Circuito di Pescara 1951

Italia Circuito di Pescara 1951
Gara extra Campionato
Circuito di Pescara.png
Data 15 agosto 1951
Nome ufficiale XX Circuito di Pescara
Luogo Pescara, Abruzzo
Percorso 25,836 km
Circuito stradale
Distanza 12 giri, 310,030 km
Risultati
Pole position Giro più veloce
Italia Alberto Ascari Argentina Froilan Gonzalez
Ferrari in 10:43.6 Ferrari in 10:44.8
Podio
1. Argentina Froilan Gonzalez
Ferrari
2. Francia Louis Rosier
Talbot-Lago
3. Francia Philippe Etancelin
Talbot-Lago

Il circuito di Pescara 1951 fu una gara di Formula 1 non compresa nel campionato tenutasi il 15 agosto di quell'anno sul circuito di Pescara. Fu vinta dall'argentino José Froilán González su Ferrari 375.

GaraModifica

ResocontoModifica

La corsa vide fin dalle battute iniziali il ritiro di Alberto Ascari a causa di un calo alla pressione dell'olio dopo meno di metà giro, mentre il compagno di squadra Luigi Villoresi prese il comando e lo mantenne fino alla sosta per il cambio degli pneumatici alla fine del terzo giro. Ascari, rientrato ai box, salì sulla macchina del compagno di squadra ma nella fretta di ripartire trascinò il supporto per il rialzo della vettura e dovette subito fermarsi per consentire ai meccanici di rimuoverlo[1], una volta ripartito il pilota milanese fu comunque nuovamente costretto ad abbandonare la competizione nel corso del quarto giro per la rottura della trasmissione. Il comando della gara viene quindi assunto dall'argentino Gonzalez che portò l'unica Ferrari superstite alla vittoria con un vantaggio di più di sette minuti sul secondo classificato, il francese Louis Rosier su Talbot-Lago T26C.

Il podio fu completato dal compagno di scuderia di Rosier, l'altro francese Philippe Étancelin che approfittò di un problema ai freni occorso all'ultimo giro a Louis Chiron per conquistare la terza piazza finale.

RisultatiModifica

Pos Nr Pilota Vettura Giri Tempo/Ritiro
1 10   José Froilán González Ferrari 375 12 2h14'59.8
2 26   Louis Rosier Talbot-Lago T26C 12 + 7:20.8
3 8   Philippe Étancelin Talbot-Lago T26C 12 + 9:10.2
4 16   Louis Chiron Talbot-Lago T26C 12 + 9:29.0
5 24   Peter Whitehead Ferrari 125 11 + 1 giro
6 20   Toni Branca Maserati 4CLT/48 11 + 1 giro
7 12   Harry Schell Maserati 4CLT/48 11 + 1 giro
8 28   David Murray Ferrari 125 10 + 2 giri
Rit 18   Pierre Levegh Talbot-Lago T26C 6 ?
Rit 4   Yves Giraud-Cabantous Talbot-Lago T26C 6 Iniezione
Rit 22   Luigi Villoresi
  Alberto Ascari
Ferrari 375 4 Trasmissione
Rit 14   Toulo de Graffenried Maserati 4CLT/48 4 Cambio
Rit 2   Guy Mairesse Talbot-Lago T26C 2 Candele
Rit 30   Giovanni Bracco Ferrari 166 0 Guasto
Rit 6   Alberto Ascari Ferrari 375 0 Pressione dell'olio

QualificheModifica

ResocontoModifica

La pole position fu fatta registrare il sabato da Alberto Ascari su Ferrari 375, la differenza di quasi sette secondi con la pole di Juan Manuel Fangio dell'anno precedente è spiegata dall'aggiunta nel 1951 di due nuove varianti poste sui due lunghissimi rettilinei che caratterizzavano il circuito abruzzese; tali chicane furono richieste espressamente da uno dei produttori di pneumatici per ridurre la velocità massima e garantire così una maggiore sicurezza sulla tenuta delle gomme.[2]

RisultatiModifica

Fila Pos Pilota Vettura Tempo
I fila   Alberto Ascari Ferrari 10:43.6
  Luigi Villoresi Ferrari 10:49.2
  Louis Chiron Talbot-Lago 11:23.4
II fila   José Froilán González Ferrari 11:41.4
  Louis Rosier Talbot-Lago 11:51.0
III fila   Philippe Étancelin Talbot-Lago 12:19.0
  Pierre Levegh Talbot-Lago 12:24.0
  Yves Giraud-Cabantous Talbot-Lago 13:02.0
IV fila   Toulo de Graffenried Maserati 13:31.0
10°   Toni Branca Maserati 13:22.8
V fila 11°   Harry Schell Maserati 13:31.0
12°   Guy Mairesse Talbot-Lago 13:33.6
13°   David Murray Ferrari 14:19.4
VI fila 14   Peter Whitehead Ferrari senza tempo
15°   Giovanni Bracco Ferrari senza tempo

NoteModifica

  1. ^ Leo Cattini, Ascari e Bracco si ritirano e l'argentino vince indisturbato, in La Nuova Stampa, 16 agosto 1951, p. 4. URL consultato il 17-4-2012.
  2. ^ Ascari a 143 all'ora a Pescara, in La Nuova Stampa, 14 agosto 1951, p. 4. URL consultato il 17-4-2012.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1