Apri il menu principale
Cimitero di San Cataldo
San Cataldo 4.jpg
Il cubo-ossario di Aldo Rossi e Gianni Braghieri
Tipocivile
Stato attualein uso
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàModena
LuogoSan Cataldo
Costruzione
ArchitettoCesare Costa
Aldo Rossi
Gianni Braghieri
Tombe famoseAlberto Braglia

Nicola Fabrizi
Enzo Ferrari
Paolo Ferrari
Telesforo Fini
Giuseppe Panini

Virginia Reiter
Mappa di localizzazione

Coordinate: 44°39′37.91″N 10°54′22.36″E / 44.66053°N 10.90621°E44.66053; 10.90621

Il cimitero di San Cataldo è un cimitero situato nel sobborgo di San Cataldo, nella periferia urbana del quartiere Madonnina di Modena, in Emilia-Romagna, in prossimità dell'uscita 12 San Cataldo - Ponte Alto - Madonnina della tangenziale di Modena.[1]

Il complesso architettonico è suddiviso in tre parti:

  • il cimitero storico, realizzato da Cesare Costa tra il 1858 e il 1876;
  • il cimitero ebraico del 1903;
  • il cimitero nuovo, progettato dall'architetto Aldo Rossi e Gianni Braghieri nel 1971 ed inaugurato nel 1984 (incompiuto).

All'esterno del cimitero vi è il santuario della Madonna del Murazzo, ricostruito alla fine del XIX secolo in forme gotiche-lombarde, con campanile ed ex-convento francescano di San Cataldo[2][3].

Indice

Cimitero vecchioModifica

 
Cimitero storico

Il cimitero storico è formato da un grande quadriportico a base rettangolare, di 272 metri per 180 metri, con lunghi corridoi e colonne doriche. Le facciate sono interrotte da architetture che richiamano i templi greci e grandi tombe di famiglia negli angoli. Il grande complesso trasmette una sensazione di solenne ordine.

Nell'ingresso principale è situato il mausoleo-sacrario dei caduti nella lotta di liberazione nella seconda guerra mondiale, al centro del quale è installata la scultura Una battaglia: per i partigiani realizzata nel 1971 da Arnaldo Pomodoro[4]

Sepolture illustriModifica

 
Tombe di Pio Donati a destra e Francesco Luigi Ferrari a sinistra

Nella parte storica del cimitero sono presenti tombe di illustri cittadini di Modena:

È altresì presente una cappella dedicata ai cadetti dell'Accademia Militare di Modena.

Cimitero ebraicoModifica

 
Cimitero ebraico di Modena

Tra le due sezioni storica e nuova del cimitero, è posto un edificio del 1903 che ospita il cimitero della comunità ebraica di Modena.

Da un punto di vista architettonico, l'edificio ebraico funge da giunzione e contemporaneamente da separazione tra l'antico e il moderno.

Cimitero nuovoModifica

 
Cimitero moderno

La parte moderna del cimitero venne progettata nel 1971, in stile razionalista-metafisico con linee essenziali e pulite, dall'architetto Aldo Rossi e Gianni Braghieri, con uno studio denominato L'azzurro del cielo, in seguito parzialmente modificato nel 1976.

Il complesso, inaugurato nel 1987 e non ancora completato dopo oltre 45 anni, è caratterizzato al centro del cortile da un alto edificio di forma cubica (molto simile al Palazzo della Civiltà Italiana del quartiere EUR di Roma) in calcestruzzo colorato in rosso, che rappresenta la "casa dei morti" in contrapposizione alla "casa dei vivi".

L'architettura rettangolare e completamente cava all'interno è contraddistinta da sette linee orizzontali di finestre quadrate di due metri per lato disposte in nove colonne verticali (totale 63 finestre per ogni facciata) destinato ad ossario quadrate (totale e un'alta copertura con falde spioventi). Le tombe della parte nuove sono disposte intorno al cortile in una lunga struttura a due piani con tetti azzurri che richiama il cimitero vecchio, ma con linee moderne.

Il progetto originale prevedeva anche la realizzazione di un cono tronco in cemento alto 25 metri, diametro compreso tra i 16 metri della base e i 5,5 metri del culmine.[5] Tale struttura, ispirata al pantheon e dedicata alla celebrazione delle cerimonie funebri (sia religiose sia laiche), non è però ancora stata realizzata.

Tra il "cubo" e il "cono" era altresì prevista la realizzazione di una "spina centrale" di congiunzione tra i due elementi geometrici. Tale elemento, non ancora realizzato, avrebbe dovuto essere composto da una serie di 14 parallelepipedi larghi due metri, ma con lunghezza ed altezza inversamente proporzionale compresa tra 4,5 e 11,5 metri.[5]

NoteModifica

  1. ^ Cimitero di San Cataldo Aldo Rossi, su Visit Modena. URL consultato il 4 luglio 2017.
  2. ^ Santuario della Madonna del Murazzo, su Visit Modena. URL consultato il 4 luglio 2017.
  3. ^ Giovanni Rinolfi, Santuario Madonna del Murazzo – Modena, su Viaggi Spirituali. Luoghi, Santuari e Chiese, 29 dicembre 2009. URL consultato il 29 giugno 2018.
  4. ^ Una battaglia: per i partigiani, 1971, su arnaldopomodoro.it. URL consultato il 4 luglio 2017.
  5. ^ a b Gilda Giancipoli, La casa dei morti: il cimitero San Cataldo a Modena, di Aldo Rossi e Gianni Braghieri, in Ricerche e progetti per il territorio, la città e l'architettura, nº 8, dicembre 2015.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica