Classe Loire

Classe Loire
Bâtiment de Soutien et d'Assistance Métropolitain (BSAM)
ex Bâtiment de Soutien et d'Assistance Hauturier (BSAH)
Bâtiment de Surveillance et d'Assistance Hauturiers "Loire" 01.jpg
La Loire nel 2017
Descrizione generale
Civil and Naval Ensign of France.svg
Tiponave ausiliaria / rimorchiatore
ClasseBSAH
Numero unità4
Utilizzatore principaleCivil and Naval Ensign of France.svg Marine nationale
CostruttoriKership (Piriou/DCNS)
CantiereConcarneau
Impostazioneaprile 2016
Varo1º giugno 2017
Consegna22 marzo 2018
Entrata in servizio26 luglio 2018
Caratteristiche generali
Dislocamento2.600 t (a pieno carico)
Lunghezza70,3 m
Larghezza15,8 m
Pescaggiom
Propulsione2 x 2.650 kW
Velocità14 nodi (25,93 km/h)
Autonomia30 giorni
Equipaggio17 marinai
Passeggeri12 persone
Armamento
Mezzi navali1 imbarcazione di 8 metri e dei RHIB
Note
i dati si riferiscono alla prima unità
vedi #note e #collegamenti_esterni
voci di navi presenti su Wikipedia

La classe LoireBâtiments de Soutien et d'Assistance Métropolitains (BSAM) (dal francese: navi di sostegno e di assistenza metropolitane), in precedenza Bâtiments de Soutien et d'Assistance Hauturiers (BSAH) (dal francese: navi di sostegno e di assistenza d'altura) fino al gennaio 2019[1][2] – è una classe di navi ausiliarie sviluppata e prodotta da Kership, una joint-venture creata nel 2013 da Piriou (55%) e DCNS (45%).[3]

La Marine nationale ne avrà 4 unità per sostituire 5 navi di tre tipi differenti: navi di sostegno di regione (BSR Élan e Gazelle), rimorchiatori d'altura (RHM Tenace e Malabar) e rimorchiatori da rifornimento (RR Taapé).[4]

Le navi portano i nomi di 4 fiumi francesi, rispettivamente: Loira, Rodano, Senna e Garonna.

UnitàModifica

Nome Impostazione Varo Accettazione Ingresso in servizio Porto base
A602 Loire aprile 2016 1º giugno 2017 22 marzo 2018 26 luglio 2018 Tolone
A603 Rhône 2017 13 novembre 2017 25 luglio 2018 22 gennaio 2019 Brest
A604 Seine 2017 4 dicembre 2017 5 marzo 2019 2019 Tolone
A605 Garonne 2018 5 novembre 2018 2019 Brest

NoteModifica

  1. ^ (FR) La Marine nationale change les appellations de nombreux bâtiments, su meretmarine.com, 16 gennaio 2019.
  2. ^ (FR) Marine nationale - Dossier d'information 2019, in Cols bleus, gennaio 2019, p. 19-20.
  3. ^ (FR) ACTUALITÉ La commande des BSAH notifiée à Piriou et DCNS, su meretmarine.com, 4 settembre 2015. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  4. ^ (FR) Marine : DCNS et Piriou se partagent un contrat de 160 millions d'euros, su latribune.fr, 4 settembre 2015. URL consultato il 31 gennaio 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica