Apri il menu principale
Cipressa
comune
Cipressa – Stemma
Cipressa – Veduta
Panorama di Cipressa
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Liguria.svg Liguria
ProvinciaProvincia di Imperia-Stemma.png Imperia
Amministrazione
SindacoFilippo Rinaldo Guasco (Lista civica "Cipressa riparte") dal 06/06/2016
Data di istituzione1861
Territorio
Coordinate43°51′05.16″N 7°55′49.97″E / 43.851433°N 7.930547°E43.851433; 7.930547 (Cipressa)Coordinate: 43°51′05.16″N 7°55′49.97″E / 43.851433°N 7.930547°E43.851433; 7.930547 (Cipressa)
Altitudine240 m s.l.m.
Superficie9,39 km²
Abitanti1 278[1] (28-2-2017)
Densità136,1 ab./km²
FrazioniAregai, Lingueglietta, Piani di Cipressa
Comuni confinantiCivezza, Costarainera, Pietrabruna, Pompeiana, San Lorenzo al Mare, Santo Stefano al Mare, Terzorio
Altre informazioni
Cod. postale18017
Prefisso0183
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT008021
Cod. catastaleC718
TargaIM
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)
Cl. climaticazona D, 1 694 GG[2]
Nome abitanticipressini
PatronoVisitazione della Beata Vergine Maria
Giorno festivo2 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cipressa
Cipressa
Cipressa – Mappa
Posizione del comune di Cipressa nella provincia di Imperia
Sito istituzionale

Cipressa (A Çiprèssa in ligure[3]) è un comune italiano di 1.278 abitanti[1] della provincia di Imperia in Liguria.

Indice

Geografia fisicaModifica

Il territorio comunale di Cipressa è ubicato in posizione panoramica, affacciato sul mare, tra la costa della punta di Santo Stefano e il capo di San Lorenzo.

StoriaModifica

 
Scorcio del centro storico di Cipressa

Il toponimo Cipressa deriverebbe - secondo una diffusa leggenda locale[4] - dai primi abitanti del luogo fuggiti dall'isola di Cipro che approdarono sulla spiaggia degli Aregai; sempre secondo la leggenda i tre pastori diedero il nome alle tre contrade storiche di Cipressa: Piazza, Poggio e Collautra.

Il territorio cipressino fu un antico possedimento dei conti di Ventimiglia[5] e fu un suo rappresentante, il conte Oberto, a vendere nel 1252[5] questa parte del territorio della Riviera dei Fiori all'abbazia genovese di Santo Stefano. Fu l'abate Fredencio a concedere, nel 1276[5], i primi statuti alla piccola comunità di Cipressa che via via fu retta da locali consoli avente giurisdizione in materia criminale e civile.

Una situazione debitoria dei monaci verso la famiglia Doria, all'inizio del Trecento[5], costrinsero i primi a stipulare un accordo nel quale Niccolò Doria entrò in possesso dei proventi dell'ampia tenuta per un periodo di nove anni; termine che fu poi prorogato di altri nove anni, quindi intorno al 1335[5]. Nonostante l'accordo, i monaci non riuscirono ad estinguere il loro debito verso la famiglia doriesca e di li a poco furono costretti a cedere la proprietà, per concludere l'estinzione debitoria, al Comune di Genova per una somma di 2300 lire genovesi[5].

Subì come altri comuni liguri le invasioni dei pirati saraceni intorno alla seconda metà del XVI secolo che causarono devastazioni e razzie. Risale proprio a questo periodo l'erezione della torre, detta Gallinara, considerata il simbolo della municipalità di Cipressa ed inserita pertanto nello stemma comunale.

 
La torre del centro storico cipressino

In epoca repubblicana genovese il feudo di Cipressa venne inserito nella giurisdizione del podestà di Porto Maurizio e facente parte territorialmente al terziere di San Maurizio[5].

Con la caduta della Repubblica di Genova sul finire del 1797, e la conseguente istituzione della napoleonica Repubblica Ligure, i territori di Cipressa e di Lingueglietta divennero municipalità autonome che furono inquadrate nel cantone di Santo Stefano nella giurisdizione degli Ulivi, con capoluogo Porto Maurizio[5]; cantone che nel 1803 fu poi soppresso e sottoposto a quello di Porto Maurizio. Dal 1805, con il passaggio della Repubblica Ligure nel Primo Impero francese, rientrò nel circondario di Porto Maurizio del Dipartimento di Montenotte[5].

Furono annessi al Regno di Sardegna nel 1815[5] dopo il congresso di Vienna del 1814, a seguito della caduta di Napoleone Bonaparte. Facente parte del Regno d'Italia dal 1861, dal 1859 al 1926 i comuni di Cipressa e di Lingueglietta furono compresi nel V mandamento di Santo Stefano al Mare del circondario di Sanremo facente parte della provincia di Nizza (poi provincia di Porto Maurizio e, dal 1923, di Imperia)[5].

Nel 1928[5] il comune di Cipressa inglobò i soppressi comuni di Lingueglietta e di Costarainera; quest'ultimo venne ricostituito nel 1954.

SimboliModifica

«Su sfondo a bande rosse e argento, una torre in oro con mattoni profilati di nero, cimata con merli alla guelfa. Sul merlo centrale un gallo multicolore con barba e bargilli rossi»

(Descrizione araldica dello stemma[6])

«Drappo rettangolare, innestato sul lato corto, di colore giallo e rosso caricata dello stemma civico sormontato dall'iscrizione centrata del nome»

(Descrizione araldica del gonfalone[6])

Lo stemma ufficiale e il gonfalone sono stati approvati con l'apposito Decreto del Presidente della Repubblica nº 3638 datato al 20 giugno del 1988.[7]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
La torre Gallinara

Architetture religioseModifica

Architetture militariModifica

  • Torre Gallinara. Eretta nel corso del Cinquecento è situata in posizione rialzata rispetto al paese. È un'antica torre saracena in pietra, parte della rete di torri d'avvistamento distribuite sulla costa ligure per sorvegliare i pirati mori.
  • Torre della seconda metà del Cinquecento ad Aregai sul lungomare, sul confine con Santo Stefano al Mare[8].

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[9]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2017, i cittadini stranieri residenti a Cipressa sono 152[10], così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[11]:

  1. Romania, 44
  2. Germania, 31

Qualità della vitaModifica

La frazione di Lingueglietta fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia.

Geografia antropicaModifica

 
La frazione di Aregai

Il territorio comunale è costituito, oltre al capoluogo, dalle frazioni di Aregai, Lingueglietta, Piani di Cipressa per una superficie territoriale di 9,39 km²[12].

Confina a nord con il comune di Pietrabruna, a sud è bagnato dal mar Ligure, ad ovest con Pompeiana e Terzorio e ad est con Civezza, San Lorenzo al Mare e Costarainera.

EconomiaModifica

L'economia si basa principalmente sul turismo e sulla coltivazione di fiori ed olive.

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

Il territorio comunale di Cipressa è attraversato principalmente dalla strada provinciale 77 collegante Costarainera e la frazione cipressina di Aregai. La provinciale 47 permette ancora il collegamento stradale del comune costarainese con Lingueglietta e, proseguendo, verso la frazione pietrabrunese di Boscomare. Arteria principale è la strada statale 1 Via Aurelia che nel territorio a meridione attraversa il territorio di Cipressa collegando, ad est, San Lorenzo al Mare e, ad ovest, Santo Stefano al Mare.

FerrovieModifica

Fino al 2001 era attiva la stazione di San Lorenzo-Cipressa, ubicata nel territorio comunale di San Lorenzo al Mare, lungo la tratta ferroviaria Genova-Ventimiglia e poi soppressa dopo lo spostamento a monte della stessa linea ferroviaria.

AmministrazioneModifica

 
Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 giugno 1988 7 giugno 1993 Luciano Garibaldi Partito Socialista Italiano Sindaco
7 giugno 1993 28 aprile 1997 Luciano Garibaldi Partito Democratico della Sinistra Sindaco
28 aprile 1997 14 maggio 2001 Luciano Garibaldi Lista civica Sindaco
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Filippo Rinaldo Guasco Lista civica Sindaco
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Filippo Rinaldo Guasco Lista civica Sindaco
16 maggio 2011 1º luglio 2015 Gianna Angela Spinelli Lista civica "Rilanciamo Cipressa" Sindaco [13]
1º luglio 2015 6 giugno 2016 Fernando Colangelo Comm. straord. [14]
6 giugno 2016 in carica Filippo Rinaldo Guasco Lista civica "Cipressa riparte" Sindaco

Altre informazioni amministrativeModifica

Cipressa fa parte dell'Unione dei comuni della Valle del San Lorenzo.

SportModifica

Da molti anni costituisce la penultima salita della classica di ciclismo Milano-Sanremo (aggiunta in un secondo tempo per dare più competitività e spettacolo all'ultima fase della gara), nella quale, insieme alla successiva salita del Poggio, ha fatto più volte la differenza ai fini della vittoria finale.

NoteModifica

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Fonte dal sito del comune di Cipressa Archiviato l'11 giugno 2010 in Internet Archive.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l Fonte dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Artistiche, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 21 maggio 2019.
  6. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it, su araldicacivica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  7. ^ Tratto dal sito Comuni-Italiani.it
  8. ^ [1]
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Dato Istat al 31/12/2017, su demo.istat.it. URL consultato il 13 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2017).
  11. ^ Dati superiori alle 20 unità
  12. ^ Fonte dallo statuto comunale di Cipressa, su comune.cipressa.im.it. URL consultato il 21 maggio 2019.
  13. ^ Dopo le dimissioni di tre consiglieri la giunta cade per la mancanza del numero legale
  14. ^ Nominato con Decreto del Presidente della Repubblica del 30 luglio 2015 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 189 del 17 agosto 2015

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN241906593
  Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria