Apri il menu principale

Claude Zidi

regista francese

BiografiaModifica

Nato da genitori originari dell'Algeria, studia tecnica cinematografica all'Ecole Louis Lumière dal 1953 al 1955.

Negli anni sessanta lavora come operatore di macchina e dopo una breve esperienza come direttore della fotografia, tra il 1969 e il 1971, esordisce alla regia nel 1971 con la commedia Cinque matti al servizio di leva. È il primo dei suoi quattro film con il popolare gruppo di comici e musicisti Charlots.

Dirige Pierre Richard in Ci son dentro fino al collo... (1974) e Bagarre express (1975), Louis de Funès in L'ala o la coscia? (1976) e La zizanie (1978), Coluche in L'ala o la coscia?, Un commissario al di sotto di ogni sospetto (1980) e Banzai (1983), il divo Jean-Paul Belmondo nel film su misura per lui[1] L'animale (1977), Daniel Auteuil in I sottodotati (1980) e Les sous-doués en vacances (1982).

Il commissadro (1984), con la coppia Philippe Noiret-Thierry Lhermitte, amato da pubblico e critica in patria,[2] vincitore di tre Premi César 1985, tra cui quello per il miglior film e il miglior regista, è uno dei maggiori successi di Zidi, che ne realizza anche due seguiti, nel 1990 e nel 2003 (inediti in Italia).

Due (1989), interpretato da Gérard Depardieu, è un tentativo di commedia sofisticata al di fuori dell'abituale registro comico dell'autore.[3]

Da La totale! (1991) viene tratto un remake hollywoodiano, True Lies (1994), diretto da James Cameron.

Zidi ha portato sullo schermo il fumetto Asterix di Goscinny e Uderzo, in Asterix e Obelix contro Cesare (1999), la più ricca produzione francese realizzata fino ad allora.[4]

FilmografiaModifica

Regia e sceneggiaturaModifica

NoteModifica

  1. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008. Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 978-88-6073-186-9 p. 192
  2. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 672
  3. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 931
  4. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 261

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66591949 · ISNI (EN0000 0001 2281 1419 · SBN IT\ICCU\PUVV\246600 · LCCN (ENnr2002003427 · GND (DE137474199 · BNF (FRcb127598540 (data) · WorldCat Identities (ENnr2002-003427