Apri il menu principale

Codice Trivulziano 2162

manoscritto di Leonardo da Vinci
Trivulziano 2162
L19 - Triv 2162 - 30r detail.jpg
Particolare da p. 73
Altre denominazioniCodex Trivultianus, Codex Trivulzianus
AutoreLeonardo da Vinci
Epoca1478-1493
Supportocarta
Linguaitaliano rinascimentale
Dimensioni20,5 × 14 cm
Fogli51
Ubicazione attualeMilano, Castello Sforzesco
Primo curatoreLuca Beltrami
Versione digitaleGraficheincomune
Scheda bibliografica

Il Codice Trivulziano 2162 (indicato anche in modo impreciso come Codice Trivulziano) è una raccolta di disegni e scritti di Leonardo da Vinci, comprendente 51 carte databili tra il 1478 e il 1493, attualmente conservato dalla Biblioteca Trivulziana presso il Castello Sforzesco di Milano.

StoriaModifica

Il manoscritto era tra quelli che furono lasciati in eredità da Leonardo a Francesco Melzi. Dopo la morte del Melzi (1570 circa), rientrò tra i manoscritti raccolti da Pompeo Leoni ed ereditati nel 1608 da Polidoro Calchi. Pochi anni dopo fu acquistato dal nobile e mecenate Galeazzo Arconati.

Nel 1637 Arconati donò dodici manoscritti di Leonardo in suo possesso alla Biblioteca Ambrosiana, compreso questo manoscritto.

«Il quinto è un'altro simil libro, coperto, e in quarto, come sopra, di fogli cinquanta quattro, nel primo de' quali vi sono disegni di varie teste buffonesche, e l'ultime quattro colonne di scrittura scritte alla roverscia segnato nella schiena LEONARDO DA VINCI

(dall'atto di donazione, 1637[1])

Apparentemente in seguito l'Arconati ne tornò in possesso, cedendo in cambio alla Biblioteca Ambrosiana l'attuale manoscritto D.

Attorno al 1750 era in possesso di Gaetano Caccia, che lo vendette a Carlo Trivulzio (1715-1789).

«1783, 5 gennaro. Questo codicetto di Leonardo da Vinci era del signor don Gaetano Caccia cavaliere novarese ma domiciliato in Milano, morto l'anno 1752 alli 9 di gennaro sotto la parrocchia di S. Damianino la Scala. Io Carlo Trivulzi l'aquistai dal detto cavaliere intorno l'anno 1750 unitamente a un quinario d'oro di Giulio Majoriano, e a qualche altra cosa che più non mi ricordo, dandoli in cambio un orologio d'argento di ripetizione che io due anni avanti avevo comprato usato per sedici gigliati [...]»

(Annotazione inserita nel codice[2])

Alla sua morte le collezioni passarono al figlio del fratello; attraverso varie generazioni il manoscritto leonardesco giunse fino al principe Luigi Alberico Trivulzio.[3] Come parte delle collezioni trivulziane, nel catalogo venne identificato dal numero 2162 (Leonardo da Vinci. Libro d'annotazioni e memorie).[4]

 Giorgio Teodoro
sp. Elena Arese
 
  
 Alessandro Teodoro (1694-1763)
Carlo (1715-27.1.1789)
Acquirente del manoscritto
 
 
 Giorgio Teodoro († 1802)
 
  
Gian Giacomo (1774-1831)
Gerolamo
  
  
Giorgio Teodoro (1803-1856)
sp. Marianna Rinuccini
Cristina (1808-1871)
 
 
Gian Giacomo (1839-1902)
sp. Giulia Belgiojoso
 
 
Luigi Alberico

Il manoscritto fu riprodotto e trascritto integralmente nell'edizione del 1891 curata da Luca Beltrami.

Nel 1935 il manoscritto fu acquisito dal comune di Milano all'interno della collezione Trivulziana.[3]

DescrizioneModifica

 
Disegno di balestra (p. 99)

Il codice è composto da 51 carte numerate (una numerazione moderna in rosso riporta i numeri da 1 a 102 sulle singole pagine), ma in origine dovevano essere presenti almeno 62 carte; ha una dimensione di 20,5 x 14 cm.

A parte alcune rare annotazioni e l'intero testo a pagina 46 (secondo la numerazione attuale), il manoscritto è attribuito a Leonardo da Vinci. Vi raccolse alcune ritratti caricaturali o grotteschi, annotazioni per progetti architettonici, di fortificazioni e di macchine belliche. Alcuni disegni, tracciati a punta metallica furono ripassati a inchiostro da mano successiva.

Numerose pagine (8-9, 22-26, 50-51, 57-62, 64, 66-68, 70, 72, 81-97, 100-102 secondo la numerazione moderna) riportano elenchi di parole su più colonne; si ritiene siano elenchi di forme dotte e latinismi utilizzati da Leonardo per migliorare il proprio lessico.

Le pagine da 27 a 58 sono inserito rovesciate: la numerazione antica delle carte appare in basso a sinistra sul verso attuale e in ordine decrescente.

NoteModifica

  1. ^ Gustavo Uzielli, Ricerche intorno a Leonardo da Vinci. Serie seconda, Roma, 1884, p. 240.
  2. ^ Digitalizzazione, su GraficheinComune. Comune di Milano.
  3. ^ a b C. Santoro, Le Collezioni Trivulziane, in Archivio Storico Lombardo, 1935, pp. 79-88.
  4. ^ Giulio Porro Lambertenghi (a cura di), Trivulziana. Catalogo dei codici manoscritti, p. 207.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN195840243 · LCCN (ENno2012040253 · GND (DE4631392-8 · WorldCat Identities (ENno2012-040253
  Portale Leonardo da Vinci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Leonardo da Vinci