Apri il menu principale

Clea DuVall

attrice statunitense

BiografiaModifica

Nasce a Los Angeles, California, figlia unica di Rosemary e Stephen DuVall. I suoi genitori divorziano quando ha 12 anni e dopo il secondo matrimonio della madre Clea abbandona la scuola per andare a vivere da sola[1]. Decide di voler tentare la carriera da attrice e si iscrive alla Los Angeles County High School of the Arts; contemporaneamente lavora per mantenersi da sola[1].

CarrieraModifica

Il suo debutto avviene con una piccola parte in Little Witches. Il primo lavoro importante è rappresentato dal film di Robert Rodriguez The Faculty, del 1998, dove partecipano anche Elijah Wood e Josh Hartnett. In seguito ottiene ruoli principali in diverse produzioni, tra cui Ragazze interrotte, The Astronaut's Wife, Kiss Me, Fantasmi da Marte e Tredici variazioni sul tema. Dopo aver partecipato a The Laramie Project, Identità e 21 grammi, Clea DuVall prende parte alla serie HBO vincitrice di un Emmy Award Carnivàle, prodotta in due stagioni dal 2003 al 2005. Intanto recita in Helter Skelter, che le fa guadagnare una nomination ai Satellite Awards e The Grudge, al fianco di Sarah Michelle Gellar.

Nel 2007 appare in Zodiac di David Fincher, ha inoltre un ruolo nella celebre serie televisiva Heroes. Ha diretto un cortometraggio dal titolo It's Not Easy Being Green, dove recita al fianco di Leisha Hailey e Carla Gallo.

Nel 2012 viene scelta da Ryan Murphy per interpretare la fidanzata di Lana Winters, protagonista della seconda stagione della serie antologica American Horror Story: Asylum.

FilmografiaModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

RegistaModifica

SceneggiatriceModifica

ProduttriceModifica

RiconoscimentiModifica

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Clea DuVall è stata doppiata da:

NoteModifica

  1. ^ a b The New Girls Of Summer Archiviato il 9 marzo 2009 in Internet Archive., da Out, luglio 2000

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49423965 · ISNI (EN0000 0001 1443 5919 · LCCN (ENn00113767 · GND (DE131608576 · BNF (FRcb140401286 (data) · WorldCat Identities (ENn00-113767