Apri il menu principale

La Cima Coppi è il punto più alto, per altitudine, raggiunto dai ciclisti professionisti durante ciascun Giro d'Italia. È stata istituita nel 1965 in omaggio, cinque anni dopo la morte, del "campionissimo" Fausto Coppi.

Cima Coppi anno per annoModifica

 
I tornanti del passo dello Stelvio

La Cima Coppi cambia di anno in anno, in relazione al profilo altimetrico del Giro d'Italia, ma la Cima Coppi per antonomasia rimane il Passo dello Stelvio, che con i suoi 2758 m s.l.m è il punto più alto mai raggiunto dal Giro, nelle edizioni 1972, 1975, 1980, 1994, 2005, 2012, 2014 e 2017, nonché il valico stradale più alto d'Italia. Il transito sullo Stelvio era previsto anche nelle edizioni 1965, 1988 e 2013, ma nel primo caso la scalata si è fermata a 800 metri dalla cima causa slavina, mentre negli altri due non si è svolta affatto per maltempo, cambiando il tragitto della tappa.

Altri annullamenti ci sono stati nel 1978 per il Pordoi causa neve (la nuova Cima Coppi fu il passo Valles),[1] nel 1989 per il Passo Gavia causa maltempo, nel 1995 per il Colle dell'Agnello causa slavina e nel 2001 per il Colle Fauniera per protesta dei corridori riguardo a vicende antidoping. Nel 2009 la Cima Coppi inizialmente prevista ai 2068 m s.l.m. del Blockhaus nella 17ª tappa, fu posta, causa variazione di percorso, ai 2035 m del Sestriere.

Edizione particolare quella del 2014 in cui i ciclisti hanno percorso, nel corso della stessa durissima tappa, sia il Passo del Gavia che il Passo dello Stelvio, passaggi già previsti in edizioni precedenti della "corsa rosa" (ultima volta l'anno precedente), ma mai effettivamente affrontati entrambi a causa di condizioni meteorologiche sfavorevoli o pericolose.

Per l'edizione 2019 la Cima Coppi inizialmente prevista era il Passo di Gavia, che avrebbe dovuto essere transitato durante la sedicesima tappa. Successivamente però ne è stato annullato il passaggio per la troppa neve, e quindi la nuova Cima Coppi è diventata il Passo Manghen, scalato nella ventesima frazione.[2]

Elenco delle Cime CoppiModifica

Segue l'elenco della Cima Coppi nelle varie edizioni, con il nome del ciclista che per primo vi ha transitato.

Edizione Cima Quota (m) Ciclista
1965 Passo dello Stelvio 2758[3]   Graziano Battistini
1966 Passo Pordoi 2239   Franco Bitossi
1967 Tre Cime di Lavaredo 2320   Felice Gimondi
1968 Tre Cime di Lavaredo 2320   Eddy Merckx
1969 Passo Sella 2214   Claudio Michelotto
1970 Passo Pordoi 2239   Luciano Armani
1971 Großglockner 2506   Pierfranco Vianelli
1972 Passo dello Stelvio 2758   José Manuel Fuente
1973 Passo di Giau 2236   José Manuel Fuente
1974 Tre Cime di Lavaredo 2320   José Manuel Fuente
1975 Passo dello Stelvio 2758   Francisco Galdós
1976 Passo Sella 2214   Andrés Gandarias
1977 Valparola 2200   Faustino Fernández Ovies
1978 Passo Valles 2033   Gianbattista Baronchelli
1979 Passo Pordoi 2239   Leonardo Natale
1980 Passo dello Stelvio 2758   Jean-René Bernaudeau
1981 Tre Cime di Lavaredo 2320   Beat Breu
1982 Col d'Izoard 2361   Lucien Van Impe
1983 Passo Pordoi 2239   Marino Lejarreta
1984 Passo Pordoi 2239   Laurent Fignon
1985 Passo del Sempione 2005   Reynel Montoya
1986 Passo Pordoi 2239   Pedro Muñoz
1987 Passo Pordoi 2239   Jean-Claude Bagot
1988 Passo dello Stelvio 2758 non scalato causa neve[4]
1989 Passo di Gavia 2621 tappa annullata per maltempo
1990 Passo Pordoi 2239 1º passaggio -   Maurizio Vandelli
2º passaggio -   Charly Mottet
1991 Passo Pordoi 2239 1º passaggio -   Franco Vona
2º passaggio -   Franco Chioccioli
1992 Passo Pordoi 2239   Claudio Chiappucci
1993 Passo Pordoi 2239   Miguel Indurain
1994 Passo dello Stelvio 2758   Franco Vona
1995 Colle dell'Agnello 2744 non scalato causa slavina
1996 Passo di Gavia 2621   Hernán Buenahora
1997 Passo Pordoi 2239   José Jaime González
1998 Passo Sella 2214   Marco Pantani
1999 Passo di Gavia 2621   José Jaime González
2000 Colle dell'Agnello 2744   José Jaime González
2001 Colle Fauniera 2511 tappa annullata per protesta dei corridori
2002 Passo Pordoi 2239   Julio Alberto Pérez Cuapio
2003 Colle d'Esischie 2366   Freddy González
2004 Passo di Gavia 2621   Vladimir Miholjević
2005 Passo dello Stelvio 2758   José Rujano
2006 Passo di Gavia 2621   Juan Manuel Gárate
2007 Colle dell'Agnello 2744   Yoann Le Boulanger
2008 Passo di Gavia 2621   Julio Alberto Pérez Cuapio
2009 Colle del Sestriere 2035   Stefano Garzelli
2010 Passo di Gavia 2618   Johann Tschopp
2011 Passo di Giau 2236   Stefano Garzelli
2012 Passo dello Stelvio 2758   Thomas De Gendt
2013 Tre Cime di Lavaredo[5] 2304   Vincenzo Nibali
2014 Passo dello Stelvio 2758   Dario Cataldo
2015 Colle delle Finestre 2178   Mikel Landa
2016 Colle dell'Agnello 2744   Michele Scarponi
2017 Passo dello Stelvio 2758   Mikel Landa
2018 Colle delle Finestre 2178   Chris Froome
2019 Passo Manghen[6] 2047   Fausto Masnada

NoteModifica

  1. ^ Passo di San Pellegrino (1918m), su ilciclismo.it.
  2. ^ Stefano Villa, Giro d'Italia 2019, cambia la Cima Coppi dopo la cancellazione del Passo Gavia! Scopriamo la nuova vetta più alta, su oasport.it, 25 maggio 2019.
  3. ^ Il tempo fu neutralizzato a 800 m dallo scollinamento a causa di una slavina.
  4. ^ Il barometro scende al Giro Bernard sale in classifica (PDF), in L'Unità, 7 giugno 1988. URL consultato il 25 giugno 2019.
  5. ^ Inizialmente prevista sul Passo dello Stelvio, prima dell'annullamento della tappa causa neve.
  6. ^ Inizialmente prevista sul Passo di Gavia, prima dell'annullamento a causa dell'intransitabilità.
  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo