Circondario di Lagonegro

circondario del Regno d'Italia

Il circondario di Lagonegro era uno dei quattro circondari in cui era suddivisa la provincia di Potenza, esistito dal 1861 al 1927.

Circondario di Lagonegro
ex circondario
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaProvincia di Potenza-Stemma.svg Potenza
Amministrazione
CapoluogoLagonegro
Data di istituzione1860
Data di soppressione1927
Territorio
Coordinate
del capoluogo
40°08′N 15°46′E / 40.133333°N 15.766667°E40.133333; 15.766667 (Circondario di Lagonegro)
Abitanti111 754 (1863)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Circondario di Lagonegro – Localizzazione
Circondario di Lagonegro – Localizzazione

StoriaModifica

Con l'Unità d'Italia (1861) la suddivisione in province e circondari stabilita dal Decreto Rattazzi fu estesa all'intera Penisola.

Il circondario di Lagonegro fu abolito, come tutti i circondari italiani, nel 1927, nell'ambito della riorganizzazione della struttura statale voluta dal regime fascista. Tutti i comuni che lo componevano, tranne sei, rimasero in provincia di Potenza.[1]

SuddivisioneModifica

Nel 1863, la composizione del circondario era la seguente[2]:

  1. Mandamento I di Chiaromonte
  2. Mandamento II di Lagonegro
  3. Mandamento III di Latronico
  4. Mandamento IV di Lauria
  5. Mandamento V di Maratea
  6. Mandamento VI di Moliterno
  7. Mandamento VII di Noepoli, già Noia
  8. Mandamento VIII di Rotonda
  9. Mandamento IX di Rotondella
  10. Mandamento X di San Chirico Raparo
  11. Mandamento XI di Sant'Arcangelo
  12. Mandamento XII di Tursi

NoteModifica

  1. ^ Provincia di Matera, regione Basilicata, su solitalia.it. URL consultato il 25 agosto 2011 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2011).
  2. ^ Ministero di Grazia e Giustizia e dei Culti (a cura di), Dizionario dei comuni del Regno d'Italia e tavole statistiche e sinottiche della circoscrizione amministrativa elettorale ed ecclesiastica con la indicazione della popolazione giusta l'ultimo censimento, Torino, Stamperia Reale, 1863
  Portale Basilicata: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Basilicata