Circuito di Interlagos

circuito automobilistico
Autódromo José Carlos Pace
Tracciato di Autódromo José Carlos Pace
Localizzazione
StatoBrasile Brasile
LocalitàSan Paolo del Brasile
Caratteristiche
Lunghezza4 309[1] m
Curve15
Inaugurazione1940
Categorie
Formula 1
Campionato del Mondo Endurance FIA
Formula 1
Tempo record1'10"540[1]
Stabilito daValtteri Bottas
suMercedes AMG F1 W09 EQ Power+
l'11 novembre 2018
record in gara
Campionato del Mondo Endurance FIA
Tempo record1'18"367
suAudi R18 e-tron quattro
il2014
Aggiornamento: 2014
Mappa di localizzazione

Coordinate: 23°42′04″S 46°41′50″W / 23.701111°S 46.697222°W-23.701111; -46.697222

L'Autódromo José Carlos Pace, sito nel quartiere di Interlagos (San Paolo, Brasile) è un circuito automobilistico sede tra le altre manifestazioni del Gran Premio del Brasile di Formula 1 dal 1973 al 1977, dal 1979 al 1980 e, dopo aver subito una profonda rivisitazione del tracciato che ha modificato il verso di percorrenza di alcuni tratti,[2] dal 1990 fino ad oggi.

La storiaModifica

 
Vista satellitare dell'attuale circuito

Venne inaugurato il 12 maggio 1940[3] ed è generalmente conosciuto con il nome di circuito di Interlagos, anche se questo non è più il suo nome ufficiale dopo essere stato intitolato al pilota brasiliano Carlos Pace deceduto nel 1977.

Il nome della località e del circuito (letteralmente, "tra i laghi" in portoghese) deriva dal fatto di essere situato tra due laghi artificiali, il Guarapiranga e il Billings, costruiti all'inizio del XX secolo per rifornire la metropoli di acqua ed energia elettrica. Questa sua collocazione su di un terreno non molto solido tra i due laghi è probabilmente all'origine del tracciato pieno di dossi, data l'impossibilità di mantenere un asfalto ben livellato.

 
L'uscita della "S" do Senna e l'ingresso della Curva do Sol

In generale, il circuito è molto criticato nell'ambiente della Formula 1 per la qualità delle infrastrutture e dell'organizzazione: ad esempio durante il Gran Premio del Brasile 2000 alcuni cartelloni pubblicitari caddero più di una volta direttamente sulla pista con il rischio di colpire le auto. Discussioni sulla pericolosità della pista si sono accentuate nel 2011 dopo l'incidente mortale di Gustavo Sondermann alla Curva do Café[4]. Ulteriori problematiche sulla sicurezza sono emerse meno di 3 settimane dopo la morte di Sondermann, quando, il 20 aprile, il pilota Paulo Kunze è deceduto in seguito alle ferite riportate in un incidente alla velocissima Curva do Sol durante una gara di Stock car svoltasi la domenica precedente. Dopo questo incidente gli organizzatori hanno previsto di diminuire i posti a sedere per gli spettatori in quella curva, in modo da ricavare una via di fuga sufficiente. Il progetto d'intervento è stato confermato a marzo del 2012[5].

Il tracciatoModifica

Originariamente il tracciato era lungo quasi 8 km e si sviluppava lungo il perimetro del terreno in cui era stato realizzato con lunghi rettilinei raccordati da velocissime curve, come le iniziali Curva 1 e Curva 2 e le finali Subida dos boxes e Arquibancadas, per poi contorcersi su sé stesso all'interno della parte veloce del tracciato. Dal 1957 era possibile utilizzarne anche solo la porzione esterna, il cosiddetto Circuito Externo[3].

Alla fine degli anni ottanta, con le maggiori gare che avevano già da tempo abbandonato l'impianto, si decise di rinnovarlo nelle strutture e nel disegno della pista[3]. Furono studiate diverse proposte[3] e alla fine il nuovo impianto fu pronto per il Gran Premio del Brasile 1990. La velocissima parte iniziale fu tagliata fuori (ora funge da viabilità di servizio) e la prima curva fu sostituita da una chicane in ripida discesa, la S do Senna, che immette sulla veloce Curva do Sol. A partire da tale punto, il nuovo tracciato percorre in senso opposto all'originale il tratto Curva do Sol, Reta oposta, Curva Subida do lago, il rettilineo tra questa e la Curva Ferradura, che, modificata, immette sulla sezione che porta alla Curva Laranja. Altra modifica viene apportata nella zona tra le curve Mergulho e Junção, dove il rettilineo che le raccorda viene spostato leggermente più a monte, per ampliare la via di fuga e di conseguenza le due curve vengono riprofilate allo stesso scopo. Dopo tali modifiche la pista misura circa 4,3 km. In occasione della gara del motomondiale 1992 viene inserita una chicane tra le curve Junção e Subida dos boxes, ancora visibile dalle foto satellitari.[3]

Il circuito è uno dei pochi nel calendario della Formula 1 a girare in senso antiorario (gli altri sono il circuito delle Americhe, il Singapore Street Circuit e il circuito di Yas Marina), e all'interno del tracciato è situato un circuito per kart intitolato ad un altro amato pilota paulista, Ayrton Senna.

Mappe del circuitoModifica

Albo d'oro della Formula 1Modifica

Anno Pilota Vettura
1973   Emerson Fittipaldi   Lotus-Ford
1974   Emerson Fittipaldi   McLaren-Ford
1975   Carlos Pace   Brabham-Ford
1976   Niki Lauda   Ferrari
1977   Carlos Reutemann   Ferrari
1979   Jacques Laffite   Ligier-Ford
1980   René Arnoux   Renault
1990   Alain Prost   Ferrari
1991   Ayrton Senna   McLaren-Honda
1992   Nigel Mansell   Williams-Renault
1993   Ayrton Senna   McLaren-Ford
1994   Michael Schumacher   Benetton-Ford
1995   Michael Schumacher   Benetton-Renault
1996   Damon Hill   Williams-Renault
1997   Jacques Villeneuve   Williams-Renault
1998   Mika Häkkinen   McLaren-Mercedes
1999   Mika Häkkinen   McLaren-Mercedes
2000   Michael Schumacher   Ferrari
2001   David Coulthard   McLaren-Mercedes
2002   Michael Schumacher   Ferrari
2003   Giancarlo Fisichella   Jordan-Ford
2004   Juan Pablo Montoya   Williams-BMW
2005   Juan Pablo Montoya   McLaren-Mercedes
2006   Felipe Massa   Ferrari
2007   Kimi Räikkönen   Ferrari
2008   Felipe Massa   Ferrari
2009   Mark Webber   Red Bull-Renault
2010   Sebastian Vettel   Red Bull-Renault
2011   Mark Webber   Red Bull-Renault
2012   Jenson Button   McLaren-Mercedes
2013   Sebastian Vettel   Red Bull-Renault
2014   Nico Rosberg   Mercedes
2015   Nico Rosberg   Mercedes
2016   Lewis Hamilton   Mercedes
2017   Sebastian Vettel   Ferrari
2018   Lewis Hamilton   Mercedes
2019   Max Verstappen   Red Bull-Honda

Record sul giroModifica

I record sul giro all'Autódromo José Carlos Pace.

Categoria tempo pilota Team Data
Formula 1 1:10.540 Valtteri Bottas Mercedes 11 novembre 2018
Le Mans Series-LMP1 1:18.787 Pedro Lamy/Stéphane Sarrazin Peugeot 908 HDi 2007
Formula 3 1:30.170 Andrè Sousa Full Time 9 dicembre 2005
Formula Renault 1:37.109 Diego Freitas UniOil Sports 6 dicembre 2003
Stock Car Brasil V8 1:39.585 Raul Boesel Bassani Racing 17 aprile 2004
Maserati Trofeo 1:47.655 Guto Negrão Medley 25 marzo 2006
Fórmula Truck 2:04.616 Wellinton Cirinno ABF/Mercedes-Benz 5 ottobre 2003

Incidenti mortaliModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Formula 1 Grande Prêmio Do Brasil 2020, su formula1.com. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  2. ^ Interlagos, le storie più strane: il vento, Pelé, la pioggia e i criminali, in F1WEB.it, 23 novembre 2011. URL consultato il 27 novembre 2011.
  3. ^ a b c d e Scheda sul circuito di Interlagos su www.gdecarli.it
  4. ^ Interlagos, incidente mortale alla Curva do Cafè: è il terzo in 4 anni, f1web.it, 5-4-2011. Consultato il 12-11-2011
  5. ^ Interlagos, cambia la curva del caffè: la FIA ha il nuovo progetto, f1web.it. URL consultato il 7 aprile 2012.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316746944 · WorldCat Identities (EN316746944