Clemente Morando

calciatore e allenatore di calcio italiano
Clemente Morando
Morando.jpg
Morando con la maglia della nazionale a Villa Scassi
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Carriera
Squadre di club1
1915-1925Valenzana4+ (-?)
1925-1929Alessandria42 (-71)
1929-1931Messina49 (-?)
1931-1932Peloro0 (-0)
Nazionale
1921-1922 Italia Italia 3 (-5)
Carriera da allenatore
1929-1931Messina
1931-1932Peloro
1948-1949Valenzana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Clemente Morando (Pecetto di Valenza, 17 agosto 1899Valenza, 30 agosto 1972) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano.

BiografiaModifica

Nato da una famiglia umile, da adolescente lavorò come bracciante agricolo e poi come tagliatore di tomaie nel calzaturificio valenzano "La Valletta"[1].

Chiamato alle armi durante la Grande Guerra coi ragazzi del '99, combatté sul fronte carsico, contrasse l'influenza spagnola senza conseguenze e, al termine del conflitto, venne nominato Cavaliere di Vittorio Veneto[2]. Nel 1924 sposò la sarta Elvira Lenti (1902 – 1990), sua amica d'infanzia[3].

Al termine del conflitto iniziò a giocare a calcio ad alti livelli come portiere, mantenendo il suo lavoro in fabbrica[4]; nel 1921 debuttò in Nazionale. Diversi guai fisici, che annoverano anche l'asportazione di un rene conseguente ad uno scontro di gioco patito durante un'amichevole in Spagna[5], lo indussero a lasciare il calcio.

Morì nel 1972, a 73 anni[6].

CarrieraModifica

ClubModifica

In gioventù debuttò nel calcio con la Valenzana; durante la guerra giocò alcune gare amichevoli con l'Alessandrina, società di recente fondazione che raccoglieva per lo più militari in licenza o di stanza nella città di Alessandria[7].

Si mise in luce nel primo dopoguerra con la Valenzana di Carlo Carcano[8]; particolarmente bravo sui rigori, disputò alcuni campionati di Prima Categoria; nel 1922 la squadra, costretta allo spareggio per i regolamenti del "Compromesso Colombo", cadde in Seconda Divisione e Morando, dapprima destinato al Torino, giocò infine a Bari, come portiere di riserva dell'Ideale[4][9].

Dopo alcuni campionati pugliesi, Morando fece ritorno alla Valenzana nel 1924; passò poi nel 1925 all'Alessandria, con cui vinse una Coppa CONI nel 1927. Il 17 marzo 1929, per una carica del romanista Rodolfo Volk, subì un grave infortunio all'addome[10]; la decisione dell'arbitro Scarpi di assegnare rigore alla Roma, provocò turbolenze dei tifosi che portarono alla sospensione della partita e allo 0-2 a tavolino[11]. Operato dal medico e presidente dell'Alessandria Finzi, Morando si riprese, ma non poté più giocare un'altra gara ad alto livello[10].

Passò dunque al Messina, nel ruolo di allenatore-giocatore. Nel 1931 divenne arbitro, per poi lasciare definitivamente il mondo del calcio professionistico nel 1934 e disputare negli anni a venire poche gare di livello amatoriale, collaborando con le società Valenzana e Fulvius 1908[12].

NazionaleModifica

Debuttò in Nazionale il 6 novembre 1921 a Ginevra, contro la Svizzera (1-1); la sua prestazione fu applaudita dai critici: Emilio Colombo della Gazzetta dello Sport lo descrisse «sicurissimo, magnifico per il colpo d'occhio, la presa ferrea, l'agilità e l'intuizione»[13]. Alcuni giorni dopo la partita i giornali Sport di Zurigo e La Suisse di Ginevra pubblicarono l'infondata notizia della sua morte, provocata secondo i giornalisti dai postumi di uno scontro di gioco[10].

Disputò in seguito altre due gare da titolare nel 1922, contro l'Austria al Velodromo Sempione di Milano (3-3, 15 gennaio) e contro la Cecoslovacchia al Velodromo Umberto I di Torino (1-1, 26 febbraio)[14].

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in NazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
06/11/1921 Ginevra Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -
15/01/1922 Milano Italia   3 – 3   Austria Amichevole -
26/02/1922 Torino Italia   1 – 1   Cecoslovacchia Amichevole -
Totale Presenze 3 Reti 0

PalmarèsModifica

Alessandria: 1927

NoteModifica

  1. ^ Lenti, p. 188.
  2. ^ Lenti, pp. 188-189.
  3. ^ Lenti, p. 190.
  4. ^ a b Lenti, p. 189.
  5. ^ Lenti, p. 200.
  6. ^ Lenti, p. 202.
  7. ^ Boccassi Cavalli, pp. 281, 550.
  8. ^ Maggiora, p. 37.
  9. ^ 1908-1998 90 Bari (Gianni Antonucci) Uniongrafica Corcelli, Bari, 1998. Nelle pagine 45-50 viene citato un Morando (assieme al portiere libertiano Cervini) fra i 23 convocati per la sfida amichevole fra una rappresentativa barese delle due squadre Ideale e Liberty e la ungherese Szegedi. La prova che l'atleta giocasse proprio nell'Ideale consiste in una foto in cui posa al Campo San Lorenzo di Bari, presente sull'articolo scritto dal Lenti, in cui è evidente che le maglie indossate dalla sua squadra non sono a strisce bianche e blu (ma nere e verdi; la foto è in bianco e nero).
  10. ^ a b c Lenti, p. 199.
  11. ^ Alessandria Roma sospeso dopo 80 minuti di gioco, da La Stampa, n. 66/1929, 18 marzo 1929, p. 2
  12. ^ Lenti, pp. 191-192.
  13. ^ Citato in Lenti, p. 195
  14. ^ Beltrami, p. 406.

BibliografiaModifica

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1983. Modena, Panini, 1982.
  • Ugo Boccassi, Anna Cavalli. La sostenibile certezza dell'essere "grigi" prima del 1912. Alessandria, I Grafismi Boccassi, 2010.
  • Sergio Lenti, Clemente Morando, da «Valensa d'na vota», n. 16/2001, pp. 187-202.
  • Pier Giorgio Maggiora. I primi cento anni della Valenzana. Valenza, Valenzana Calcio, 2006.

Collegamenti esterniModifica