Club Sporting Cristal

società polisportiva peruviana
Club Sporting Cristal S.A.
Calcio Football pictogram.svg
Sporting Cristal escudo (nuevo, 500x500).png
Los Bajopontinos, Los Rimenses, Los Cerveceros, Los Celestes
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px HEX-6AACFE White diagonal divided left.svg Celeste
Dati societari
Città Lima
Nazione Perù Perù
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Peru.svg FPF
Campionato Liga 1
Fondazione 1955
Presidente Perù Joel Raffo
Allenatore Perù Roberto Mosquera
Stadio Stadio Alberto Gallardo
(11 600 posti)
Sito web www.clubsportingcristal.pe
Palmarès
Titoli nazionali 20 campionati peruviani
Trofei nazionali 1
Si invita a seguire il modello di voce

Il Club Sporting Cristal S.A.[1], è una società polisportiva peruviana con sede nella città di Lima, meglio nota per la sua sezione calcistica, fondata nel 1955 e militante in Liga 1, massima serie del campionato peruviano di calcio.[2]

È la terza squadra di calcio più titolata del paese, avendo vinto 19 campionati, nonché una delle tre "grandi" del calcio peruviano insieme a Universitario e Alianza Lima. Nel 1997 divenne la seconda compagine peruviana a raggiungere la finale di Coppa Libertadores. Fondata nel 1955 dalla Backus y Johnston, birrificio peruviano, la squadra è nota con l'appellativo di "birrai". Disputa le gare casalinghe allo Stadio Alberto Gallardo, impianto da 11 600 posti situato nel distretto di San Martín de Porres.

StoriaModifica

Il club venne fondato il 13 dicembre 1955 dai coniugi Ricardo Bentín Mujica ed Esther Grande, co-proprietari del birrificio Backus & Johnston, con la denominazione Club Sporting Cristal Backus, dal nome della marca di birra del gruppo tra le più vendute in Perù[3]. La nuova società nacque dalla fusione con lo Sporting Tabaco, club del distretto di Rímac e di proprietà dell'industria statale peruviana del tabacco[4]. Lo Sporting Tabaco aveva raggiunto al massimo un paio di volte il secondo posto in campionato e nel 1955 aveva problemi economici, così che nell'ottobre 1955 iniziarono dei negoziati tra la Backus & Johnston e i soci dello Sporting Tabaco[4]. I negoziati si conclusero due mesi dopo con la nascita dello Sporting Cristal, che ereditò i colori tradizionali, lo stemma e il posto nella massima serie del campionato peruviano.[3][5]

Al debutto nel campionato peruviano lo Sporting Cristal ha conquistato il primo titolo della sua storia, giocando un buon calcio sotto la guida dell'allenatore cileno Luis Tirado[6]. Questo successo portò i giornalisti a parlare dello Sporting Cristal come del el club que nació campeón (il club che nacque campione)[3]. Cinque anni più tardi, nel 1961, arrivò la conquista del secondo titolo dopo lo spareggio contro l'Alianza Lima, vinto per 2-0 grazie alle reti di Alberto Ramírez e Alberto Gallardo[7]. Nel 1968 venne tolto Backus dalla denominazione, che divenne Club Sporting Cristal, per dimostrare la piena indipendenza del club dal birrificio[3]. A cavallo del 1970 lo Sporting Cristal vinse il campionato peruviano per altre tre volte, grazie anche alle reti di Alberto Gallardo, uno dei calciatori più rappresentativi del club. Sul finire degli anni settanta arrivò la conquista di due campionati consecutivi (1979 e 1980), in entrambi i casi vinti con una giornata di anticipo[8].

Il primo bi-campionato (1979-1980)Modifica

Alla fine degli anni '70, lo Sporting Cristal mise insieme una squadra potente con molti dei migliori calciatori peruviani che avevano giocato all'estero. Tra questi acquisti c'erano i difensori Héctor Chumpitaz, Rubén Díaz, Eleazar Soria, Carlos Carbonell e gli attaccanti Percy Rojas, Oswaldo Ramírez e Juan Carlos Oblitas. La rosa celeste di questo tempo contava anche Fernando Mellán, Ramón Mifflin e Alfredo Quesada, tre idoli del club; e con le giovanili Roberto Mosquera e Julio César Uribe.[9] Questa squadra era guidata da Marcos Calderón, che aveva vinto l'ultimo titolo del club.

Cristal ha vinto il campionato del 1979 con una data di anticipo, dopo aver sconfitto il Deportivo Junín 6-1 al penultimo appuntamento allo Stadio Nazionale. Al termine delle 44 date, il club ha ottenuto 19 vittorie, 19 pareggi e 6 sconfitte.[10] Il capocannoniere della squadra è stato Julio César Uribe con 18 gol.[11]

L'anno successivo, il club è stato nuovamente incoronato campione e ha vinto il primo due volte campionato della sua storia, sempre in anticipo dopo aver battuto l'Atlético Torino 1-0 alla penultima giornata con un gol di Eleazar Soria.[12] Durante questa gara, Cristal ha mantenuto 20 partite imbattute, che è il periodo di tempo più lungo in cui è rimasto imbattuto nel calcio peruviano.Il club ha giocato 36 partite durante il torneo, di cui ha vinto 19, pareggiato 11 e perso 6; ha avuto anche Oswaldo Ramírez il marcatore del torneo con 19 goal.[13]

Il seguente titolo del club ho visto nel 1983, sotto il comando del paraguaiano César Cubilla. Nesse ano, o clube sagrou-se campione nell'ultimo appuntamento della Liguilla dopo aver sconfitto per 4-1 l'FBC Melgar.[14] Cristal ha giocato 37 partite quell'anno, due ne hanno vinte 19, pareggiandone 13 e perdendone 5.

Il tre volte campionato e la finale di Coppa Libertadores (1994-1997)Modifica

Il triennio 1994-1996 segnò la vittoria di tre campionati consecutivi, prima squadra peruviana a riuscirci nell'epoca professionistica, e la conseguente aggiunta delle tre stellette nello stemma societario[3]. Per le vittorie conquistate e per la mole di gioco prodotta (da ricordare la vittoria per 11-1 sul Defensor Lima alla tredicesima giornata del campionato 1994, che risulta essere la più larga vittoria in campionato dello Sporting Cristal[15]), la squadra guidata da Juan Carlos Oblitas venne ribattezzata La máquina celeste (la macchina celeste)[16]. Nel 1997 ottenne la sua migliore prestazione in ambito internazionale con il raggiungimento della finale della Coppa Libertadores[3], seconda squadra peruviana a riuscirci dopo l'Universitario, finalista nel 1972. La squadra, guidata dall'allenatore uruguayano Sergio Markarián, superò la prima fase grazie al terzo posto nel raggruppamento 4, per poi eliminare, in sequenza, il Vélez Sarsfield, il Bolívar e il Racing Club. In finale affrontò i brasiliani del Cruzeiro: dopo aver pareggiato a reti inviolate la gara di andata in casa, perse la gara di ritorno per 1-0[17]. Negli anni successivi mantenne posizioni di vertice nel Campeonato Descentralizado, e partecipando ininterrottamente alla Coppa Libertadores dal 1995 al 2007, anno in cui si salvò dalla retrocessione solamente all'ultima giornata di campionato grazie alle reti di Roberto Palacios.

Cambiamenti profondi, lavoro e grandi successi (2011-oggi)Modifica

Nel 2011 Felipe Cantuarias ha assunto la presidenza del consiglio di amministrazione dello Sporting Cristal, dando così inizio a una fase di cambiamento istituzionale del club. I meritati tributi sono stati fatti agli idoli del club come Julio César Balerio, Jorge Soto, Julio César de Andrade Moura "Julinho", Orlando de la Torre, Fernando Mellán, Julio César Uribe e Horacio Baldessari. Allo stesso modo, il club ha apportato importanti modifiche interne a livello di gioco, come prima misura è stato redatto un piano strategico omogeneizzando e implementando lo stesso schema di gioco in tutte le serie inferiori e come seconda misura, lo Sporting Cristal ha aumentato la sua presenza internazionale nel calcio giovanile, attraverso la partecipazione a diversi tornei, che ha portato ad un aumento del budget del calcio giovanile.[18] D'altra parte, l'autosostenibilità del club è stata proiettata dipendendo sempre meno da Backus, con un piano strutturato , protetto in sponsor, diritti televisivi e tifosi.[19]

Nel 2012 dopo sette anni di alti e bassi in classifica, lo Sporting Cristal tornò alla vittoria del campionato dopo avere sconfitto nella finale il Real Garcilaso[20]. Si ripeté nel 2014, nel 2016 e nel 2018, raggiungendo i diciannove campionati peruviani vinti.

Nella stagione 2020, dopo un brutto inizio in Liga 1, il club ha annunciato la partenza dell'allenatore Manuel Barreto, giorni dopo Roberto Mosquera è tornato come direttore tecnico dopo 7 anni.[21][22][23] Il 12 marzo, il torneo di apertura è stato interrotto a causa della pandemia COVID-19, quando la competizione è tornata, la squadra è arrivata al terzo posto.[24] Nel Torneo Clausura ha vinto il girone A e si è qualificato per la definizione contro l'Ayacucho Fútbol Club, sarebbe stato sconfitto dalle volpi ai calci di rigore. Cristal, per essere primo nella classifica accumulata, giocherebbe anche la semifinale con l'Ayacucho, nella prima partita vincerebbe 2-1 e nella seconda vincerebbe ancora con un sonoro 4-1 qualificandosi alla finale nazionale.[25][26][27] Lo Sporting Cristal otterrebbe il suo ventesimo titolo battendo l'Universitario de Deportes 3-2 complessivamente nella definizione della stagione.[28][29][30]

Lo Sporting Cristal chiude così un decennio di successi ottenendo 5 titoli in 9 anni, essendo il maggior successo nell'era professionistica del calcio peruviano.[31]

SimboliModifica

ScudoModifica

Storia ed evoluzione dello scudoModifica

Il primo stemma del club è stato creato quando era ancora chiamato "Sporting Cristal Backus". Aveva uno sfondo azzurro e le lettere iniziali del club (SCB) scritte dal basso verso l'alto in una striscia bianca, che correva dalla diagonale in basso a sinistra all'angolo in alto a destra. In alto aveva i colori della bandiera peruviana. Questo scudo è stato utilizzato sulle maglie del club per pochissime partite durante la prima partecipazione di Cristal nel 1956.

Quindi è stata apportata una piccola modifica allo scudo, questa volta le lettere "SCB" sono state posizionate dall'alto verso il basso nella striscia bianca che ora correva dall'alto a sinistra verso il basso a destra.[32] Questo stemma è stato utilizzato fino a quando il termine "Backus" è stato eliminato dal nome del club alla fine del 1965.

Quando il termine Backus è stato rimosso dal nome del club, anche lo stemma ha subito modifiche, rimuovendo la lettera "B" da "Backus". Lo sfondo azzurro e i colori della bandiera peruviana sono stati mantenuti, mentre il bordo dello scudo ha subito variazioni nel corso degli anni. Il primo di questi scudi aveva un bordo ovale in basso e una linea retta in alto. Anni dopo un picco è stato aumentato nella parte inferiore.[33]

Lo scudo attuale presenta una minima modifica: il bordo che racchiude lo scudo è un pentagono con linee gialle, ma con il dettaglio che le linee verticali sono più lunghe di quelle orizzontali. Inoltre viene mantenuta la striscia con le lettere "SC", il fondo azzurro e i colori, in alto, della bandiera peruviana. Dal 1997, in onore del tre volte scudetto vinto un anno prima, lo scudetto ha 3 stelle al top.

Nella seconda metà del 2018, in omaggio ai suoi precedenti scudetti, il club ha stilizzato il proprio scudetto riducendone la larghezza e cambiandone la tipografia, pur rispettando lo standard originale. Tuttavia, il cambio delle maglie poteva essere visto solo nella maglia alternativa lanciata nell'agosto 2019, mentre nella maglia di partenza poteva essere mostrato solo nel 2020.[34]

InnoModifica

Nella storia del club, lo Sporting Cristal ha avuto diversi inni, tuttavia il più recente è considerato l'inno ufficiale del club e si intitola "La Fuerza Ganadora".

Questo inno è diventato un successo molto popolare negli anni '90 a causa della serie di vittorie consecutive del club in quel momento.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Club Sporting Cristal
Primo turno in Copa de Campeones de América.
Quarti di finale in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Ottavi di finale in Coppa Libertadores.
Quarti di finale in Coppa Libertadores.
Quarti di finale in Coppa CONMEBOL.
Quarti di finale in Coppa Libertadores.
Ottavi di finale in Coppa Libertadores.
Finalista in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Merconorte.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Merconorte.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Merconorte.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Merconorte.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Ottavi di finale in Coppa Libertadores.
Secondo turno in Coppa Libertadores.
Secondo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Secondo turno in Coppa Libertadores.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Secondo turno in Coppa Libertadores.
Secondo turno in Coppa Libertadores.
Secondo turno in Coppa Libertadores.
Prima fase in Coppa Sudamericana.
Primo turno in Coppa Libertadores.
Ottavi di finale in Coppa Sudamericana.

AllenatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Club Sporting Cristal

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Club Sporting Cristal

PresidentiModifica

[35]

Presidenti del Club Sporting Cristal
  • 1956-1959   Blas Loredo Báscones
  • 1960-1963   Alfonso Rau Villegas
  • 1964   Augusto Moral Santisteban
  • 1965   César Freundt Sánchez
  • 1966-1971   Augusto Gálvez Velarde
  • 1972-1979   Josué Grande Fernández
  • 1980-1988   Jaime Noriega Zegarra
  • 1989-1993   Federico Cúneo de la Piedra
  • 1994-1997   Francisco José Lombardi
  • 1998-1999   Alfonso Grados Carraro
  • 2000-2001   Francisco José Lombardi
  • 2002-2004   Jaime Noriega Bentín
  • 2005-2010   François Mujica Serelle
  • 2011-2013   Felipe Cantuarias Salaverry
  • 2014-   Federico Cúneo de la Piedra

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1956, 1961, 1968, 1970, 1972, 1979, 1980, 1983, 1988, 1991, 1994, 1995, 1996, 2002, 2005, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
  • Copa Bicentenario: 1
2021.[37]

Altri piazzamentiModifica

1994, 2003, 2015
1998, 2002, 2004, 2005, 2014, 2016
Secondo posto: 1967, 1973, 1977, 1989, 1992, 1993, 1997, 1998, 2000, 2002, 2003, 2004, 2008, 2015, Apertura 2019, 2021
Terzo posto: 1978, Apertura 1998, 1999, 2013, Clausura 2019, Apertura 2020
Finalista: 1997
2001, 2006
1988

Statistiche e recordModifica

Lo Sporting Cristal ha partecipato alla Coppa Libertadores per tredici stagioni consecutive dall'edizione 1995 all'edizione 2007[38]. Lo Sporting Cristal detiene il record del maggior numero di partite consecutive senza sconfitte nella Coppa Libertadores (17), ottenuto tra l'edizione 1968 e l'edizione 1969[38]. L'imbattibilità cominciò il 24 gennaio 1968 (Jorge Wilstermann - Sporting Cristal 0-1) e terminò l'11 marzo 1969 (Santiago Wanderers - Sporting Cristal 2-0). Inoltre, la partita tra il Boca Juniors e lo Sporting Cristal nella Coppa Libertadores 1971 fu la partita che ha registrato il maggior numero di espulsioni (19, di cui 10 peruviani e 9 argentini) di tutte le edizioni della Coppa Libertadores[38].

Partecipazione alle coppeModifica

Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Libertadores 36 1962 2021 36
Coppa Merconorte 4 1998 2001 4
Coppa CONMEBOL 1 1994 1

OrganicoModifica

Rosa 2019Modifica

Rosa e numeri come da sito ufficiale[39].

N. Ruolo Giocatore
1   P Carlos Grados
3   D Marcos López
4   D Gianfranco Chávez
5   D Omar Merlo
6   A Alexis Rojas
7   C Horacio Calcaterra
8   A Gabriel Costa Heredia
10   C Joel Sánchez
11   A Irven Ávila
12   P Mauricio Viana
14   A Christopher Olivares
15   D Renzo Garcés
16   C Frank Ysique
17   A Ray Sandoval
N. Ruolo Giocatore
18   A Santiago Rebagliati
20   C Edhu Oliva
21   C Josepmir Ballón
22   D Jair Céspedes
23   D Jorge Cazulo
24   A Fernando Pacheco
25   C Gerard Távara
26   P Renato Solís
27   C Carlos Lobatón
28   D Edinson Chávez
29   D Luis Abram
30   C Flavio Gómez
59   A Christian Jonathan Ortiz

Rosa 2017Modifica

Rosa e numeri come da sito ufficiale[39].

N. Ruolo Giocatore
1   P Carlos Grados
3   D Marcos López
4   D Gianfranco Chávez
6   A Alexis Rojas
7   C Horacio Calcaterra
8   A Gabriel Costa Heredia
10   C Joel Sánchez
11   A Irven Ávila
12   P Mauricio Viana
14   A Christopher Olivares
15   D Renzo Garcés
16   C Frank Ysique
17   A Ray Sandoval
N. Ruolo Giocatore
18   A Santiago Rebagliati
20   C Edhu Oliva
21   C Josepmir Ballón
22   D Jair Céspedes
23   D Jorge Cazulo
24   A Fernando Pacheco
25   C Gerard Távara
26   P Renato Solís
27   C Carlos Lobatón
28   D Edinson Chávez
29   D Luis Abram
30   C Flavio Gómez
59   A Christian Jonathan Ortiz

Rosa 2012Modifica

N. Ruolo Giocatore
1   P Erick Delgado
2   D Wenceslao Fernández
4   D Walter Vílchez
5   D Giancarlo Peña
6   C Marcos Delgado
7   C Renzo Sheput
8   C Juan Carlos Mariño
9   A César Pereyra
10   A Roberto Palacios
11   A Irven Ávila
12   P Luis Araujo
13   D Renzo Revoredo
15   D Nicolás Ayr
16   C Marcio Valverde
17   C Luis Advíncula
N. Ruolo Giocatore
18   A Iván Bulos
20   C Deyair Reyes
22   A Willy Rivas
23   C Jorge Cazulo
24   A Junior Ross
25   P Luis Ortíz
26   C Tarek Carranza
27   C Carlos Lobatón
28   D José Granda
29   C Claudio Torrejón
  C Juan José Barros
  C Irwing Acuña
  C Gonzalo Sotomayor
  A Hernán Rengifo
  C Yoshimar Yotún

NoteModifica

  1. ^ (ES) Club Sporting Cristal S.A., su datosperu.org. URL consultato il 23 settembre 2017.
  2. ^ (ES) admin, Historia del Club Sporting Cristal, su ExtremoCeleste.com - Web Oficial de la Hinchada de Sporting Cristal, 31 agosto 2014. URL consultato il 2 aprile 2022.
  3. ^ a b c d e f (ES) Storia del Club Sporting Cristal, su clubsportingcristal.pe. URL consultato il 26 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2017).
  4. ^ a b (ES) Adiós Tabaco, hola Cristal Backus, su dechalaca.com, 13 dicembre 2010. URL consultato il 26 settembre 2017.
  5. ^ Nuestra Historia | Backus, su web.archive.org, 16 febbraio 2011. URL consultato il 2 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2011).
  6. ^ (ES) 1956: Campeona Cristal con tremendo equipo, pero con insultos en las tribunas... También se juega un Sudamericano y un Panamerica..., su cronicaviva.com.pe, 20 agosto 2011. URL consultato il 26 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).
  7. ^ (ES) Bajo el puente del éxito, su dechalaca.com, 7 dicembre 2012. URL consultato il 26 settembre 2017.
  8. ^ (ES) En 1980, Cristal y Chalaco no la ven en la Copa y el Descentralizado lo vuelve a ganar Cristal..., su cronicaviva.com.pe, 29 ottobre 2011. URL consultato il 26 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  9. ^ [https://dechalaca.com/hemeroteca/la-curva-diagonal/la-curva-diagonal-oso-plantearlo Marcos Calder�n: Oso plantearlo - De Chalaca | Futbol para el que la conoce], su dechalaca.com. URL consultato il 2 aprile 2022.
  10. ^ Peru - List of Final Tables, su www.rsssf.com. URL consultato il 2 aprile 2022.
  11. ^ Campeón 1979 | Sporting Cristal, su web.archive.org, 5 luglio 2013. URL consultato il 2 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2013).
  12. ^ En 1980, Cristal y Chalaco no la ven en la Copa y el Descentralizado lo vuelve a ganar Cristal…, su web.archive.org, 22 febbraio 2014. URL consultato il 2 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  13. ^ Campeón 1980 | Sporting Cristal, su web.archive.org, 5 luglio 2013. URL consultato il 2 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2013).
  14. ^ Cristal 1983: Los oles de Cubilla - De Chalaca | Futbol para el que la conoce, su dechalaca.com. URL consultato il 2 aprile 2022.
  15. ^ (ES) 1994: Paseo bajo el puente, su dechalaca.com, 11 febbraio 2012. URL consultato il 26 settembre 2017.
  16. ^ (ES) Juan Carlos Oblitas: "Este Cristal no tiene ni punto de comparación con el de los 90", su elcomercio.pe, 6 novembre 2012. URL consultato il 26 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2017).
  17. ^ (ES) Libertadores 1997: Cristal y platería continental, su dechalaca.com, 10 marzo 2009. URL consultato il 26 settembre 2017.
  18. ^ futbol formativo Archivos - El Portal Celeste, su web.archive.org, 17 dicembre 2018. URL consultato il 2 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2018).
  19. ^ (ES) NOTICIAS EL COMERCIO PERÚ, Sporting Cristal, estas marcas ayudan a solventar el club | ECONOMIA, su El Comercio Perú, 21 febbraio 2017. URL consultato il 2 aprile 2022.
  20. ^ (ES) Reviva el festejo y la premiación de Sporting Cristal campeón, su rpp.pe, 9 dicembre 2012. URL consultato il 26 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2017).
  21. ^ (ES) Dan Lerner, Roberto Mosquera es el nuevo técnico de Sporting Cristal, su Diario AS, 23 febbraio 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  22. ^ (ES) GrupoRPP, ¡Oficial! Roberto Mosquera es el nuevo técnico de Sporting Cristal tras la salida de Manuel Barreto, su RPP, 23 febbraio 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  23. ^ (ES) Redacción- Futbolperuano.com, ¡Confirmado! Roberto Mosquera regresa al Rímac, su Futbolperuano.com, 23 febbraio 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  24. ^ (ES) NOTICIAS EL COMERCIO PERÚ, Coronavirus en Perú EN VIVO | La FPF anunció la suspensión de la Liga de Fútbol Profesional hasta el 30 de marzo | Fútbol peruano suspendido por el COVID-19 | DEPORTE-TOTAL, su El Comercio Perú, 12 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  25. ^ (ES) GrupoRPP, Sporting Cristal venció 4-1 a Ayacucho FC y se enfrentará a Universitario en la final de la Liga 1, su RPP, 12 dicembre 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  26. ^ (ES) GrupoRPP, Sporting Cristal vs. Ayacucho FC: resultados, resumen y goles de la semifinales de Liga 1, su RPP, 12 dicembre 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  27. ^ (ES) NOTICIAS EL BOCÓN, Sporting Cristal goleó 4-1 a Ayacucho FC y clasificó a la final de la Liga 1 | FUTBOL-PERUANO, su El Bocón, 12 dicembre 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  28. ^ Peru 2020, su www.rsssf.com. URL consultato il 16 aprile 2022.
  29. ^ (ES) Dan Lerner, ¡Cristal, campeón de la Liga 1!, su Diario AS, 20 dicembre 2020. URL consultato il 16 aprile 2022.
  30. ^ (ES) Empresa Peruana de Servicios Editoriales S. A. EDITORA PERÚ, Sporting Cristal toca el cielo y se corona campeón nacional 2020, su andina.pe. URL consultato il 16 aprile 2022.
  31. ^ (ES) Líbero, Sporting Cristal lidera ranking de equipos con más títulos desde la era profesional, su libero.pe. URL consultato il 4 maggio 2022.
  32. ^ http://www.internetsceleste.com/graficos/Escudo_SportingCristalBackus.gif
  33. ^ http://www.internetsceleste.com/fotos/ISCWallpapr.gif
  34. ^ (ES) Líbero, Sporting Cristal modifica su escudo a los 62 años de historia [FOTO], su libero.pe. URL consultato il 4 maggio 2022.
  35. ^ (ES) Presidenti del Club Sporting Cristal, su clubsportingcristal.pe. URL consultato il 23 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2017).
  36. ^ (ES) Palmarès del Club Sporting Cristal, su clubsportingcristal.pe. URL consultato il 23 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2017).
  37. ^ Dan Lerner, ¡Sporting Cristal es el campeón de la Copa Bicentenario!, su Diario AS, 27 luglio 2021. URL consultato il 3 aprile 2022.
  38. ^ a b c (ES) Statistiche della Coppa Libertadores, su el-area.com. URL consultato il 23 settembre 2017.
  39. ^ a b (ES) Rosa 2017, su clubsportingcristal.pe. URL consultato il 23 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2017).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (ES) Sito ufficiale, su clubsportingcristal.pe. URL consultato il 23 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2017).
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio