Apri il menu principale

Claudio Ferrarese

dirigente sportivo ed ex calciatore italiano
Claudio Ferrarese
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 64 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2017
Carriera
Giovanili
Virtus Verona
Verona
Squadre di club1
1995-1999 Verona 34 (2)
1999-2000 Pistoiese 34 (3)
2000-2001 Verona 2 (0)
2001-2002 Cittadella 45 (5)
2002-2003 Napoli 14 (0)
2003 Piacenza 18 (2)
2003-2004 Ternana 38 (0)
2004-2005 Salernitana 35 (4)
2005-2006 Cagliari 3 (0)
2006-2007 Torino 16 (1)
2007-2008 Verona 35 (1)
2008-2009 Cremonese 27 (0)
2009-2011 Spezia 21 (1)[1]
2011-2012 Trento 14 (1)
2012-2013 Sambonifacese 19 (2)
2013-2014 Fersina Perginese 10 (2)
2014-2015 Virtus Verona 19 (0)
2015-2017 Trento ? (20)
Nazionale
1996 Italia Italia U-17 4 (3)
1996 Italia Italia U-18 5 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 aprile 2017

Claudio Ferrarese (Verona, 7 settembre 1978) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

CarrieraModifica

ClubModifica

Comincia la sua carriera nelle giovanili della Virtus Vecomp Verona[2] e dell'Hellas Verona dove debutta nel 1995, in Serie B. Nella stagione successiva esordisce anche in Serie A, subentrando ad Alessandro Manetti nel corso di Verona-Piacenza 0-0 del 16 marzo 1997[3]. A Verona resta per altre due stagioni, intervallate da un prestito alla Pistoiese con cui disputa da titolare il campionato di Serie B 1999-2000 conquistando la salvezza dopo lo spareggio con il Cesena[4]. Tornato a Verona nel 2000, gioca 2 partite nel campionato di Serie A 2000-2001 prima di essere ceduto in prestito al Cittadella nel gennaio 2001[5]. Con la squadra patavina gioca per una stagione e mezza, collezionando 45 presenze e con 5 reti.

Nel 2002 il Cittadella lo riscatta dal Verona[6] e lo cede al Napoli[7], sempre in Serie B. In Campania trova poco spazio e con l'arrivo di Franco Scoglio finisce fuori rosa[4][8], e a gennaio viene ceduto in prestito al Piacenza in cambio di Dario Marcolin[8][9]. In Emilia ritrova la Serie A giocando 18 volte con 2 gol, ma non riesce ad evitare la retrocessione della formazione piacentina.

Rientrato a Napoli, cambia squadra ogni anno: nel 2003 passa alla Ternana e l'anno successivo viene ceduto alla Salernitana[10]. A Salerno gioca da titolare mettendo a segno 4 reti in 35 partite[11], e dopo il fallimento della società granata viene acquistato dal Cagliari, su richiesta dell'allenatore Attilio Tesser[12]. In seguito all'esonero di Tesser, Ferrarese finisce ai margini della rosa (3 presenze in tutto), e a gennaio viene ceduto al Torino[13]. Rimane in Piemonte fino al gennaio dell'anno successivo, quando torna al Verona[14], con cui retrocede in Serie C1.

Nelle stagioni successive gioca con la Cremonese e da novembre 2009 gioca nello Spezia in Seconda Divisione[15]. A dicembre 2011 firma per il Trento, in Eccellenza trentina[16], con cui conquista la promozione in Serie D; riconfermato per la stagione 2012-2013, diventa capitano della formazione gialloblu[17]. Nel dicembre 2012, a seguito di contrasti con la dirigenza[18], si trasferisce alla Sambonifacese, formazione veneta sempre di Serie D[19], e nella stagione successiva rimane nella stessa categoria con la Fersina Perginese[20]. Vi resta per pochi mesi, prima di trasferirsi alla Virtus Vecomp Verona, con cui disputa il campionato di Serie D 2014-2015[18].

Nel luglio 2015 fa ritorno al Trento, nel campionato di Promozione trentina[18]. Con i gialloblu ottiene una doppia promozione, vincendo il campionato di Promozione e quello successivo di Eccellenza, e quindi annuncia il suo ritiro dal calcio giocato[21].

DirigenteModifica

Nel giugno 2017 accetta l'incarico di direttivo sportivo del Levico Terme, società trentina militante nel campionato di Serie D[22].

NazionaleModifica

Ha giocato con le Nazionali giovanili italiane Under-17 e Under-18.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Verona: 1998-1999

Competizioni regionaliModifica

Trento: 2015-2016
Trento: 2016-2017

NoteModifica

  1. ^ 25 (1) se si comprendono i playoff
  2. ^ Virtus, la tentazione di Fresco è Ferrarese, L'Arena, 16 giugno 2013
  3. ^ Tabellino Verona-Piacenza 0-0 - Stagione 1996-1997 Storiapiacenza1919.it
  4. ^ a b Napoli, via libera ad Agostinelli, La Repubblica, 15 giugno 2000
  5. ^ Il colpo si chiama Rimondini arriva in prestito dal Cittadella, La Repubblica, 1º febbraio 2001
  6. ^ COMPROPRIETA': L'HELLAS RISCATTA MARCO CASSETTI, CLAUDIO FERRARESE RESTA AL CITTADELLA Hellasverona.it
  7. ^ Napoli, Preso Claudio Ferrarese Archiviato il 26 novembre 2010 in Internet Archive. Calcionapolinews.com
  8. ^ a b Colpo del Venezia: Gargo, La Gazzetta dello Sport, 9 gennaio 2003
  9. ^ Rosa 2002-2003 Storiapiacenza1919.it
  10. ^ Colpo Catania: Miceli, La Gazzetta dello Sport, 10 luglio 2004
  11. ^ L'ex granata: Claudio Ferrarese[collegamento interrotto] Salernitana.org
  12. ^ Claudio Ferrarese, l'uomo scelto da Tesser Tuttocagliari.net
  13. ^ Ferrarese-Torino, ci siamo Tuttomercatoweb.com
  14. ^ UFFICIALE: Claudio Ferrarese al Verona Tuttomercatoweb.com
  15. ^ Spezia, preso Claudio Ferrarese Tuttomercatoweb.com
  16. ^ Il primo acquisto dell'era Belfanti è l'ex granata Claudio Ferrarese Trentotoday.it
  17. ^ Trento: «Il progetto ora è solido»[collegamento interrotto] Ladige.it
  18. ^ a b c È Ferrarese il rinforzo del Trento Ritorno eccellente per i gialloblù Archiviato il 24 luglio 2015 in Internet Archive., Il Trentino, 23 luglio 2015
  19. ^ SAMBO, ARRIVANO FERRARESE E MATTIOLI Archiviato il 12 dicembre 2012 in Internet Archive. Sambonifacese.it
  20. ^ SERIE D – …CHE COLPO!! IN GIALLONERO ARRIVA CLAUDIO FERRARESE Archiviato il 24 luglio 2015 in Internet Archive. Asfersina.it
  21. ^ Trento, festa D con l’addio di Ferrarese Archiviato il 19 aprile 2017 in Internet Archive., Alto Adige, 16 aprile 2017
  22. ^ Levico Terme, Ferrarese è il d.s. Adesso arriva Manfioletti[collegamento interrotto], Trentino, 31 maggio 2017

Collegamenti esterniModifica