Club León Fútbol Club

León
Calcio Football pictogram.svg
Leondemexico.png
Los Esmeraldas, los Verdiblancos, Panzas verdes
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Verde e Bianco2.svg Verde, bianco
Simboli Leone
Dati societari
Città León, Guanajuato
Nazione Messico
Confederazione CONCACAF
Federazione Flag of Mexico.svg FMF
Campionato Primera División de México
Fondazione 1944
Presidente Messico Jesús Martínez Murguia
Allenatore Messico Ignacio Ambríz
Stadio Stadio Nou Camp
(32 800 posti)
Sito web clubleon.mx
Palmarès
Titoli nazionali 8 Campionati messicani
Trofei nazionali 5 Coppe del Messico
5 Supercoppe del Messico
Si invita a seguire il modello di voce

Il Club de Fútbol León, noto semplicemente come León, è una società calcistica messicana, con sede nella città di León. Milita nella Primera División de México, la massima serie del campionato messicano di calcio, e disputa le partite interne nello Stadio Nou Camp di León.

Fondato il 20 agosto, 1944, ha vinto otto campionati di massima serie (1948, 1949, 1952, 1956, 1992, Apertura 2013, Clausura 2014, Apertura 2020), cinque Coppe del Messico e cinque Supercoppe del Messico. Nel 1949 fu la prima messicana a conseguire il double campionato-coppa nazionale. Risulta pertanto il sesto club più titolato del Messico, con 17 trofei conquistati. In ambito internazionale, nel 1993 fu finalista di CONCACAF Champions' Cup, persa contro il Saprissa, e nel 1998 fu semifinalista del torneo.

Occupa il 29º posto nella classifica dei migliori club del Centro e Nord America del XX secolo stilata dall'IFFHS.

StoriaModifica

Esordi, professionismo ed epoca d'oro (1943-1958)Modifica

Nella stagione 1943-1944, annata d'esordio della neonata Liga Mayor, non viera una squadra dello stato di Guanajuato, così per la stagione successiva si formò un sodalizio dalla fusione tra Unión de Curtidores e Selección de Guanajuato, con la nascita della Unión-León, che fu iscritta al campionato nazionale di massima divisione nazionale. Con il denaro raccolto dalle donazioni dei tifosi il direttivo comprò calciatori come Marcial Ortiz, Raúl Varela, Alfonso Montemayor, Salvador Ramírez, Conrado Muñiz, Vicente Serrano, Pepe Cortés, "Palitos" Ramírez, Elpidio Sánchez e Duillo Dobles. Il ruolo di direttore tecnico fu affidato a Joaquín Fuente. Nel 1944-1945 la squadra esordì dunque in Liga Mayor. A parte i calciatori summenzionati, la compagine comprendeva calciatori provenienti dall'Argentina come Miguel Rugilo, primo allenatore e nel contempo portiere titolare, il difensore Bataglia e gli attaccanti Marcos Aurelio, autore di 14 reti nella prima stagione, e Angel Fernandez. La squadra esordì allo Stadio Patria il 20 agosto 1944 contro l'Atlante, all'epoca club importante con giocatori come Horacio Casarín, Antolar, "Pelo" Ramos, "Margarita" Gutiérrez. Vinse l'Atlante per 5-3.

Nella stagione 1945-1946 al Club León Fútbol Club si affiancò un'altra squadra cittadina, il San Sebastián de León. La squadra si piazzò quarta su 16 dopo 30 partite, di cui 17 vinte, 4 pareggiate e 9 perse, per un totale di 38 punti. Il miglior marcatore fu Alberto Mendoza con 24 gol.

L'annata 1946-1947 vide l'arrivo di calciatori simbolo come Adalberto López, che diventerà il primo capocannoniere messicano del campionato e primo calciatore del León a vincere la classifica dei marcatori, con 33 gol. La squadra si piazzò seconda con 41 punti: la conquista del titolo fallì per un punto, a causa del pareggio all'ultimo turno contro l'Atlante (laureatosi campione) e malgrado una striscia di 14 partite di fila senza sconfitte. Tra i protagonisti della memorabile annata vi fu anche Marcos Aurelio, autore di 16 gol. La partita contro l'Atlante, un vero e proprio spareggio per il titolo tra le due squadre, si giocò a Città del Messico il 1º giugno 1947 anziché a León, come era in programma, perché in quest'ultima città vi era un'epidemia di malattia mano-piede-bocca. La circostanza favorì l'Atlante, padrone di casa nella capitale. Un altro incontro degno di nota è quello del 9 maggio 1946 contro l'América. Il calciatore dell'América Florencio Caffaratti toccò un cavo elettrico caduto vicino alla porta del León e fu salvato da Alfonso Montemayor, difensore centrale del León, che si precipitò su di lui strappandolo via dal cavo.

Sotto la guida di José María Casullo, nel 1947-1948 i verdi vinsero 15 partite, ne pareggiarono 6 e ne persero 7, di cui 3 in goleada contro Oro (4-0) e Atlas (5-1). Terminarono il torneo a 36 punti, a pari merito con l'Oro de Jalisco. Si rese necessario uno spareggio, che si giocò in due partite. All'andata, all'Estadio de los Insurgentes di Città del Messico, finì 0-0, mentre a León vinse la squadra di casa per 2-0 con gol di Pablo Pérez al 51° e Jaime Moncada al 74º minuto. Per il León fu il primo titolo nazionale. "Dumbo" Lópe, con 36 gol, divenne il primo calciatore a vincere due volte la classifica dei marcatori del campionato messicano.

La guida tecnica passò dunque a José María Casullo, che dovette fronteggiare le partenze di Ángel Fernández, ritiratosi dall'attività agonistica, e Marcos Aurelio, venduto al Barcellona alla metà della stagione. Il titolo fu vinto alla penultima giornata grazie alla vittoria per 2-0 contro l'Asturias, con gol di Adalberto López che permise di mantenere la distanza di un punto da Atlas e Guadalajara. Il León vinse anche il torneo di coppa sconfiggendo per 3-0 l'Atlas il 14 agosto 1949, anche se in questo torneo subì la peggiore sconfitta della propria storia, perdendo per 8-2 contro l'Atlas. López divenne capocannoniere del campionato per la terza volta consecutiva con 28 gol, nell'annata del debutto del portiere Antonio Carbajal, futura bandiera del León, con la maglia del Real España, il 2 dicembre 1948.

Nel 1949-1950 la squadra chiuse al terzo posto con 31 punti, a 8 dal Veracruz campione, malgrado la confermata vena realizzativa di Adalberto López, che con 29 reti si piazzò secondo nella classifica dei cannonieri, a un gol da Julio Aparicio del Veracruz. Alla fine del campionato Adalberto López passò all'Atlas e il portiere titolare Eugenio Arenaza all'América per 38 milioni di pesos; fu ingaggiato, invece, il bomber Julio Ayllón dal Veracruz, che realizzò 10 gol nell'annata 1950-1951, conclusa dal León al quarto posto con 26 punti. Quest'ultima annata vide segnalarsi anche Luis Luna, autore di 8 gol.

Sotto la guida di Antonio López Herranz, nel 1951-1952 la squadra riconquistò il titolo. Oltre al ritorno di Marcos Aurelio, Sergio Bravo e Saturnino Martínez, il calciomercato fece registrare l'arrivo di Antonio Carbajal. La rivale, il Guadalajara allenato dall'ex José María Casullo, si dimostrò agguerrita, ma il León la batté ambo le volte per 1-0. Alla penultima giornata il Guadalajara conduceva la classifica con 30 punti, seguito dal León a 29. All'ultimo turno la sconfitta per 1-0 dei Chivas contro il Puebla fece il paio con la vittoria per 1-0 del León contro l'Atlante: il 20 dicembre 1951 gli uomini di Herranz ottennero dunque il titolo nazionale, con Marcos Aurelio miglior marcatore (11 reti).

StruttureModifica

StadioModifica

 
Veduta notturna dello view stadio Nou Camp.

Il León gioca le proprie partite interne allo stadio Nou Camp, detto stadio León. La sua costruzione iniziò il 18 agosto 1965 e terminò alla fine del 1966. Il 4 febbraio 1967 si tenne il primo match nello stadio, la partita vinta per 2-1 dal León contro l'América, valida per il campionato messicano del 1966-1967. Il 1º marzo seguente lo stadio fu inaugurato ufficialmente con una partita vinta per 2-1 dal Santos contro il River Plate.[1] Lo stadio ha ospitato due volte il campionato mondiale di calcio, nel 1970 e nel 1986.

AllenatoriModifica

OrganicoModifica

Rosa 2019-2020Modifica

Aggiornata al 12 gennaio 2020.[2]

N. Ruolo Giocatore
1   P Guillermo Pozos
3   D Gil Burón
4   D Andrés Mosquera
5   D Fernando Navarro
6   D William Tesillo
7   C Ismael Sosa
8   A Joel Campbell
9   A Leonardo Ramos
10   C Luis Montes (capitano)
11   C Yairo Moreno
12   C José Iván Rodríguez
13   C Ángel Mena
N. Ruolo Giocatore
14   A Jesús Godínez
15   C Iván Ochoa
16   C Jean Meneses
18   C Pedro Aquino
19   A Nicolás Sosa
22   D Miguel Ángel Herrera
23   D Ramiro González
24   D Osvaldo Rodríguez
28   D Jaine Barreiro
30   P Rodolfo Cota
  C Santiago Colombatto

Rosa 2018-2019Modifica

Aggiornata al 25 gennaio 2019.

N. Ruolo Giocatore
4   D Iván Piris
5   D Fernando Navarro
6   D Cristian Torres
7   C Hernán Burbano
10   C Luis Montes
13   C Alexander Mejía
16   C Jean Meneses
17   A Mauro Boselli
21   A Maximiliano Cerato
22   D Miguel Ángel Herrera
23   D Juan Cornejo
24   D Osvaldo Rodríguez
25   P William Yarbrough
26   D Andrés Mosquera
30   C José Rodríguez
N. Ruolo Giocatore
31   A Claudio González
33   A Giles Barnes
32   D Dilan Zúñiga
35   C Ignacio González
  P Rodolfo Cota
  D William Tesillo
  D Miguel Velázquez
  C Pedro Aquino
  C Leonel López
  C Yairo Moreno
  A Walter González
  A Juan José Calero
  C Iván Ochoa
  D Ramiro González
  C Jorge Díaz

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1947-1948, 1948-1949, 1951-1952, 1955-1956, 1991-1992, Apertura 2013, Clausura 2014, Apertura 2020
1949, 1958, 1967, 1971, 1972
1948, 1949, 1956, 1971, 1972
Clausura 2012

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1946-1947, 1952-1953, 1958-1959, 1972-1973, 1974-1975, Invierno 1997
Terzo posto: 1949-1950, 1952-1953, 1956-1957
Finalista: 1956-1957, 1958-1959, 1965-1966, Apertura 2015
Semifinalista: 1947-1948, 1960-1961
Finalista: 1952, 1958, 1967
Finalista: 1993
Semifinalista: 1976
Quarto posto: 1998

NoteModifica

  1. ^ Estadio León, su fmf.com.mx.
  2. ^ (ES) Club León Fútbol Club - Plantilla, ligamx.net.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio