Clausola (logica)

in logica, disgiunzione di letterali

In logica, una clausola è una disgiunzione logica fra letterali.[1] In genere una clausola è scritta come segue:

dove i simboli sono letterali.

In alcuni casi, le clausole sono scritte (o definite) secondo la notazione insiemistica, ossia nel modo seguente:[2]

Il fatto che l'insieme debba essere interpretato come disgiunzione dei suoi elementi si deduce dal contesto o è adeguatamente esplicitato.

Una clausola può essere vuota; in tal caso è un insieme vuoto di letterali. La clausola vuota è denotata mediante vari simboli, come , , o . La valutazione booleana di una clausola vuota è sempre "falso" ().

Un particolare tipo di clausola è la clausola di Horn, in cui al più un letterale è positivo. Una clausola contenente esattamente un letterale positivo si dice clausola definita.[2][3]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Chin-Liang Chang e Richard Char-Tung Lee, Symbolic Logic and Mechanical Theorem Proving, Academic Press, 1973, p. 48, ISBN 0-12-170350-9.
  2. ^ a b Marco Schaerf, Linguaggi e complessità: lezione 3 (PDF), su dis.uniroma1.it, La Sapienza. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) definite clause, in Free On-line Dictionary of Computing, Denis Howe.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica