Ургант рассказал о своей программе, su urgantshow.ru, 20 aprile 2012.
  2. ^ (RU) Записаться на шоу - Вечерний Ургант, Pervyj kanal.
  3. ^ Cristiano Sala, "Ciao, 2020!", in Russia lo show di Capodanno è tutto in italiano, su ilmessaggero.it, 31 dicembre 2020. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  4. ^ Viktoria Rjabikova, Tutto quello che c’è da sapere su “Goluboj Ogonjok”, il tradizionale show tv del Capodanno russo.
  5. ^ La trasmissione del Capodanno russo è tutta in italiano (maccheronico) e fa morire dal ridere, su Russia Beyond, 31 dicembre 2020.
  6. ^ Cos'è 'Ciao, 2020!', la parodia russa di un Capodanno tv italiano anni '80 che è diventata virale, su Rolling Stone Italia, 2 gennaio 2021. URL consultato il 3 gennaio 2021.
  7. ^ Il programma di Capodanno sulla tv russa in italiano maccheronico: la guida per capirne di più, su Russia beyond, 2 gennaio 2021.
  8. ^ a b c d Giorgia Iovane, Ciao, 2020!, tutte le canzoni della parodia russa sulla tv italiana, su soundsblog.it, 2 gennaio 2021. URL consultato il 4 gennaio 2021.

Altri progettiModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione