Apri il menu principale
Città di Bari
MN Città di Bari1.PNG
La Città di Bari in servizio come nave passeggeri, probabilmente nei suoi primi anni
Descrizione generale
Naval jack of Italy (ca. 1900-1946).svg
Tipomotonave passeggeri (1928-1940)
incrociatore ausiliario (1940-1941)
ProprietàPuglia S. A. di Navigazione a Vapore (1928-1932)
Società di Navigazione San Marco (1932)
Compagnia Adriatica di Navigazione (1932-1937)
Adriatica S. A. di Navigazione (1937-1941)
requisito dalla Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina nel 1940-1941
CantiereStabilimento Tecnico Triestino, Trieste
Varo1928
Entrata in servizio1928 (come nave civile)
19 giugno 1940 (come unità militare)
Destino finaledistrutto in seguito all’esplosione della motonave Birmania il 3 maggio 1941
Caratteristiche generali
Stazza lorda3220 tsl
Lunghezzatra le perpendicolari 96,7 m m
Larghezzafuori ossatura 13,6 m m
Altezza7,3 m
Propulsione1 motore diesel FIAT da 4000 HP
1 elica
Velocità14,5 nodi (27 km/h)
Capacità di carico2450 t
Passeggeri89
Armamento
Armamento

dati presi da Giornale nautico parte prima, Navypedia, Ramius-Militaria e Navi mercantili perdute

voci di navi presenti su Wikipedia

Il Città di Bari è stato un incrociatore ausiliario della Regia Marina, già motonave passeggeri italiana.

Indice

CaratteristicheModifica

Costruita nel 1928 nello Stabilimento Tecnico Triestino insieme alle gemelle Rodi, Egeo ed Egitto, la Città di Bari era originariamente una motonave passeggeri da 3220 (per altre fonti 3339[1]) tonnellate di stazza lorda e 1883 tonnellate di stazza netta[2].

 
Un’altra immagine della Città di Bari in servizio civile.

Cinque stive della capienza di 4153 metri cubi permettevano una portata lorda di 2450 tonnellate, mentre nelle cabine potevano trovare posto in tutto 89 passeggeri[2]. Un singolo motore diesel, prodotto dalla FIAT, imprimeva la potenza di 4000 hp ad un'elica, permettendo la discreta velocità (per un mercantile) di 14,5 nodi[2].

StoriaModifica

Iscritta con matricola 41 al Compartimento marittimo di Bari, la nave apparteneva inizialmente alla Puglia Società anonima di Navigazione a Vapore (con sede a Bari), che il 4 aprile 1932 confluì, insieme ad alcune altre compagnie di navigazione adriatiche, nella Compagnia Adriatica di Navigazione, con sede a Venezia[3][4]. La società avrebbe poi definitivamente cambiato nome, il 1º gennaio 1937, in Adriatica Società Anonima di Navigazione[5].

Nei primi anni trenta si progettò di trasformare, in caso di guerra, Città di Bari, Egeo ed Egitto in portaerei di scorta, progetto che rimase comunque lettera morta[6].

Per conto dell'Adriatica la Città di Bari venne utilizzata sulla linea numero 54, che collegava il Tirreno al Pireo e ad Istanbul[2]. Un'altra rotta percorsa dalla motonave fu la Brindisi-Pireo-Rodi-Alessandria[7].

Come molte altre unità costruite per società statali, la nave era stata progettata per poter essere convertita, all'occorrenza, in incrociatore ausiliario[2]. Essa rispondeva alle caratteristiche prescritte per tale impiego: tonnellaggio contenuto ma comunque sufficiente da consentire la navigazione d'altura senza problemi, velocità intorno ai 15 nodi e possibilità di essere impiegato in missioni veloci di trasporto[1].

Per tali ragioni il 15 giugno 1940, pochi giorni dopo l'ingresso dell'Italia nella seconda guerra mondiale, la Città di Bari venne requisita dalla Regia Marina e, quattro giorni dopo, venne iscritta nel ruolo del naviglio ausiliario dello Stato come incrociatore ausiliario[1][2], venendo armata con due cannoni da 120/45 mm e quattro mitragliere da 20/65 mm[8]. Analoga sorte ebbero Egeo ed Egitto, mentre la Rodi, sorpresa dalla dichiarazione di guerra a Malta, venne immediatamente catturata. Gli incrociatori ausiliari venivano solitamente impiegati in missioni di scorta a convogli di minore importanza sulle rotte meno insidiate, nonché di trasporto truppe e materiali.

Attacco britannicoModifica

Alle 5.30 del 27 luglio 1940, nell'ambito dell'operazione «Trasporto Veloce Lento», il Città di Bari lasciò Napoli per Tripoli, impiegato come trasporto, in convoglio con i piroscafi Maria Eugenia e Gloriastella e le motonavi Mauly, Bainsizza, Col di Lana e Francesco Barbaro, con la scorta delle torpediniere Procione, Orsa, Orione e Pegaso e dei cacciatorpediniere Maestrale, Grecale, Libeccio e Scirocco, oltre a navi maggiori in appoggio a distanza[9][10].

 
L'esplosione del Città di Bari.

Verso le due del pomeriggio del 30 luglio il convoglio venne infruttuosamente attaccato dal sommergibile britannico Oswald, che lanciò i suoi siluri, una ventina di miglia a sud di Capo dell'Armi, contro il Grecale, che riuscì ad evitarli[10]. Il convoglio giunse poi a Tripoli alle 9.45 del 1º agosto[9][10].

Sabotaggio del Birmania e esplosione nel porto di TripoliModifica

 
Il relitto dilaniato del Città di Bari nel porto di Tripoli.

Nella mattina del 3 maggio 1941 il Città di Bari (comandante civile capitano Carlo Oberti) stava caricando munizioni nel porto di Tripoli, attraccato sul lato opposto della stessa banchina (il pontile «24 gennaio»[11]) alla quale era ormeggiata la motonave da carico Birmania, che stava invece scaricando munizioni[1].

 
Il relitto del Città di Bari fotografato dopo l'occupazione britannica, nel gennaio 1943.

Alle 10.10, nella stiva poppiera della Birmania, si verificò una detonazione successivamente attribuita a sabotaggio: essa provocò lo scoppio dell'intero carico dell'unità, che distrusse la poppa della nave ed investì il Città di Bari, causando l'esplosione anche del suo carico di munizioni[1].

 
Un'altra immagine dei resti della nave poco tempo dopo l'esplosione. Dietro la poppa, a destra, è visibile la prua della Birmania.

Devastato dagli scoppi (soprattutto nella zona poppiera, che, come quella della Birmania, saltò in aria) e divorato dalle fiamme, l'incrociatore ausiliario affondò all'ormeggio circa venti minuti più tardi, restando comunque emergente, sbandato sul lato sinistro[1].

Morirono nella sciagura cinque membri dell'equipaggio civile del Città di Bari (i marinai Leonardo Di Terlizzi e Michele Bellomo, il giovanotto di prima Leonardo Caprifoglio, il giovanotto di seconda Donato Capriati e l'operaio Luigi Minetti), mentre rimasero feriti tre membri dell'equipaggio militare[2]. Molte altre vittime, probabilmente decine, si ebbero tra i portuali addetti alle operazioni di scarico, tra gli uomini della Birmania e tra la popolazione di Tripoli.

Il relitto dilaniato del Città di Bari, abbandonato come irreparabile nel porto di Tripoli, venne recuperato dagli inglesi dopo l'occupazione della città (gennaio 1943)[1] e demolito.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Rolando Notarangelo, Gian Paolo Pagano, Navi mercantili perdute, pp. XIV-84-120
  2. ^ a b c d e f g Franco Prevato: GIORNALE NAUTICO PARTE PRIMA, su www.prevato.it. URL consultato il 29 aprile 2017.
  3. ^ http://www.gelsorosso.it/copertine%20gelso/schede%20volumi/selezione%20adriatica.pdf[collegamento interrotto]
  4. ^ Adriatica Società Anonima Di Navigazione Venezia (Venice)
  5. ^ :: Museo della Cantieristica ::[collegamento interrotto]
  6. ^ (EN) Antony Preston, Warship, Bloomsbury Publishing Plc, 1º maggio 2007, ISBN 9781844860418. URL consultato il 29 aprile 2017.
  7. ^ Adriatica Line, su www.timetableimages.com. URL consultato il 29 aprile 2017.
  8. ^ Incrociatori Ausiliari della Regia Marina, su xoomer.virgilio.it. URL consultato il 29 aprile 2017.
  9. ^ a b Fall of France, July 1940, su www.naval-history.net. URL consultato il 29 aprile 2017.
  10. ^ a b c Historisches Marinearchiv - ASA, su www.historisches-marinearchiv.de. URL consultato il 29 aprile 2017.
  11. ^ Caro diario Archiviato il 9 settembre 2011 in Internet Archive.
  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina