Apri il menu principale

Cinchona

genere di pianta della famiglia Rubiaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
China
Cinchona.pubescens01.jpg
Cinchona.pubescens
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Rubiales
Famiglia Rubiaceae
Genere Cinchona
L., 1742

Cinchona è un genere di piante arboree delle Ande, famiglia delle Rubiaceae, comprendenti specie conosciute col nome di china, con proprietà attribuite agli alcaloidi presenti nella corteccia.

EtimologiaModifica

Il nome del genere deriva da Ana de Osorio, contessa di Cinchon e moglie del viceré del Perù, che secondo la leggenda scoprì su se stessa le virtù della corteccia di china, guarendo da febbri malariche e decidendo l'importazione in Europa (1639). (Vedi Leggenda sul chinino)

SpecieModifica

ComponentiModifica

La corteccia contiene i principi attivi: alcaloidi chininici (dai quali sono stati estratti chinina ed acido chinico), olio essenziale e resine.

ProprietàModifica

Antimalarico, antidolorifico e antifebbrile: ad alte dosi e solo su prescrizione medica (oggi si usano la chinina ed i suoi derivati).

Amaro tonico e digestivo: a piccole dosi, in soluzioni alcoliche edulcorate ed aromatizzate; molto apprezzato il noto elisir di china, liquore preparato con la pregiata varietà calisaya ed aromatizzato con l'arancio amaro.

In erboristeria è utilizzato per contrastare gli effetti negativi della pressione bassa[1].

In cosmetica si impiegano gli estratti per frizioni contro i capelli grassi.

Nella giusta dose viene anche usata per rendere le bevande (energy drink solitamente) di colore giallo fluorescente.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica