Apri il menu principale

Classifica storica dei presidenti degli Stati Uniti d'America

Entro l'ambito degli studi di scienza politica la classifica storica dei presidenti degli Stati Uniti d'America è il risultato di tutta una serie di sondaggi condotti al fine di ricostruire la posizione del grado di successo ottenuto da coloro che hanno prestato il loro servizio nella funzione di presidente degli Stati Uniti d'America. I sistemi di classificazione sono generalmente basati su sondaggi rivolti agli storici accademici e agli studiosi di politologia o sulla fama postuma concessa dall'opinione pubblica. Le classifiche si concentrano sui risultati presidenziali, sulle qualità di comando e sui fallimenti e sugli eventuali errori compiuti nel corso del mandato.[1][2][3]

Nel corso degli anni 1920 lo scultore Gutzon Borglum e il presidente Calvin Coolidge selezionarono George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln per farli apparire scavati sulla roccia del monte Rushmore e in seguito questo panorama divenne un simbolo iconico della grandezza presidenziale

Riassunto complessivo dei risultatiModifica

 
Abraham Lincoln, la cui presidenza è durata dal 1861 al 1865, viene quasi sempre considerato il più grande presidente di tutti i tempi per la sua capacità alla guida dell'Unione durante la guerra di secessione americana e la spiccata eloquenza (come ad esempio durante il discorso di Gettysburg) e il suo assassinio non ha fatto altro che ampliarne ancora di più il mito e l'aura avvolta di sacralità

Abraham Lincoln, Franklin Delano Roosevelt e George Washington sono più spesso i tre presidenti maggiormente quotati tra gli storici. I restanti posti nelle prime dieci posizioni sono spesso arrotondati da Theodore Roosevelt, Thomas Jefferson, Harry Truman, Thomas Woodrow Wilson, Dwight Eisenhower, Andrew Jackson e John Fitzgerald Kennedy.

 
James Buchanan, la cui presidenza è durata dal 1857 al 1861, viene spesso considerato il peggior presidente della storia per la sua inetta capacità di comando durante gli anni immediatamente precedenti alla guerra civile americana riguardante la controversia della schiavitù

I presidenti più recenti come Ronald Reagan e Bill Clinton sono spesso considerati tra i più grandi nei sondaggi d'opinione mondiali, ma non sempre si classificano altrettanto bene tra gli studiosi e gli storici presidenziali. I dieci presidenti posizionati più in basso includono spesso James Buchanan, Warren Gamaliel Harding, Andrew Johnson, Franklin Pierce, Millard Fillmore, William Henry Harrison, John Tyler, Ulysses S. Grant, Zachary Taylor e George W. Bush.

Poiché William Henry Harrison (30 giorni) e James A. Garfield (200 giorni, incapace dopo 119 giorni) morirono entrambi poco dopo essere entrati in carica, a volte sono stati omessi dalle classifiche presidenziali. Zachary Taylor morì anch'egli dopo aver servito come presidente per sedici mesi, ma di solito è incluso. Nel caso di questi tre non è chiaro se hanno ricevuto un punteggio basso a causa delle loro azioni come presidente o perché ciascuno di loro è stato in carica per un periodo così limitato che non è possibile valutarli più a fondo.

Lo studioso di scienze politiche Walter Dean Burnham ha notato i «profili dicotomici o affetti da disturbo schizoide di personalità» dei presidenti che possono essere difficili da classificare. Lo storico Alan Brinkley ha dichiarato che «ci sono presidenti che potrebbero essere considerati sia fallimentari che grandi o di media classifica (per esempio Richard Nixon)». Lo storico e studioso di scienze politico James MacGregor Burns ha osservato di Nixon: «Come si può valutare un presidente così idiosincratico, così brillante e nel contempo moralmente carente?».[4]

David Herbert Donald, noto biografo di Lincoln, racconta che quando incontrò Kennedy nel 1961 questi espresse la propria profonda insoddisfazione e risentimento con gli storici che avevano valutato alcuni dei suoi predecessori. Kennedy disse che «nessuno ha il diritto di classificare un presidente—nemmeno il povero James Buchanan—se non si è prima seduto al suo posto, ha esaminato la posta e le informazioni che si sono accumulate nella sua scrivania e ha imparato perché ha preso quelle specifiche decisioni».[5]

Lo storico e scienziato politico Julian E. Zelizer sostiene che le tradizionali classifiche presidenziali spiegano poco riguardo alla reale storia presidenziale e che sono «meccanismi deboli per valutare ciò che è realmente accaduto dentro la Casa Bianca».[6]

Il commentatore politico del libertarianismo Ivan Eland[7] ha scritto un libro intitolato Recarving Rushmore (2008, aggiornato nel 2014) in cui ha scritto che i criteri degli storici sono poveri nella loro capacità di riflettere i reali servizi svolti dai diversi presidenti per il Paese. Eland ha pertanto scelto di classificare quaranta presidenti sulla base del fatto che le loro politiche abbiano o meno promosso la prosperità generale, la libertà e il non interventismo o l'isolazionismo nonché se abbiano avuto o meno ruoli esecutivi modesti per se stessi. Le sue classifiche finali perciò variavano significativamente da quelle della maggior parte degli altri studiosi.

Rassegna degli studi maggiormente rilevantiModifica

 
Andrew Johnson, la cui presidenza è durata dal 1865 al 1869, è valutato dagli analisti come uno dei peggiori presidenti della storia
 
Theodore Roosevelt, la cui presidenza è durata dal 1901 al 1909, è considerato dagli analisti tra i primi cinque migliori presidenti
 
Franklin Delano Roosevelt, la cui presidenza è durata dal 1933 al 1945, ha traghettato il Paese fuori dalla recessione dovuta al martedì nero tramite il New Deal e partecipando alla seconda guerra mondiale ha contribuito sostanzialmente alla vittoria contro la Germania nazista
 
Harry Truman, la cui presidenza è durata dal 1945 al 1953, è considerato tra i dieci migliori presidenti
 
Lyndon B. Johnson, la cui presidenza è durata dal 1963 al 1969, ha dato il via all'intensificazione della guerra del Vietnam, ma anche realizzato le maggiori richieste del movimento per i diritti civili degli afroamericani e la grande società
 
La figura di John Fitzgerald Kennedy, la cui presidenza è durata dal 1961 al 1963, è assurta a un vero e proprio mito in larga parte a seguito del suo assassinio, il quale continua a essere circondato dal mistero
 
George W. Bush, la cui presidenza è durata dal 2001 al 2009, viene generalmente considerato uno dei peggiori tra i presidenti recenti, scatenando la guerra in Afghanistan prima e la guerra in Iraq poi

Il primo sondaggio di un certo peso datato 1948 fu condotto dallo storico Arthur Schlesinger Sr. dell'Università di Harvard. L'indagine del 1962 è stata anch'essa condotta da Schlesinger in collaborazione con altri e ha intervistato 75 storici di professione.[8] Il figlio di Schlesinger, Arthur M. Schlesinger Jr., condusse un altro sondaggio del tutto simile nel 1996.[9]

The Complete Book of U.S. Presidents fornisce inoltre anche i risultati del sondaggio condotto nel 1982 dal Chicago Tribune rivolto a quarantanove storici. Una notevole differenza rispetto al sondaggio Schlesinger del 1962[8] fu la classifica di Dwight Eisenhower, che passò dalla 22ª posizione nel 1962 alla 9ª nel 1982.

Il Siena Research Institute del Siena College ha condotto sondaggi nel 1982, 1990, 1994, 2002 e 2010. Nel sondaggio del 1994 sono stati collocati solo due presidenti (Franklin Delano Roosevelt e Abraham Lincoln) oltre gli 80 punti e due presidenti (Andrew Johnson e Warren G. Harding) sotto i 50.[10][11] Il sondaggio di Siena 2010 ha fatto precipitare George W. Bush dalla classifica iniziale del 2002 in cui si trovava alla 23ª posizione, alla 39ª.

La colonna del 1996 mostra i risultati di un sondaggio condotto tra il 1988 e il 1996 da William J. Ridings Jr. e Stuart B. McIver e pubblicato in Rating the Presidents: A Ranking of U.S. leaders, from the Great and Honorable to the Dishonest and Incompetent.[12] Più di 719 persone hanno preso parte al sondaggio, principalmente storici accademici e politologi, anche se hanno partecipato pure alcuni politici e celebrità. Sono stati inclusi i residenti di ognuno degli Stati federati degli Stati Uniti d'America e l'enfasi è stata data al coinvolgimento di storici donne e «specialisti in studi afroamericani», così come anche alcuni studiosi non statunitensi. I rispondenti hanno valutato i presidenti in cinque categorie (qualità della capacità di comando, risultati e gestione delle crisi, abilità politiche, nomine, carattere e integrità). I risultati sono stati tabulati per creare la classifica generale.

Nel 2000 un sondaggio del Wall Street Journal consisteva in un «gruppo ideologicamente equilibrato di 132 eminenti professori di storia, giurisprudenza e scienze politiche». Esso ha cercato di includere un numero uguale di liberali e conservatori in quanto i redattori hanno sostenuto che i sondaggi precedenti erano dominati da un gruppo o dall'altro.

Secondo i redattori questa ricerca includeva le risposte da parte di un numero maggiore di donne, minoranze e giovani professori rispetto al sondaggio Schlesinger del 1996 ed è stato anche fatto notato che i risultati erano «notevolmente simili» a quelli del 1996, con la differenza principale nella posizione più bassa per i presidenti degli anni 1960 Lyndon B. Johnson e John Fitzgerald Kennedy e il più alto rango di Ronald Reagan posizionatosi all'8ª posizione mentre Franklin Delano Roosevelt è ancora classificato tra i primi tre.

Un altro sondaggio presidenziale è stato condotto dal Wall Street Journal nel 2005 con James Lindgren della Northwestern University Pritzker School of Law per la Federalist Society.[13]

Come nell'indagine del 2000 i redattori hanno cercato di bilanciare le opinioni dei liberali e dei conservatori, adeguando i risultati «per dare un pari peso agli studiosi sia che fossero Democratici sia Repubblicani». Franklin Delano Roosevelt si classificò ancora tra i primi tre, ma l'editore James Taranto notò che gli studiosi di stampo Democratico giudicavano George W. Bush il 6° peggiore presidente di tutti i tempi mentre quelli Repubblicani lo consideravano sempre il 6°, ma con una valutazione spaccata che lo posizionava tra la media.

Un sondaggio del 2006 del Siena College su 744 professori ha riportato i seguenti risultati:[14]

  • «George W. Bush ha appena concluso cinque anni come presidente. Se oggi fosse l'ultimo giorno della sua presidenza, come lo classificheresti?». Le risposte sono risultate: grande 2%; quasi grande 5%; nella media 11%; sotto la media 24%; e decisamente un fallimento 58%.
  • «Secondo te, pensi che abbia una possibilità realistica di migliorare il suo punteggio?». I due terzi (il 67%) hanno risposto con un secco no; meno di un quarto (il 23%) ha detto invece di sì; e il 10% ha scelto nessuna opinione o non classificabile.

Thomas Kelly, professore emerito di studi americani al Siena College, ha dichiarato: «Sembrerebbe che il presidente Bush abbia una piccola speranza di alti voti dall'attuale generazione di storici praticanti e politologi. In questo caso gli attuali sondaggi di opinione pubblica paiono bocciare la sua amministrazione in un periodo di tempo più lento di quanto facciano gli esperti».

Douglas Lonnstrom, professore di statistica del Siena College e direttore dell'Istituto di ricerca Siena, ha dichiarato: «Nel nostro voto presidenziale del 2002 con un gruppo di esperti paragonabile a questo sondaggio il presidente Bush si è classificato alla 23ª posizione su 42. Quello era poco dopo gli attentati dell'11 settembre 2001. Chiaramente i professori non pensano che le cose siano andate bene per lui negli ultimi anni. Sono gli esperti che oggi insegnano a quegli studenti universitari che scriveranno la storia di questa era in un futuro prossimo».[14]

Un sondaggio di Siena del 2010 su 238 studiosi presidenziali ha rilevato che l'ex presidente George W. Bush era al 39º posto su 43, con valutazioni del tutto insufficienti in termini di gestione dell'economia, comunicazione, capacità di compromesso, risultati di politica estera e informazione militare e civile. Nel frattempo Barack Obama si posizionava al 15º posto su 43, con voti alti per immaginazione, capacità comunicativa e intelligenza, ma con una bassa valutazione dell'ambiente sociale (famiglia, istruzione ed esperienza).[15][16] L'indagine C-SPAN sulla capacità di guida comprende classifiche approntate da un gruppo di storici e biografi qualificati. Essa ha avuto luogo tre volte: nel 2000, nel 2009[17] e nel 2017.[18][19][20]

Il sondaggio del 2017 è stato condotto con la collaborazione di 91 storici presidenziali intervistati dall'Academic Advisor Team di C-SPAN composto da Douglas Brinkley, Edna Greene Medford e Richard Norton Smith. Qui ogni storico classifica ciascun presidente su una scala che va da 1 («non efficace») a 10 («molto efficace») e sulla capacità di guida presidenziale composta da dieci categorie: persuasione pubblica, capacità di comando nell'affrontare le crisi, gestione economica, autorità morale, relazioni internazionali, competenze amministrative, rapporti con il Congresso, visione/impostazione di un'agenda programmatica, capacità di perseguire la giustizia per tutti e prestazione nell'ambito del suo tempo. Ogni categoria è ugualmente soppesata.[21]

I risultati dei tre sondaggi C-SPAN sono stati abbastanza coerenti l'uno con l'altro: Abraham Lincoln ha ottenuto il punteggio più alto in ogni sondaggio e George Washington, Franklin Delano Roosevelt e Theodore Roosevelt si sono sempre classificati tra i primi cinque mentre James Buchanan, Andrew Johnson e Franklin Pierce sono stati classificati nella parte inferiore della classifica di tutte e tre le ricerche.[19]

Nel 2008 il Times di Londra ha chiesto a otto dei suoi «migliori commentatori politici e internazionali» di classificare tutti i presidenti «in ordine di statura politica».[22]

Nel 2011 attraverso l'agenzia dello United States Presidency Centre (USPC) l'Institute for the Study of the Americas (situato nella School of Advanced Study dell'Università di Londra) ha rilasciato il primo sondaggio accademico britannico di valutazione dei presidenti. Questo ha sondato l'opinione degli specialisti in storia e politica statunitense per valutare le prestazioni presidenziali. Hanno anche dato una valutazione provvisoria di Barack Obama, ma la sua presidenza incompiuta non è stata inclusa nel sondaggio (se lo fosse stato, avrebbe raggiunto complessivamente l'8ª posizione).[23]

Nel 2012 Newsweek chiese a un gruppo di storici di classificare i dieci migliori presidenti dal 1900 in poi. I risultati hanno mostrato che Franklin Delano Roosevelt, Theodore Roosevelt, Lyndon B. Johnson, Thomas Woodrow Wilson, Harry Truman, John Fitzgerald Kennedy, Dwight Eisenhower, Bill Clinton, Ronald Reagan e Barack Obama sono stati i migliori.[24]

Un sondaggio di History News Network del 2013 è stato svolto con la partecipazione di 203 storici statunitensi. Quando è stato chiesto loro di valutare la presidenza di Obama su una scala da A e F, gli è stato assegnato un voto di classe B. Obama, valutato utilizzando quindici misure distinte più un voto complessivo, si è piazzato al 1º posto nelle categorie di capacità di comunicazione, integrità e gestione delle crisi mentre e in modo peggiore per le sue relazioni con il Congresso, la trasparenza e il senso di responsabilità.[25]

Un sondaggio condotto nel 2015 dall'American Political Science Association (APSA) tra gli scienziati politici specializzati nella presidenza statunitense aveva Abraham Lincoln al primo posto, con George Washington, Franklin Delano Roosevelt, Theodore Roosevelt, Thomas Jefferson, Harry Truman, Dwight Eisenhower, Bill Clinton, Andrew Jackson e Thomas Woodrow Wilson che compongono le prime dieci posizioni.[26]

Il presidente in carica Donald Trump è stato incluso per la prima volta nel sondaggio condotto nel 2018 dal New York Times, classificandosi all'ultimo posto.[27]

Risultati cronologici delle ricercheModifica

All'interno di ogni colonna:[28]

  • blu, colore di sfondo indicante la prima centile;
  • verde, colore di sfondo indicante la seconda centile;
  • arancio, colore di sfondo indicante la terza centile;
  • rosso, colore di sfondo indicante la quarta centile.

Totale indica l'aggregato di tutti i sondaggi fino all'APSA 2018 e la classificazione del rapporto di ciascun presidente in base al piazzamento in tutti i sondaggi presi in considerazione, esclusi i pari merito.

L'asterisco si riferisce alla classifica calcolata prima che il presidente avesse completato il suo mandato.

Grover Cleveland è stato eletto per due mandati non consecutivi servendo sia come 22° che come 24º presidente e rimane l'unica persona ad essere riuscita a realizzare un tale obiettivo.

Per questo motivo il numero totale di persone che hanno prestato servizio come presidente è uno in meno rispetto al numero dei presidenti in ordine di successione.

No. Presidenza Partito Schl. 1948[1] Schl. 1962[8] M-B 1982 CT 1982 Siena 1982 Siena 1990 Siena 1994 R-McI 1996[12] Schl. 1996[9] C-SPAN 2000 WSJ 2000 Siena 2002 WSJ 2005[13] C-SPAN 2009[17] Siena 2010[15][16] USPC 2011[23] APSA 2015[26] C-SPAN 2017[20] APSA 2018[27] Totale
1 George Washington Indipendente 02 02 03 02 04 04 04 03 02 (pari) 03 01 04 01 02 04 03 02 02 02 03
2 John Adams Federalista 09 10 09 15 10 14 12 14 11 16 13 12 13 17 17 12 15 19 14 15
3 Thomas Jefferson Democratico-Repubblicano 05 05 04 05 02 03 05 04 04 07 04 05 04 07 05 04 05 07 05 05
4 James Madison Democratico-Repubblicano 14 12 14 17 09 08 09 10 17 18 15 09 17 20 06 14 13 17 12 14
5 James Monroe Democratico-Repubblicano 12 18 15 16 15 11 15 13 15 14 16 08 16 14 07 13 16 13 18 17
6 John Quincy Adams Democratico-Repubblicano 11 13 16 19 17 16 17 18 18 19 20 17 25 19 19 20 22 21 23 21
7 Andrew Jackson Democratico 06 06 07 07 13 09 11 08 05 13 06 13 10 13 14 09 09 18 15 09
8 Martin Van Buren Democratico 15 17 20 18 21 21 22 21 21 30 23 24 27 31 23 27 25 34 27 24
9 William Henry Harrison Whig 26 35 28 35 37 36 39 35 39 38 42 38
10 John Tyler Indipendente[29] 22 25 28 28 34 33 34 34 32 36 34 37 35 35 37 37 36 39 37 37
11 James Knox Polk Democratico 10 08 (pari) 12 10 12 13 14 11 09 12 10 11 09 12 12 16 19 14 20 12
12 Zachary Taylor Whig 25 24 27 26 29 34 33 29 29 28 31 34 33 29 33 33 33 31 35 35
13 Millard Fillmore Whig 24 26 29 31 32 32 35 36 31 35 35 38 36 37 38 35 37 37 38 39
14 Franklin Pierce Democratico 27 28 31 33 35 36 37 37 33 (pari) 39 37 (pari) 39 38 40 40 39 40 41 41 40
15 James Buchanan Democratico 26 29 33 34 37 38 39 40 38 41 39 41 40 42 42 40 43 43 43 43
16 Abraham Lincoln Repubblicano 01 01 01 01 03 02 02 01 01 01 02 02 02 01 03 02 01 01 01 01
17 Andrew Johnson Democratico[30] 19 23 32 30 38 39 40 39 37 40 36 42 37 41 43 36 41 42 40 41
18 Ulysses S. Grant Repubblicano 28 30 35 32 36 37 38 38 33 (pari) 33 32 35 29 23 26 29 28 22 21 36
19 Rutherford Hayes Repubblicano 13 14 22 22 22 23 24 25 23 26 22 27 24 33 31 30 30 32 29 25
20 James A. Garfield Repubblicano 25 30 26 30 29 33 28 27 31 29 34 29
21 Chester Arthur Repubblicano 17 21 (pari) 23 24 24 26 27 28 26 32 26 30 26 32 25 32 32 35 31 28
22/24 Grover Cleveland Democratico 08 11 17 13 18 17 19 16 13 17 12 20 12 21 20 21 23 23 24 20
23 Benjamin Harrison Repubblicano 21 20 26 25 31 29 30 31 19 31 27 32 30 30 34 34 29 30 32 31
25 William McKinley Repubblicano 18 15 18 11 19 19 18 17 16 15 14 19 14 16 21 17 21 16 19 19
26 Theodore Roosevelt Repubblicano 07 07 05 04 05 05 03 05 06 04 05 03 05 04 02 05 04 04 04 04
27 William Howard Taft Repubblicano 16 16 19 20 20 20 21 20 22 24 19 21 20 24 24 25 20 24 22 23
28 Thomas Woodrow Wilson Democratico 04 04 06 06 06 06 06 06 07 06 11 06 11 09 08 06 10 11 11 07
29 Warren Gamaliel Harding Repubblicano 29 31 36 36 39 40 41 41 39 38 37 (pari) 40 39 38 41 38 42 40 39 42
30 Calvin Coolidge Repubblicano 23 27 30 29 30 31 36 33 30 27 25 29 23 26 29 28 27 27 28 30
31 Herbert Hoover Repubblicano 20 19 21 21 27 28 29 24 33 (pari) 34 29 31 31 34 36 26 38 36 36 34
32 Franklin Delano Roosevelt Democratico 03 03 02 03 01 01 01 02 02 (pari) 02 03 01 03 03 01 01 03 03 03 02
33 Harry Truman Democratico 08 (pari) 08 08 07 07 07 07 08 05 07 07 07 05 09 07 06 06 06 06
34 Dwight Eisenhower Repubblicano 21 (pari) 11 09 11 12 08 09 10 09 09 10 08 08 10 10 07 05 07 08
35 John Fitzgerald Kennedy Democratico 13 14 08 10 10 15 12 08 18 14 15 06 11 15 14 08 16 10
36 Lyndon B. Johnson Democratico 10 12 14 15 13 12 14 10 17 15 18 11 16 11 12 10 10 13
37 Richard Nixon Repubblicano 34 35 28 25 23 32 36 25 33 26 32 27 30 23 34 28 33 33
38 Gerald Ford Repubblicano 24 23 23 27 32 27 28 23 28 28 28 22 28 24 24 25 25 26
39 Jimmy Carter Democratico 25 27 33 24 25 19 27 22 30 25 34 25 32 18 26 26 26 27
40 Ronald Reagan Repubblicano 16 * 22 20 26 25 11 08 16 06 10 18 08 11 09 09 16
41 George H. W. Bush Repubblicano 18 * 31 22 24 20 21 22 21 18 22 22 17 20 17 22
42 Bill Clinton Democratico 16 * 23 * 20 * 21 * 24 * 18 22 15 13 19 08 15 13 18
43 George W. Bush Repubblicano 23 * 19 * 36 39 31 35 33 30 32
44 Barack Obama Democratico 15 * 18 * 12 08 11
45 Donald Trump Repubblicano 44 * 44
Totale 29 31 36 36 39 40 41 41 39 41 39 42 40 42 43 40 43 43 44 44

Classifiche liberali e conservatriciModifica

L'inchiesta Murray-Blessing del 1982 chiedeva agli storici se fossero liberali o conservatori sulle questioni inerenti alla politica interna, gli affari sociali e l'economia degli Stati Uniti d'America.[31] La tabella seguente mostra che i due gruppi presentavano solo lievi differenze nel classificare i presidenti migliori e peggiori. Entrambi i gruppi hanno concordato nella composizione di nove dei primi dieci presidenti (divisi sull'inclusione di Lyndon B. Johnson o Dwight Eisenhower) e di sei dei peggiori sette (divisi tra Jimmy Carter o Calvin Coolidge).

 
George Washington, la cui presidenza è durata dal 1789 al 1797, fu eletto all'unanimità come indipendente in quanto allora i partiti politici ancora non esistevano
 
Thomas Jefferson, la cui presidenza è durata dal 1801 al 1809, è considerato dagli analisti tra i cinque migliori presidenti per via dei suoi successi pubblici, tra cui la paternità della dichiarazione d'indipendenza, per aver sostenuto la libertà religiosa in Virginia e per aver supervisionato l'acquisto della Louisiana
 
Andrew Jackson, la cui presidenza è durata dal 1829 al 1837, è spesso inserito dagli analisti nelle prime dieci posizioni, ma negli ultimi anni è stato considerato più in negativo a causa del trattamento dei nativi americani
(vedi il sentiero delle lacrime)
 
William Henry Harrison, la cui presidenza è stata la più breve della storia (30 giorni nel 1841), è spesso escluso dagli analisti nelle classifiche storiche dei presidenti o comunque piazzato nell'ultima centile
 
Ulysses S. Grant, la cui a presidenza è durata dal 1869 al 1877, non viene generalmente mai considerato come uno dei migliori presidenti, soprattutto per colpa della più lunga serie di scandali dell'intera storia Repubblicana che ha funestato la sua amministrazione, ma negli ultimi anni è stato rivalutato in positivo per il suo apporto ai diritti civili
 
Grover Cleveland, la cui presidenza è durata dal 1885 al 1889 prima e dal 1893 e il 1897 poi, è stato l'unico presidente a essere stato eletto per due mandati non consecutivi
 
William McKinley, la cui presidenza è durata dal 1897 al 1901, nel corso del suo primo mandato ha scatenato e vinto la guerra ispano-americana, ma non ha potuto concludere il proprio incarico a causa del suo assassinio
 
Thomas Woodrow Wilson, la cui presidenza è durata dal 1913 al 1921, ha contribuito alla vittoria degli Alleati nella prima guerra mondiale e ricevuto il Premio Nobel per la pace nel 1919
 
Calvin Coolidge, la cui presidenza è durata dal 1923 al 1929, è stato criticato per non aver usato gli eccessi del bilancio duranti gli anni ruggenti per aiutare agricoltori e lavoratori in industrie in difficoltà, ma è apprezzato nei suoi sforzi di egualità razziale
 
Dwight Eisenhower, la cui presidenza è durata dal 1953 al 1961, generale durante le seconda guerra mondiale e considerato dagli analisti tra i dieci migliori presidenti
 
Richard Nixon, la cui presidenza è durata dal 1969 al 1974, fu il primo e unico presidente a dimettersi dall'incarico a causa della certa messa in stato d'accusa che lo avrebbe rimosso dalla Casa Bianca a causa dello scandalo Watergate.
 
Gerald Ford, la cui presidenza è durata dal 1974 al 1977, concesse a Nixon la grazia presidenziale
 
Jimmy Carter, la cui presidenza è durata dal 1977 al 1981, è considerato un presidente sotto la media essendo inserito nelle classifiche presidenziali nella terza centile, ma i suoi sforzi umanitari successivi alla presidenza sono stati acclamati nel 2002 è stato insignito del Premio Nobel per la pace
 
Ronald Reagan, la cui presidenza è durata dal 1981 al 1989, è considerato un'icona del Partito Repubblicano
 
Bill Clinton, la cui presidenza è durata dal 1993 al 2001, fu presidente durante il più lungo periodo di prosperità economica negli Stati Uniti, ma anche parte incriminante del Sexgate che lo portò alla messa in stato di accusa nel 1998
 
Barack Obama, la cui presidenza è durata dal 2009 al 2017, è stato uno dei presidenti più polarizzanti
 
Donald Trump, la cui presidenza è iniziata nel 2017, ha iniziato la sua carriera come uno dei peggiori presidenti dopo il 1945 secondo il sondaggio del Morning Consult
Classifiche liberali e conservatrici
Posizione Liberali (190 intervistati) Conservatori (50 intervistati)
1 Abraham Lincoln Abraham Lincoln
2 Franklin Delano Roosevelt George Washington
3 George Washington Franklin Delano Roosevelt
4 Thomas Jefferson Thomas Jefferson
5 Theodore Roosevelt Theodore Roosevelt
6 Thomas Woodrow Wilson Andrew Jackson
7 Andrew Jackson Harry Truman
8 Harry Truman Thomas Woodrow Wilson
9 Lyndon B. Johnson Dwight Eisenhower
10 John Adams John Adams
...
30 Calvin Coolidge Jimmy Carter
31 Franklin Pierce Richard Nixon
32 James Buchanan Franklin Pierce
33 Andrew Johnson Andrew Johnson
34 Ulysses S. Grant James Buchanan
35 Richard Nixon Ulysses S. Grant
36 Warren Gamaliel Harding Warren Gamaliel Harding

Analisi statisticheModifica

Gli studiosi hanno esplorato se le classifiche degli storici di un presidente sono correlate con misure quantificabili. L'economista David R. Henderson e Zachary Gochenour hanno applicato un modello di regressione lineare per spiegare l'indagine C-SPAN sulle classifiche della leadership presidenziale.[32] Hanno trovato le seguenti correlazioni come essere statisticamente significative:

Variabile Coefficiente Valore-p
Crescita reale del reddito pro capite 7.75 <.05
Anni in carica 22.67 <.01
Brillantezza intellettuale 57.79 <.01
Eroi di guerra 147.86 <.01
Morti assassinati 195.97 <.001
Grado pro-capite delle vittime militari −8.73 <.001

Hanno concluso che «i risultati indicano il numero delle morti militari in guerra (in percentuale sulla popolazione totale) è un fattore determinante della grandezza presidenziale agli occhi degli storici».

Approcci di gruppi minoritariModifica

Nel 2002 Ronald W. Walters, ex direttore dell'African American Leadership Institute dell'Università del Maryland, College Park, ha dichiarato che la classificazione dei presidenti in base a come ciascuno di loro è riuscito a bilanciare gli interessi della maggioranza con quelli dei gruppi esclusi o minoritari erano funzionali rispetto al dibattito americano sulla politica razziale.

I presidenti sono stati tradizionalmente classificati in base alle qualità personali e alla capacità di comando nel risolvere problemi muovendo la nazione in una direzione considerata positiva. Walters ha affermato anche che c'era una differenza qualitativa tra gli intellettuali bianchi americani e quelli afroamericani nella valutazione dei presidenti.

Nel sondaggio del New York Times datato 1996 di Arthur M. Schlesinger Jr. trentuno storici bianchi e uno nero hanno valutato i presidenti in diverse categorie di grandezza. In una ricerca condotta dai professori Hanes Walton Jr. e Robert Smith (in seguito fatto pubblicare nel loro testo divulgativo intitolato American Politics And The African American Quest For Universal Freedom) invece quarantaquattro scienziati e storici politici afroamericani hanno classificato i presidenti in termini di atteggiamenti razziali e di legislazione proposta.[33]

Gli atteggiamenti, le politiche e le prospettive dei singoli presidenti erano storicamente classificati in cinque categorie: suprematista del potere bianco; razzista; neutrale; ambivalente (le cui azioni vanno dall'antirazzista alla neutralità); e antirazzista. Qualsiasi giudizio sulla grandezza di un presidente richiederebbe quindi anche una considerazione della sua sensibilità razziale, dopotutto questo argomento è esistito come discussione subliminale tra le comunità dominanti e subordinate negli Stati Uniti fin dal principio della sua storia. Più recentemente è emersa come una questione di interesse nazionale tra coloro che stanno riesaminando il passato di presidenti importanti come George Washington e Thomas Jefferson i quali assecondarono apertamente la schiavitù negli Stati Uniti d'America.[34]

Infatti ci si chiede come valutiamo la grandezza di un personaggio complesso come Jefferson, che potrebbe pretendere di opporsi alla schiavitù mentre al contempo possedeva degli schiavi e intratteneva una relazione con un'afroamericana, Sally Hemings. Allo stesso modo ci si chiede come valutiare Lyndon B. Johnson e Richard Nixon che pur sostenendo vari aspetti dei diritti civili allo stesso tempo si riferivano privatamente nei confronti dei neri con espressioni razziali dispregiative e oltraggiose.

Questa tensione viene ben illustrata quando si considerano i più contemporanei come Ronald Reagan, che insieme a George H. W. Bush, Dwight Eisenhower e Gerald Ford è classificato nell'indagine di Walton e Smith come «ambivalente razzista». Alla resa oggettiva dei fatti la NAACP considera Reagan un presidente «razzista» perché il suo stile di governo li ha esclusi completamente dall'accesso alla Casa Bianca, svalutato l'eredità dei diritti civili e portato al ritiro dei fondi federali per sostenere lo sviluppo della comunità nera.

Opinione pubblicaModifica

Sondaggio Rasmussen 2007Modifica

Secondo un sondaggio Rasmussen Report condotto nel 2007 sei presidenti (George Washington, Abraham Lincoln, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt, Franklin Delano Roosevelt e John Fitzgerald Kennedy) sono stati valutati favorevolmente da almeno l'80% dei cittadini statunitensi.[35]

Presidente Giudizio positivo Giudizio negativo Giudizio netto positivo
George Washington 94 2 92
Abraham Lincoln 92 4 88
Thomas Jefferson 89 4 85
Theodore Roosevelt 84 8 76
Franklin Delano Roosevelt 81 12 69
John Fitzgerald Kennedy 80 13 67
John Adams 74 9 65
James Madison 73 8 65
Ronald Reagan 72 22 50
Dwight Eisenhower 72 15 57
Harry Truman 70 14 56
Andrew Jackson 69 14 55
Gerald Ford 62 26 36
John Quincy Adams 59 7 52
Ulysses S. Grant 58 24 34
George H. W. Bush 57 41 16
Jimmy Carter 57 34 23
William Howard Taft 57 15 42
Thomas Woodrow Wilson 56 19 37
Bill Clinton 55 41 14
James Monroe 49 10 39
Herbert Hoover 48 34 14
Lyndon B. Johnson 45 42 3
Andrew Johnson 45 26 19
Chester Arthur 43 17 26
James A. Garfield 42 16 26
William McKinley 42 24 18
George W. Bush 41 59 −18
Grover Cleveland 40 26 14
Calvin Coolidge 38 31 7
Rutherford Hayes 38 19 19
Richard Nixon 32 60 −28
Benjamin Harrison 30 35 −5
Warren Gamaliel Harding 29 33 −4
James Buchanan 28 32 −4
James Knox Polk 27 21 6
Zachary Taylor 26 18 8
Martin Van Buren 23 19 4
William Henry Harrison 21 16 5
Franklin Pierce 17 25 −8
Millard Fillmore 17 25 −8
John Tyler 9 15 −6

Sondaggio Gallup 2011Modifica

Un sondaggio Gallup sulla bravura e il successo presidenziale condotto tra il 2 e il 5 febbraio 2011 ha chiesto a 1.015 adulti la seguente domanda: «Chi consideri il più grande presidente della storia degli Stati Uniti d'America?».[3]

  1. Ronald Reagan (19%)
  2. Abraham Lincoln (14%)
  3. Bill Clinton (13%)
  4. John Fitzgerald Kennedy (11%)
  5. George Washington (10%)
  6. Franklin Delano Roosevelt (8%)
  7. Barack Obama (5%)
  8. Theodore Roosevelt (3%)
  9. Harry Truman (3%)
  10. George W. Bush (2%)
  11. Thomas Jefferson (2%)
  12. Jimmy Carter (1%)
  13. Dwight Eisenhower (1%)
  14. George H. W. Bush (1%)
  15. Andrew Jackson (<0.5%)
  16. Lyndon B. Johnson (<0.5%)
  17. Richard Nixon (<0.5%)

Altri ha ricevuto l'1%, nessuno l'1% e nessuna opinione il 5%.

Opinione pubblica sui presidenti recentiModifica

Questi sondaggi valutano solo i presidenti dal 1961 in poi.

Sondaggio Gallup 2010Modifica

Un sondaggio Gallup condotto tra il 19 e il 21 novembre 2010 ha chiesto ai cittadini statunitensi di dire in base a ciò che sanno o ricordano dei nove presidenti più recenti se approvano o disapprovano il modo in cui ognuno ha gestito il proprio ufficio mentre si trovava in carica.[36]

  1. John Fitzgerald Kennedy (85% e 10%)
  2. Ronald Reagan (74% e 24%)
  3. Bill Clinton (69% e 30%)
  4. George H. W. Bush (64% e 34%)
  5. Gerald Ford (61% e 26%)
  6. Jimmy Carter (52% e 42%)
  7. Lyndon B. Johnson (49% e 36%)
  8. George W. Bush (47% e 51%)
  9. Richard Nixon (29% e 65%)

Sondaggio Public Policy Polling 2011Modifica

Un sondaggio Public Policy Polling condotto tra l'8 e l'11 settembre 2011 ha chiesto a 665 elettori statunitensi basandosi su ciò che sanno o ricordano dei nove presidenti più recenti (indipendentemente dal fatto che abbiano opinioni favorevoli o sfavorevoli su di lui) chi abbia saputo gestire meglio il proprio ufficio mentre si trovava in carica.[37]

  1. John Fitzgerald Kennedy (74% e 15%)
  2. Ronald Reagan (60% e 30%)
  3. Bill Clinton (62% e 34%)
  4. George H. W. Bush (53% e 35%)
  5. Gerald Ford (45% e 26%)
  6. Jimmy Carter (45% e 43%)
  7. Lyndon B. Johnson (36% e 39%)
  8. George W. Bush (41% e 51%)
  9. Richard Nixon (19% e 62%)

Sondaggio Vision Critical/Angus Reid 2011Modifica

Un sondaggio Vision Critical/Angus Reid condotto tra il 18 e il 19 febbraio 2011 ha chiesto agli intervistati quale degli undici ex presidenti (incluso Barack Obama) quale fosse stato il migliore e quale il peggiore.[38]

  1. John Fitzgerald Kennedy (80% e 6%)
  2. Ronald Reagan (72% e 16%)
  3. Bill Clinton (65% e 24%)
  4. Dwight Eisenhower (61% e 6%)
  5. Harry Truman (57% e 7%)
  6. Jimmy Carter (47% e 28%)
  7. George H. W. Bush (44% e 38%)
  8. Barack Obama (41% e 33%)
  9. Gerald Ford (37% e 25%)
  10. Lyndon B. Johnson (33% e 27%)
  11. George W. Bush (30% e 55%)
  12. Richard Nixon (24% e 54%)

Sondaggio Gallup 2013Modifica

Un sondaggio Gallup condotto tra il 7 e il 10 novembre 2013 ha chiesto a 1.039 adulti la seguente domanda: «Come pensi che ciascuno dei seguenti presidenti passerà alla storia—come un presidente eccezionale, sopra la media, nella media, sotto la media, o del tutto scarso?».[39]

Gallup poll 2013
Presidente Eccezionale Sopra la media Nella media Sotto la media Del tutto scarso Senza alcuna opinione Media tabulata
Dwight Eisenhower 10% 39% 36% 2% 1% 12% 3.63
John Fitzgerald Kennedy 18% 56% 19% 2% 1% 4% 3.92
Lyndon B. Johnson 4% 16% 46% 14% 8% 12% 2.93
Richard Nixon 2% 13% 27% 29% 23% 6% 2.38
Gerald Ford 2% 14% 56% 15% 5% 8% 2.92
Jimmy Carter 4% 19% 37% 20% 15% 6% 2.76
Ronald Reagan 19% 42% 27% 6% 4% 2% 3.67
George H. W. Bush 3% 24% 48% 12% 10% 2% 2.98
Bill Clinton 11% 44% 29% 9% 6% 1% 3.45
George W. Bush 3% 18% 36% 20% 23% 1% 2.58
Barack Obama 6% 22% 31% 18% 22% 1% 2.72

Sondaggio Quinnipiac 2014Modifica

Un sondaggio condotto dalla Quinnipiac University tra il 24 e il 30 giugno 2014 ha chiesto a 1.446 elettori registrati quali pensavano fossero stati i presidenti migliori e peggiori dalla seconda guerra mondiale in poi.[40]

  • Il migliore dal 1945:
  1. Ronald Reagan (35%)
  2. Bill Clinton (18%)
  3. John Fitzgerald Kennedy (15%)
  4. Barack Obama (8%)
  5. Dwight Eisenhower (5%)
  6. Harry Truman (4%)
  7. Lyndon B. Johnson (pari merito) (3%)
  8. George H. W. Bush (pari merito) (3%)
  9. Jimmy Carter (2%)
  10. Richard Nixon (pari merito) (1%)
  11. Gerald Ford (pari merito) (1%)
  12. George W. Bush (pari merito) (1%)
  • Il peggiore dal 1945:
  1. Barack Obama (33%)
  2. George W. Bush (28%)
  3. Richard Nixon (13%)
  4. Jimmy Carter (8%)
  5. Lyndon B. Johnson (tie) (3%)
  6. Ronald Reagan (pari merito) (3%)
  7. Bill Clinton (pari merito) (3%)
  8. Gerald Ford (pari merito) (2%)
  9. George H. W. Bush (pari merito) (2%)
  10. Dwight Eisenhower (1%)
  11. Harry Truman (pari merito) (<1%)
  12. John Fitzgerald Kennedy (pari merito) (<1%)

Sondaggio Quinnipiac 2017Modifica

Quattro anni dopo il sondaggio Quinnipiac University condotto tra il 20 e il 25 gennaio 2017 ha chiesto a 1.190 elettori quali pensavano fossero stati i presidenti migliori e peggiori dalla seconda guerra mondiale in poi.[41]

  • Il migliore dal 1945:
  1. Ronald Reagan (30%)
  2. Barack Obama (29%)
  3. John Fitzgerald Kennedy (12%)
  4. Bill Clinton (9%)
  5. Dwight Eisenhower (pari merito) (3%)
  6. George W. Bush (pari merito) (3%)
  7. Harry Truman (pari merito) (2%)
  8. Lyndon B. Johnson (pari merito) (2%)
  9. Jimmy Carter (pari merito) (2%)
  10. George H. W. Bush (pari merito) (2%)
  11. Richard Nixon (<1%)
  12. Gerald Ford (<1%)
  • Il peggiore dal 1945:
  1. Richard Nixon (24%)
  2. Barack Obama (23%)
  3. George W. Bush (22%)
  4. Jimmy Carter (10%)
  5. Ronald Reagan (5%)
  6. Bill Clinton (4%)
  7. Lyndon B. Johnson (3%)
  8. George H. W. Bush (2%)
  9. Gerald Ford (1%)
  10. Harry Truman (pari merito) (<1%)
  11. Dwight Eisenhower (pari merito) (<1%)
  12. John Fitzgerald Kennedy (pari merito) (<1%)

Sondaggio Morning Consult 2017Modifica

Il sondaggio Morning Consult condotto dal 9 al 10 febbraio 2017 ha chiesto a 1.791 elettori registrati quali pensavano fossero stati i presidenti migliori e peggiori dalla seconda guerra mondiale in poi, includendo per la prima volta Donald Trump.[42][43]

  • Il migliore dopo il 1945:
  1. Ronald Reagan (26%)
  2. Barack Obama (20%)
  3. John Fitzgerald Kennedy (17%)
  4. Bill Clinton (9%)
  5. Donald Trump (6%)
  6. George W. Bush (pari merito) (2%)
  7. Harry Truman (pari merito) (2%)
  8. Jimmy Carter (pari merito) (2%)
  9. George H. W. Bush (pari merito) (2%)
  10. Richard Nixon (pari merito) (1%)
  11. Lyndon B. Johnson (pari merito) (1%)
  12. Gerald Ford (<1%)
  • Il peggiore dopo il 1945:
  1. Donald Trump (26%)
  2. Barack Obama (25%)
  3. Richard Nixon (13%)
  4. George W. Bush (7%)
  5. Bill Clinton (6%)
  6. Jimmy Carter (5%)
  7. George H. W. Bush (3%)
  8. Lyndon B. Johnson (2%)
  9. Ronald Reagan (pari merito) (1%)
  10. Gerald Ford (pari merito) (1%)
  11. Harry Truman (pari merito) (<1%)
  12. John Fitzgerald Kennedy (pari merito) <1%)

Sondaggio Sondaggio Quinnipiac 2018Modifica

Il sondaggio Quinnipiac condotto dal 3 al 5 marzo 2018 ha chiesto a 1.122 elettori quali pensavano fossero stati i presidenti migliori e peggiori dalla seconda guerra mondiale in poi.[44]

  • Il migliore dopo il 1945:
  1. Ronald Reagan (28%)
  2. Barack Obama (24%)
  3. John F. Kennedy (pari merito) (10%)
  4. Bill Clinton (pari merito) (10%)
  5. Donald Trump (7%)
  6. Dwight Eisenhower (4%)
  7. Harry Truman (pari merito) (3%)
  8. Jimmy Carter (pari merito) (3%)
  9. Lyndon B. Johnson (2%)
  10. George H.W. Bush (pari merito) (1%)
  11. Richard Nixon (pari merito) (1%)
  12. George W. Bush (pari merito) (1%)
  13. Gerald R. Ford (<1%)
  • Il peggiore dopo il 1945:
  1. Donald Trump (41%)
  2. Barack Obama (21%)
  3. Richard Nixon (10%)
  4. Jimmy Carter (8%)
  5. George W. Bush (6%)
  6. Bill Clinton (4%)
  7. Lyndon B. Johnson (pari merito) (2%)
  8. Ronald Reagan (pari merito) (2%)
  9. Gerald R. Ford (1%)
  10. Harry S. Truman (pari merito) (<1%)
  11. Dwight Eisenhower (pari merito) (<1%)
  12. John F. Kennedy (pari merito) (<1%)
  13. George H.W. Bush (pari merito) (<1%)

Siena College Research Institute, Presidential Expert Poll 2010Modifica

Abbreviazioni:

  • Bg = Ambiente sociale
  • PL = Guida politica
  • CAb = Abilità comunicativa
  • RC = Relazioni con il Congresso
  • CAp = Nomine giuridiche
  • HE = Gestione dell'economia
  • L = Fortuna
  • AC = Capacità di compromesso
  • WR = Disponibilità a correre rischi
  • EAp = Incarichi esecutivi
  • OA = Abilità generale
  • Im = Immaginazione
  • DA = Realizzazioni in politica interna
  • Int = Integrità morale
  • EAb = Abilità esecutiva
  • FPA = Realizzazioni in politica estera
  • LA = Abilità di comando
  • IQ = Quoziente intellettivo
  • AM = Bravura a evitare errori cruciali
  • EV = Punto di vista degli esperti
  • O = Totale generale
  • Blu, colore di sfondo indicante la prima centile.
  • Verde, colore di sfondo indicante la seconda centile.
  • Arancio, colore di sfondo indicante la terza centile.
  • Rosso, colore di sfondo indicante la quarta centile.

Fonte:[45]

Sequenza Presidente Partito Bg PL CAb RC CAp HE L AC WR EAp OA Im DA Int EAb FPA LA IQ AM EV O
1 George Washington Indipendente 7 18 12 3 3 4 1 3 4 1 4 9 4 2 2 3 1 12 1 3 4
2 John Adams Federalista 4 29 18 26 10 13 23 32 16 15 13 17 22 3 19 12 20 7 15 12 17
3 Thomas Jefferson Democratico-Repubblicano 1 4 6 4 6 16 6 11 8 5 5 3 6 14 5 7 6 1 6 5 5
4 James Madison Democratico-Repubblicano 3 10 11 9 7 12 17 7 15 9 6 8 12 5 14 20 17 2 10 8 6
5 James Monroe Democratico-Repubblicano 9 12 15 8 14 9 9 8 17 8 16 16 8 10 11 2 13 15 7 9 7
6 John Quincy Adams Democratico-Repubblicano 2 34 20 35 16 14 30 29 23 13 15 11 18 4 21 16 26 5 20 21 19
7 Andrew Jackson Democratico 30 2 10 14 27 28 4 38 5 19 12 13 14 23 6 19 5 23 12 13 14
8 Martin Van Buren Democratico 16 13 23 19 24 38 33 13 32 25 24 24 27 29 23 25 27 22 27 24 23
9 William Henry Harrison Whig 24 30 25 31 33 27 42 35 30 24 37 35 36 30 33 39 24 31 33 34 35
10 John Tyler Indipendente[29] 33 42 39 42 39 31 22 39 26 34 35 29 34 33 37 35 36 33 32 36 37
11 James Knox Polk Democratico 17 9 13 12 21 15 7 23 7 16 17 14 11 24 9 8 10 20 9 11 12
12 Zachary Taylor Whig 37 35 28 37 37 24 36 34 28 28 34 27 37 21 31 34 25 37 25 33 33
13 Millard Fillmore Whig 40 41 40 38 35 33 25 25 37 35 38 36 35 36 38 33 39 39 30 35 38
14 Franklin Pierce Democratico 38 37 37 41 40 34 35 36 38 38 39 39 39 38 40 40 40 38 35 40 40
15 James Buchanan Democratico 23 40 41 40 42 41 40 41 43 39 42 42 43 40 42 41 43 40 41 43 42
16 Abraham Lincoln Repubblicano 28 6 2 6 4 5 13 1 2 2 1 2 1 1 1 5 2 3 2 1 3
17 Andrew Johnson Unione Nazionale[30] 42 43 43 43 43 37 39 43 34 42 41 41 42 37 41 38 42 41 42 42 43
18 Ulysses S. Grant Repubblicano 26 28 24 22 25 29 21 22 22 40 28 26 26 27 34 24 21 29 31 31 26
19 Rutherford Hayes Repubblicano 29 33 30 29 29 26 19 18 33 33 33 32 33 28 30 30 32 30 24 29 31
20 James A. Garfield Repubblicano 20 22 22 24 32 23 41 27 31 29 25 28 25 25 26 31 23 26 22 27 27
21 Chester Arthur Repubblicano 41 31 32 27 28 19 14 21 27 26 30 25 20 32 27 26 28 32 17 26 25
22/24 Grover Cleveland Democratico 19 16 17 15 17 22 20 19 24 18 20 22 17 19 17 21 19 25 14 19 20
23 Benjamin Harrison Repubblicano 39 32 34 28 30 35 29 30 39 36 36 34 32 31 35 28 34 35 23 32 34
25 William McKinley Repubblicano 21 14 19 11 23 18 24 20 21 20 21 23 19 22 18 15 18 27 11 20 21
26 Theodore Roosevelt Repubblicano 6 7 3 5 1 2 2 12 1 4 3 1 2 6 4 4 4 6 3 4 2
27 William Howard Taft Repubblicano 14 36 29 30 18 20 32 24 36 22 23 30 21 18 25 23 31 18 28 23 24
28 Thomas Woodrow Wilson Democratico 8 8 9 16 8 8 15 37 9 10 8 5 9 11 10 10 12 4 29 10 8
29 Warren Gamaliel Harding Repubblicano 43 38 36 34 36 39 37 26 40 43 43 43 40 42 43 37 41 43 39 41 41
30 Calvin Coolidge Repubblicano 25 24 38 21 26 30 12 28 41 30 32 37 31 17 28 32 33 28 19 28 29
31 Herbert Hoover Repubblicano 10 26 31 33 19 43 43 40 42 32 26 38 41 13 29 36 37 14 40 38 36
32 Franklin Delano Roosevelt Democratico 5 1 1 2 2 1 5 2 3 3 2 4 3 16 3 1 3 10 4 2 1
33 Harry Truman Democratico 35 15 14 20 15 6 11 15 6 7 7 15 7 8 8 6 9 17 8 6 9
34 Dwight Eisenhower Repubblicano 12 17 21 10 9 11 8 5 20 17 11 20 13 9 7 9 7 19 5 7 10
35 John Fitzgerald Kennedy Democratico 13 19 4 13 12 7 27 6 10 6 14 7 15 35 13 17 11 11 16 14 11
36 Lyndon B. Johnson Democratico 15 3 16 1 5 10 28 9 12 12 9 12 5 34 12 43 15 21 37 16 16
37 Richard Nixon Repubblicano 18 20 26 36 38 25 34 33 14 37 22 19 24 43 24 11 29 16 43 37 30
38 Gerald Ford Repubblicano 27 25 35 17 22 36 31 17 35 23 31 33 30 15 32 27 30 34 26 25 28
39 Jimmy Carter Democratico 31 39 27 39 20 40 38 31 25 21 29 21 29 7 36 29 35 13 36 30 32
40 Ronald Reagan Repubblicano 34 5 5 7 31 21 3 14 11 31 19 18 23 26 20 13 8 36 13 17 18
41 George H. W. Bush Repubblicano 11 27 33 23 34 32 26 16 29 27 27 31 28 20 22 14 22 24 18 22 22
42 Bill Clinton Democratico 22 11 8 25 11 3 10 4 18 11 10 10 10 41 15 18 14 9 34 15 13
43 George W. Bush Repubblicano 36 23 42 32 41 42 18 42 19 41 40 40 38 39 39 42 38 42 38 39 39
44 Barack Obama Democratico 32 21 7 18 13 17 16 10 13 14 18 6 16 12 16 22 16 8 21 18 15
Sequenza Presidente Partito Bg PL CAb RC CAp HE L AC WR EAp OA Im DA Int EAb FPA LA IQ AM EV O

C-SPAN Presidential Historian Survey 2017Modifica

Abbreviazioni:

  • PP = Persuasione pubblica
  • CL = Guida nei momenti di crisi
  • EM = Gestione economica
  • MA = Autorità morale
  • IR = Relazioni internazionali
  • AS = Abilità amministrative
  • RC = Relazioni con il Congresso
  • VSA = Progettazione/impostazione di un ordine del giorno
  • PEJ = Perseguimento di una giustizia uguale per tutti
  • PCT = Prestazioni nel contesto dei tempi
  • O = Valutazione generale
  • Blu, colore di sfondo indicante la prima centile.
  • Verde, colore di sfondo indicante la seconda centile.
  • Arancio, colore di sfondo indicante la terza centile.
  • Rosso, colore di sfondo indicante la quarta centile.

Fonte:[46]

Sequenza Presidente Affiliazione PP CL EM MA IR AS RC VSA PEJ PCT O
1 George Washington Indipendente 4 2 1 1 2 2 2 2 13 1 2
2 John Adams Federalista 22 17 15 11 13 21 24 20 15 19 19
3 Thomas Jefferson Democratico-Repubblicano 8 13 13 6 11 7 5 5 17 6 7
4 James Madison Democratico-Repubblicano 18 19 19 9 22 17 13 18 18 16 17
5 James Monroe Democratico-Repubblicano 17 14 18 16 7 11 9 14 25 11 13
6 John Quincy Adams Democratico-Repubblicano 33 23 17 12 15 18 32 15 9 22 21
7 Andrew Jackson Democratico 7 10 26 20 20 23 21 10 38 13 18
8 Martin Van Buren Democratico 30 35 40 33 26 26 28 33 30 33 34
9 William Henry Harrison Whig 28 38 38 31 42 40 38 36 37 38 38
10 John Tyler Indipendente[29] 39 36 39 37 28 38 41 37 41 36 39
11 James Knox Polk Democratico 13 9 14 27 16 9 11 11 36 12 14
12 Zachary Taylor Whig 27 28 28 28 30 35 35 30 34 30 31
13 Millard Fillmore Whig 40 34 34 36 34 36 36 39 39 37 37
14 Franklin Pierce Democratico 41 41 41 39 40 39 40 41 42 41 41
15 James Buchanan Democratico 43 43 42 43 43 41 42 43 43 43 43
16 Abraham Lincoln Repubblicano 3 1 2 2 3 1 4 1 1 2 1
17 Andrew Johnson Unione Nazionale[30] 42 42 37 41 39 43 43 42 40 42 42
18 Ulysses S. Grant Repubblicano 19 21 27 19 19 37 20 23 10 21 22
19 Rutherford Hayes Repubblicano 29 30 25 32 33 29 30 32 32 28 32
20 James A. Garfield Repubblicano 21 31 29 22 36 32 27 25 20 27 29
21 Chester Arthur Repubblicano 37 32 31 35 35 28 29 34 27 32 35
22/24 Grover Cleveland Democratico 20 22 24 26 23 22 22 21 31 23 23
23 Benjamin Harrison Repubblicano 32 33 32 30 27 30 26 31 24 31 30
25 William McKinley Repubblicano 16 16 11 18 17 13 10 17 26 18 16
26 Theodore Roosevelt Repubblicano 2 5 4 5 4 4 7 4 11 4 4
27 William Howard Taft Repubblicano 31 26 20 25 21 12 23 28 22 24 24
28 Thomas Woodrow Wilson Democratico 11 11 9 8 12 8 16 7 35 10 11
29 Warren Gamaliel Harding Repubblicano 36 39 35 40 37 42 34 40 33 40 40
30 Calvin Coolidge Repubblicano 24 29 22 21 29 25 18 29 29 26 27
31 Herbert Hoover Repubblicano 38 40 43 29 31 14 31 38 28 39 36
32 Franklin Delano Roosevelt Democratico 1 3 5 3 1 3 3 3 8 3 3
33 Harry Truman Democratico 14 4 10 10 5 10 14 13 4 5 6
34 Dwight Eisenhower Repubblicano 12 6 6 4 6 5 6 16 12 7 5
35 John Fitzgerald Kennedy Democratico 6 7 7 15 14 16 12 9 7 9 8
36 Lyndon B. Johnson Democratico 15 20 12 24 38 6 1 8 2 14 10
37 Richard Nixon Repubblicano 26 27 23 42 10 24 37 24 21 34 28
38 Gerald Ford Repubblicano 34 24 30 23 25 27 19 35 14 25 25
39 Jimmy Carter Democratico 35 37 33 14 32 31 33 22 5 29 26
40 Ronald Reagan Repubblicano 5 8 16 13 9 33 8 6 23 8 9
41 George H. W. Bush Repubblicano 23 12 21 17 8 16 15 27 16 20 20
42 Bill Clinton Democratico 9 18 3 38 18 20 17 19 6 17 15
43 George W. Bush Repubblicano 25 25 36 34 41 34 25 26 19 35 33
44 Barack Obama Democratico 10 15 8 7 24 19 39 12 3 15 12
Sequenza Presidente Partito PP CL EM MA IR AS RC VSA PEJ PCT O

Presidenti memorabiliModifica

 
Millard Fillmore, la cui presidenza è durata dal 1850 al 1853, è considerato tra i presidenti dell'ultima centile
 
Franklin Pierce, la cui presidenza è durata dal 1853 al 1857, è stato uno dei presidenti peggiori e meno memorabili
 
Chester Arthur, la cui presidenza è durata dal 1881 al 1885, è un presidente dimenticato sebbene gli analisti lo considerino come un presidente nella media

Nel novembre 2014 Henry L. Roediger III e K. Andrew DeSoto hanno pubblicato uno studio sulla rivista Science che chiedeva ai soggetti di ricerca di nominare il maggior numero possibile di presidenti.[47][48] Hanno riferito i dati di tre generazioni, nonché da un sondaggio in rete condotto nel 2014. I partecipanti al campione di sondaggio online che potevano nominare ciascun presidente hanno dato la percentuale seguente:

  1. Barack Obama (100%)
  2. Bill Clinton (96%)
  3. George W. Bush o George H. W. Bush (95%)
  4. George Washington (94%)
  5. Abraham Lincoln (88%)
  6. John Fitzgerald Kennedy (83%)
  7. Richard Nixon (82%)
  8. Jimmy Carter (79%)
  9. Thomas Jefferson (72%)
  10. Ronald Reagan (66%)
  11. Gerald Ford (62%)
  12. Franklin Delano Roosevelt o Theodore Roosevelt (60%)
  13. John Adams o John Quincy Adams (56%)
  14. Dwight Eisenhower (54%)
  15. Harry Truman (50%)
  16. Andrew Jackson (47%)
  17. Herbert Hoover (42%)
  18. Andrew Johnson o Lyndon B. Johnson (41%)
  19. William Howard Taft (39%)
  20. James Madison (38%)
  21. Ulysses S. Grant (38%)
  22. James Monroe (30%)
  23. Thomas Woodrow Wilson (29%)
  24. Calvin Coolidge (22%)
  25. James A. Garfield (19%)
  26. James Knox Polk (17%)
  27. Warren Gamaliel Harding (16%)
  28. William McKinley (15%)
  29. John Tyler (12%)
  30. James Buchanan (12%)
  31. Grover Cleveland (11%)
  32. William Henry Harrison o Benjamin Harrison (11%)
  33. Martin Van Buren (11%)
  34. Rutherford Hayes (10%)
  35. Zachary Taylor (10%)
  36. Millard Fillmore (8%)
  37. Franklin Pierce (7%)
  38. Chester Arthur (7%)

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Gary M. Maranell, The Evaluation of Presidents: An Extension of the Schlesinger Polls, in The Journal of American History, vol. 57, nº 1, giugno 1970, pp. 104–13, JSTOR 1900552.
  2. ^ (EN) William J. Ridings Jr. e Stuart B. McIver, Rating the Presidents: A Ranking of U.S. leaders, from the Great and Honorable to the Dishonest and Incompetent, 2000, ISBN 0-8065-2151-1. Ospitato su Google Books.
  3. ^ a b (EN) Americans Say Reagan Is the Greatest U.S. President, Gallup, 18 febbraio 2011. URL consultato il 16 marzo 2012.
  4. ^ (EN) Skidmore, 2001.
  5. ^ (EN) David H. Donald, Lincoln, 1995, p. 13.
  6. ^ (EN) Zelizer (February 21, 2011), What's wrong with presidential rankings, CNN Opinion.
  7. ^ (EN) Ivan Eland.
  8. ^ a b c Schlesinger, Arthur M. "Our Presidents: A Rating by 75 Historians". New York Times Magazine July 1962: pp. 12–13, 40–41, 43.
  9. ^ a b (EN) Rating the Presidents: Washington to Clinton, su pbs.org. URL consultato il 25 marzo 2010.
  10. ^ (EN) Historians Give Good Grades to Clinton Presidency in Siena College Survey. January 11, 1995. Archived June 28, 2006.
  11. ^ (EN) FDR America's Greatest President August 19, 2002. Archived February 10, 2007.
  12. ^ a b (EN) Rating the Presidents: A Ranking of U.S. leaders, from the Great and Honorable to the Dishonest and Incompetent (2000, ISBN 0806521511).
  13. ^ a b (EN) Presidential Leadership; The Rankings, 12 settembre 2005, Wall Street Journal Online (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2006).
  14. ^ a b (EN) Experts: Bush Presidency Is A Failure; Little Chance To Improve Ranking Archiviato il 27 maggio 2008 in Internet Archive., Siena Research Institute, May 1, 2006.
  15. ^ a b (EN) Rushmore Plus One; FDR joins Mountainside Figures Washington, Jefferson, Teddy Roosevelt and Lincoln as Top Presidents Archiviato il 7 luglio 2015 in Internet Archive., Siena Research Institute, July 1, 2010.
  16. ^ a b (EN) Thomas G. Scott, Clean sweep for the Roosevelts (Business First of Buffalo), 1º luglio 2010. URL consultato il 1º settembre 2010.
  17. ^ a b (EN) Lincoln Wins: Honest Abe tops new presidential survey (CNN), 16 febbraio 2009. URL consultato il 30 ottobre 2010.
  18. ^ (EN) C-SPAN Releases Second Historians Survey of Presidential Leadership, C-SPAN (February 15, 2009).
  19. ^ a b C-SPAN Releases Third Historians Survey of Presidential Leadership, C-SPAN (February 17, 2017).
  20. ^ a b (EN) Presidential Historians Survey 2017, su C-SPAN. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  21. ^ (EN) Methodology: Presidential Historians Survey 2017, C-SPAN (last accessed February 17, 2017).
  22. ^ (EN) Jeremy Griffin e Nico Hines, Who's the greatest? The Times US presidential rankings (Londra), 28 ottobre 2008, The Times. URL consultato il 24 marzo 2010.
  23. ^ a b (EN) Iwan Morgan. "UK Survey of US Presidents: Results and Analysis". Retrieved October 10, 2013.
  24. ^ (EN) From Franklin Delano Roosevelt to John F. Kennedy, Newsweek's 10 Best Presidents (Photos), 24 settembre 2012, The Daily Beast. URL consultato il 13 aprile 2014.
  25. ^ (EN) Historians Give Barack Obama a B-, History News Network, 8 settembre 2013. URL consultato il 13 aprile 2014.
  26. ^ a b (EN) Brandon Rottinghaus, Measuring Obama against the great presidents, 13 febbraio 2015, The Brookings Institution.
  27. ^ a b How Does Trump Stack Up Against the Best — and Worst — Presidents?, in The New York Times, 19 febbraio 2018. URL consultato l'11 aprile 2018.
  28. ^ Le decine sono state determinate suddividendo i dati in una metà superiore e in una inferiore e quindi suddividendoli rispettivamente nelle prime e nelle ultime 2 decine. Quando si divide un numero dispari di valori la mediana è stata inclusa nella metà superiore.
  29. ^ a b c Tyler era un membro dei Whig quando è stato eletto come vicepresidente di Harrison, ma è diventato indipendente dopo essere stato espulso dal partito nel 1841.
  30. ^ a b c Sebbene Johnson sia sempre stato un Democratico, fu scelto da Lincoln come vicepresidente per l'elezione presidenziale del 1860. Per l'elezione presidenziale del 1864 in piena guerra civile i due presero parte alle elezione con l'alleanza Unione Nazionale affinché gli elettori non debbano votare per i Repubblicani. Con l'assassinio di Lincoln poco dopo la sua conferma, Johnson divenne presidente e almeno fino al 1868 rimase membro dell'Unione Nazionale per poi tornare ufficialmente nel Partito Democratico.
  31. ^ (EN) Murray and Blessing, p. 135.
  32. ^ (EN) David R. Henderson e Zachary Gochenour, War and Presidential Greatness (PDF), in The Independent Review, vol. 17, nº 4, 2013, pp. 505–516, ISSN 1086-1653 (WC · ACNP).
  33. ^ (EN) Walters (7 agosto 2002),Presidency: How Do African-American Scholars Rank Presidents?, History News Network.
  34. ^ (EN) Hanes Walton Jr. e Robert C. Smith, American Politics and the African American Quest for Universal Freedom, New York, Addison-Wesley Longman, Inc., 2000, pp. 201–202.
  35. ^ (EN) Washington, Lincoln Most Popular Presidents: Nixon, Bush Least Popular - Rasmussen Reports™, Rasmussen Reports, 4 luglio 2007. URL consultato il 16 marzo 2012.
  36. ^ (EN) Kennedy Still Highest-Rated Modern President, Nixon Lowest, Gallup. URL consultato il 16 marzo 2012.
  37. ^ (EN) JFK, Reagan, Clinton most popular recent ex-presidents September 15, 2011.
  38. ^ (EN) Kennedy and Reagan Lead List of Good Presidents for Americans. Archiviato il 22 agosto 2012 in Internet Archive. Retrieved August 22, 2012.
  39. ^ (EN) Americans Rate JFK as Top Modern President, Gallup (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2016).
  40. ^ (EN) National (US) Poll – July 2, 2014 – Obama Is First As Worst President Since WWII, Quinnipiac University National Poll Finds; More Voters Say Romney Would Have Been Better, Quinnipiac University, 2 luglio 2014. URL consultato il 2 luglio 2014.
  41. ^ (EN) Trump Starts In The Hole As U.S. Voters Disapprove, Quinnipiac University National Poll Finds; Reagan, Obama Are Best Presidents In 70 Years, Quinnipiac University.
  42. ^ (EN) Morning Consult National Tracking Poll February 09–10,2017, in Politico.
  43. ^ (EN) Poll: Trump and Obama Are America’s Worst Presidents Since World War II, Morning Consult.
  44. ^ (EN) QU Poll Release Detail, Quinnipiac University, 7 marzo 2018. URL consultato l'11 aprile 2018.
  45. ^ (EN) Rushmore Plus One; FDR joins Mountainside Figures Washington, Jefferson, Teddy Roosevelt and Lincoln as Top Presidents, Siena College, 1º luglio 2010. URL consultato il 19 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2010).
  46. ^ (EN) All Presidents, C-SPAN.
  47. ^ (EN) Henry L. Roediger III e K. Andrew DeSoto, Forgetting the Presidents, in Science, vol. 346, nº 6213, 28 novembre 2014, pp. 1106–1109, Bibcode:2014Sci...346.1106R, DOI:10.1126/science.1259627, PMID 25430768.
  48. ^ (EN) Benedict Carey, Study on Cultural Memory Confirms: Chester A. Arthur, We Hardly Knew Ye, 27 novembre 2014, The New York Times. URL consultato l'11 settembre 2015.

BibliografiaModifica

  • (EN) Thomas A. Bailey, Presidential Greatness: The Image and the Man from George Washington to the Present, New York, Appleton-Century, 1966. → Una valutazione storica non quantitativa.
  • (EN) Meena Bose e Landis Mark, The Uses and Abuses of Presidential Ratings, New York, Nova Science Publishers, 2003, ISBN 1-59033-794-8. → Una raccolta di saggi di studiosi presidenziali.
  • (EN) William A. DeGregorio, The Complete Book of U.S. Presidents, 4. ed., rivista, espansa e aggiornata, New York, Barricade Books, 1993, ISBN 0-942637-92-5. → Contiene i risultati delle analisi del 1962 e del 1982.
  • (EN) Ivan Eland, Recarving Rushmore: Ranking the Presidents on Peace, Prosperity, and Liberty, Oakland, California, Independent Institute, 2009, ISBN 1-59813-022-6.
  • (EN) Charles Faber e Richard Faber, The American Presidents Ranked by Performance, Jefferson, Carolina del Nord, McFarland & Company, 2000, ISBN 0-7864-0765-4.
  • (EN) Alvin S. Felzenberg, There You Go Again: Liberal Historians and the New York Times Deny Ronald Reagan His Due, in Policy Review, vol. 82, 1997, pp. 51–54, ISSN 0146-5945 (WC · ACNP).
  • (EN) Melvin G. Holli, The American Mayor: The Best & the Worst Big-City Leaders, University Park, Pennsylvania, Pennsylvania State University Press, 1999, ISBN 0-271-01876-3.
  • (EN) Robert W. Merry, Where They Stand: The American Presidents in the Eyes of Voters and Historians, 2012.
  • (EN) Nathan Miller, Star-Spangled Men America's Ten Worst Presidents, New York, Scribner, 1998, ISBN 0-684-83610-6.
  • (EN) Robert K. Murray e Tim H. Blessing, Greatness in the White House: Rating the Presidents, from Washington Through Ronald Reagan, 2., aggiornata, University Park, Pennsylvania, Pennsylvania State University Press, 1994, ISBN 0-271-01089-4.
  • (EN) Curt Nichols, The Presidential Ranking Game: Critical Review and Some New Discoveries, in Presidential Studies Quarterly, vol. 42, nº 2, 2012, pp. 275–299, DOI:10.1111/j.1741-5705.2012.03966.x, ISSN 0360-4918 (WC · ACNP).
  • (EN) James P. Pfiffner, Ranking the Presidents: Continuity and Volatility (PDF), in White House Studies, vol. 3, 2003, p. 23, ISSN 1535-4768 (WC · ACNP).
  • (EN) William J. Ridings Jr. e Stuart B. McIver, Rating the Presidents: A Ranking of U.S. leaders, from the Great and Honorable to the Dishonest and Incompetent, Secaucus, New Jersey, Carol Publishing, 1997, ISBN 0-8065-1799-9.
  • (EN) Arthur M. Schlesinger Jr., Ranking the Presidents: From Washington to Clinton, in Political Science Quarterly, vol. 112, nº 2, 1997, pp. 179–190, DOI:10.2307/2657937, JSTOR 2657937.
  • (EN) Max J. Skidmore, Presidential Performance: A Comprehensive Review, Jefferson, Carolina del Nord, McFarland & Company, 2004, ISBN 0-7864-1820-6.
  • (EN) Max J. Skidmore, Ranking and Evaluating Presidents: The Case of Theodore Roosevelt, in White House Studies, vol. 1, nº 4, 2001, pp. 495–505, ISSN 1535-4768 (WC · ACNP).
  • (EN) James Taranto e Leo, Leonard, Presidential Leadership: Rating the Best and Worst in the White House, New York, Wall Street Journal Books, 2004, ISBN 0-7432-5433-3. → Analisi della Federalist Society.
  • (EN) Richard Vedder e Gallaway, Lowell, Rating Presidential Performance, in Denson, John V. (ed.) (a cura di), Reassessing the Presidency: The Rise of the Executive State and the Decline of Freedom, Auburn, Alabama, Ludwig von Mises Institute, 2001, ISBN 0-945466-29-3.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che parlano degli Stati Uniti d'America