Apri il menu principale
Clorotrifluorometano
Chlorotrifluoromethane-2D.svg
Chlorotrifluoromethane-3D-vdW.png
Nome IUPAC
clorotrifluorometano
Nomi alternativi
Freon 13
CFC 13
R 13
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareCClF3
Massa molecolare (u)104.46 g/mol
Aspettogas incolore dall'odore dolciastro
Numero CAS75-72-9
Numero EINECS200-894-4
PubChem6392
SMILES
C(F)(F)(F)Cl
Proprietà chimico-fisiche
Densità (kg·m−3, in c.s.)1.526 g/cm3
Solubilità in acqua0.009 % a 25 °C
Temperatura di fusione−181 °C (91.2 K)
Temperatura di ebollizione−81.5 °C (191.7 K)
Tensione di vapore (Pa) a 21 °C K3.263 MPa
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
Pericoloso in ambiente

Il clorotrifluorometano è un alometano tetrasostituito appartenente al gruppo dei clorofluorocarburi. Non è infiammabile e non ha potere corrosivo; veniva utilizzato come fluido refrigerante prima che il suo impiego fosse bandito col protocollo di Montréal, in quanto dannoso per l'integrità dell'ozonosfera avendo un valore di ODP pari a 1. Il composto ha inoltre un elevato indice GWP pari a 14000 (il GWP dell'anidride carbonica vale 1).

SintesiModifica

È possibile ottenere clorotrifluorometano facendo reagire tetraclorometano e acido fluoridrico in presenza di pentacloruro di antimonio con la funzione di catalizzatore:

CCl4 + 3HFSbCl5→ CClF3 + 2HCl

I principali prodotti della reazione sono clorotrifluorometano e acido cloridrico con possibile formazione di piccole quantità di triclorofluorometano (CCl3F), diclorodifluorometano (CCl2F2) e tetrafluorometano (CF4).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàGND (DE4147843-5
  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia