Clio

musa della storia nella mitologia greca
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Clio (disambigua).
Clio
Clio, von Hugo Kaufmann.jpg
Clio, di Hugo Kaufmann
Nome orig.Κλειω
SessoFemmina
ProfessioneMusa della storia

Clio (in greco antico: Κλειω, Kleiô) è un personaggio della mitologia greca.

Musa della storia[1], custodiva il passato di stirpi, uomini e città, ispirando poeti e aedi che ne diffondevano e glorificavano caratteri ed imprese.

Nell'età classica, veniva rappresentata con in mano una tavoletta da scrittura, o una pergamena aperta; più tardi, anche seduta accanto a una cassa di libri[1]. A lei è dedicato il nome dell'asteroide 84 Klio.

EtimologiaModifica

Il nome Clio proviene dalla medesima radice del verbo κλείω che in greco significa "rendere famoso" o "celebrare"[1]. Il suo nome sottolinea quindi come coloro che sono oggetto di encomio nelle opere dei poeti e dei cantori ne ottengano rinomanza e gloria duratura[2].

GenealogiaModifica

Come le altre Muse, era figlia di Zeus[3][4] e della titanide Mnemosine[3][4]. A sua volta, fu madre di Imene[1][5][6] e di Giacinto[7], che ebbe da Pierus, figlio di Magnete.

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) Clio, su theoi.com. URL consultato il 12 aprile 2019.
  2. ^ (EN) Diodoro Siculo, Biblioteca Historica IV, 7.4, su theoi.com. URL consultato il 1º giugno 2019.
  3. ^ a b (EN) Esiodo, Teogonia, 53 e 75, su theoi.com. URL consultato il 28 maggio 2019.
  4. ^ a b (EN) Apollodoro, Biblioteca I, 3.1, su theoi.com. URL consultato il 28 maggio 2019.
  5. ^ Greek Lyric V Licymnius
  6. ^ Licymnius Frag 768A
  7. ^ (EN) Apollodoro, Biblioteca I, 3.3, su theoi.com. URL consultato il 31 maggio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32932684 · GND (DE124538487 · BNF (FRcb15068134m (data) · CERL cnp00581430 · WorldCat Identities (ENviaf-32932684
  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca