Claudiano Mamerto

scrittore, teologo e filosofo di origine gallica

Claudiano Mamerto (in latino: Claudianus Mamertus; Colonia Julia Viennensis, ... – Colonia Julia Viennensis, 474 circa) fu uno scrittore, teologo e filosofo di origine galla, di espressione latina e di fede cristiana, vissuto in epoca tardo-imperiale. È considerato uno degli ultimi rappresentanti della patristica dell'Occidente romano.

Colonia Julia Viennensis (Vienne): Tempio di Augusto

BiografiaModifica

Nacque a Lugdunum o, più probabilmente, a Colonia Julia Viennensis, dove risiedette lungamente e dove esercitò il sacerdozio; morì tra il 473 e il 475.

Fu fratello di Mamerto di Vienne, vescovo della città, che lo ordinò sacerdote, e amico di Sidonio Apollinare[1]

De statu animaeModifica

È autore di un celebre trattato, dedicato a Sidonio Apollinare e articolato in tre libri, dal titolo di De statu animae in cui si avverte la chiara influenza di Agostino d'Ippona, che egli considerò sempre suo padre spirituale e modello insuperato di saggezza. Scritto sul finire degli anni sessanta del V secolo il testo fu molto studiato in età medievale e lo stesso Abelardo lo cita ripetutamente nelle proprie opere.

Il trattato è una descrizione dell'anima umana, la cui essenza, secondo l'autore, è incorporea[2] e si struttura in componenti altrettanto incorporei quali la ragione, la memoria e la volontà. L'anima, pur essendo immateriale, è presente nella propria totalità in ogni minima parte del corpo, come Dio lo è, nella sua interezza, in ogni remoto angolo del mondo. L'anima umana, pertanto, ha la stessa natura incorporea dell'Entità che l'ha creata: Dio.

NoteModifica

  1. ^ Sidonio Apollinare lo descrive come «...il più abile fra i filosofi cristiani». Sidoinio Apollinare, Lettere, V, 2
  2. ^ Claudiano Mamerto, De statu animae, III, 14

BibliografiaModifica

  • Michele di Marco, La polemica sull'anima tra Fausto di Riez e Claudiano Mamerto, Roma, Istituto Patristico Augustinianum, 1995
  • Sidonio Apollinare, Epistulae, (IV, 11 e V, 2)

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN45108262 · ISNI (EN0000 0000 9785 3907 · LCCN (ENnr96043578 · GND (DE119291088 · BNF (FRcb100094969 (data) · BNE (ESXX1613631 (data) · CERL cnp00405230 · WorldCat Identities (ENlccn-nr96043578