Apri il menu principale
Claudio Tobia
Claudio Tobia - Ternana 1989-1990.jpeg
Tobia alla guida della Ternana nella stagione 1989-1990
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex-centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1962-1963Pescara? (?)
1964-1965Pescara? (?)
1968-1969L'Aquila? (?)
19??-19??Palmese? (?)
Carriera da allenatore
1973-1974 Frattese
1975-1976 Nola
1977-1979 Casertana
1980-1981 Nocerina
1981-1982 Avellino Vice
1982 Avellino
1983-1985 Reggina
1985-1986 Barletta
1986-1987 Catanzaro
1987-1988 Salernitana
1988-1991 Ternana
1991-1992 Mantova
1992-1993 Sambenedettese
1993-1994 Ternana
1994-1996Ternana Allievi
1996-1997 Casertana
1997-1998 Narnese
1998-1999 Latina
2001-2002 Ternana
2004-2005 Ternana
2005-2006 Alghero
2008 Group Città di Castello
2009 non conosciuta Calcio Grifo Attigliano
2011-2012 Cassino
2013-2014 Todi Allievi
2014-2017 non conosciuta Campomaggio Allievi
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Claudio Tobia (Pescara, 19 luglio 1943) è un allenatore di calcio italiano.

Vanta 335 panchine nei campionati professionistici, con cinque promozioni all'attivo ed un breve trascorso in Serie A.[1]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Nella stagione 1962-1963 ha giocato in Serie C con il Pescara; ha militato nella stessa categoria con la squadra abruzzese anche nella stagione 1964-1965.

AllenatoreModifica

Soprannominato il cinghiale, ha allenato la Frattese nella stagione 1973-1974 (promozione in Serie C2), la Casertana nel 1977-1978 (promozione in Serie C2), il Pescara nel 1979-1980, la Reggina nel 1983-1984 (promozione in Serie C1), il Catanzaro nel 1986-1987 (promozione in Serie B), la Salernitana nel 1987-1988, il Mantova nel 1991-1992, la Sambenedettese nel 1992-1993, la Narnese nel 1997-1998, il Latina nel 1998-1999, la Polisportiva Alghero nel 2005-2006, il Bastia nel 2006-2007. Il massimo palcoscenico della sua lunga carriera è stato con l'Avellino quando, nel corso della stagione 1981-1982, da allenatore in seconda, ha esordito in Serie A al posto del dimissionario Luís Vinício[2], battendo il Napoli con il risultato di 3-0. Rimane quindi alla guida della squadra irpina fino al termine della stagione, così da totalizzare complessivamente 9 gettoni di presenza nella massima serie.

Con la Ternana ha collezionato 123 panchine tra Serie B, Serie C1, Serie C2 e Serie D, tanto da diventare l'allenatore con più panchine in rossoverde alle spalle di Corrado Viciani. L'inizio della lunga storia di Tobia a Terni si ha nell'estate del 1988, quando il neo-presidente Gambino, dopo aver rilevato una società sull'orlo del fallimento, lo chiama alla guida della squadra. A fine stagione la Ternana giunge prima in classifica insieme alla Fidelis Andria e al Chieti. I pugliesi vengono promossi per via della classifica avulsa, mentre Ternana e Chieti si giocano la promozione in Serie C1 allo spareggio di Cesena, davanti a 14000 ternani e 2000 teatini. Ai rigori la Ternana ha la meglio, riuscendo quindi ad ottenere una promozione dopo 15 anni.

È rimasto per altre due stagioni a Terni alla guida del club in Serie C1: nel 1989-1990 ha condotto la squadra all'8º posto finale, dopo aver anche guidato la classifica nella parte iniziale del campionato.

Nel 1990-1991, dopo alcune incomprensioni con i vertici societari,[senza fonte] venne sostituito da Angelo Orazi già durante il girone d'andata, esattamente dopo la sconfitta (5-0) subita a Nola.

A Terni Tobia fece ritorno più tardi, prima con la squadra in Serie D nel 1993-1994 (durante questa stagione venne sostituito da Paolo Ammoniaci dopo la sconfitta interna per 1-0 subita allo scadere dal Teramo nello scontro diretto per la promozione in Serie C2), poi come allenatore delle giovanili. A più riprese è stato quindi chiamato a sedere di nuovo sulla panchina della Ternana, prima nel 2001-2002 al posto di Andrea Agostinelli, quindi nel 2004-2005 in tre differenti occasioni, ovvero gli esoneri di Corrado Verdelli, Giovanni Vavassori e Fabio Brini (in totale sono 13 le sue panchine tra i cadetti).

Nella stagione calcistica 2008-2009 era stato chiamato alla guida del Città di Castello, vedendosi esonerato già durante la preparazione estiva. Da gennaio 2009 diventa allenatore della Grifo Attigliano nel campionato umbro di Promozione.

Nel 2013 diventa allenatore della squadra degli Allievi del Todi F.C.

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Reggina: 1983-1984
Catanzaro: 1986-1987
Casertana: 1995-1996

NoteModifica

  1. ^ Ultime notizie sportive - La Gazzetta dello Sport
  2. ^ La Stampa, 16 marzo 1982, pagina 21

BibliografiaModifica

  • Giorgio Armadori, Christian Armadori, Tra Storia e Leggenda, almanacco illustrato della Ternana Calcio, dal '900 al 2000. ISBN 88-434-0859-3
  • Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1964, p. 190.

Collegamenti esterniModifica