Apri il menu principale
Cléo de Mérode in un ritratto del 1901 di Boldini.

Cléopâtre-Diane de Mérode, famosa con il nome d'arte di Cléo de Mérode (Parigi, 27 settembre 1875Parigi, 17 ottobre 1966), è stata una ballerina francese.

BiografiaModifica

 
Cléo de Mérode in un suo spettacolo

Di nobile nascita, figlia della baronessa austriaca Vincentia de Mérode (dama di corte dell'imperatrice Elisabetta di Baviera) e di Theodor Christomannos, Cléo si chiamava in realtà Cléopâtre-Diane. Venuta al mondo in un appartamento borghese di Parigi, Cléo crebbe come una parigina; eletta reginetta di bellezza da un concorso indetto da una rivista illustrata, Cléo fu avviata alla danza in giovane età presso la scuola dell'Opéra di Parigi, dimostrando buona attitudine alla disciplina. Il suo debutto avvenne appena undicenne.

 
Cléo de Mérode ritratta da Giovanni Boldini

In breve il successo le arrise, e la sua bellezza e grazia divennero un solido punto di riferimento per le donne francesi, che ne imitarono stile e modo di vestire. Cléo posò come modella per diversi artisti, tra i quali Toulouse-Lautrec, Edgar Degas e Giovanni Boldini, divenendo anche così il fulcro di quel mondo, cosiddetto di "fine secolo". Cléo in particolare ideò una pettinatura a bande piatte sulle orecchie, che sarebbe stata destinata a siglare la moda della Belle Époque. I fotografi dell'epoca fecero a gara nel riprodurne le fattezze, che finirono (per la prima volta per una "demi-mondana") anche sulle cartoline, cosicché la immagine di Cléo finì per raggiungere angoli del globo che ella non visitò mai.

Celebre fu la sua presunta relazione segreta con il monarca Leopoldo II del Belgio, ribattezzato nei salotti di Europa Cleopoldo. Il sovrano si era innamorato di Cléo dopo averla veduta in una rappresentazione della verdiana "Aida" in cui la giovane (all'epoca dei fatti quindicenne, mentre Leopoldo II aveva oltre 60 anni) impersonava una egizia. La storia spalancò a Cléo - il cui raro talento nella disciplina tersicorea venne presto universalmente ammirato - i palcoscenici di mezzo mondo, portandone la fama persino in Russia e negli Stati Uniti d'America. Nel 1914 - quando il mondo che fu ai piedi di Cléo giungeva alla fine - la fama della bella danzatrice era ormai al culmine, anche perché nel frattempo Cléo si era data anche al cinema ed all'operetta. Durante il conflitto, ella prese parte agli spettacoli della Croce Rossa, organizzati per i feriti delle Nazioni Alleate della Francia.

 
La tomba di Cléo al cimitero di Père Lachaise

Fu legata sentimentalmente ad un aristocratico francese che poi morì in giovane età, e a Luis de Perinat scultore spagnolo per più di 10 anni; non si conoscono altre relazioni e non decise mai di sposarsi. Infine morì, quasi dimenticata - largamente sopravvissuta al mondo del quale era stata l'idolo - a Parigi, in un appartamentino modesto nei pressi del Parco Monceau. Venne inumata nel cimitero di Père Lachaise.

BibliografiaModifica

  • Storia di ieri e di oggi: La danza, 15 agosto 1941.
  • Clèo de Merode rappresentò la Belle époque, in "Storia Illustrata" settembre 1970, p. 10 (g.a.)

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32120818 · ISNI (EN0000 0000 6307 0584 · LCCN (ENn97873161 · GND (DE123492106 · BNF (FRcb12692065d (data) · NLA (EN35945506