Collegiale di Sant'Agricola

Collegiale di Sant'Agricola
Avignon collegiale st agricol.jpg
Facciata della collegiale
StatoFrancia Francia
RegioneProvenza-Alpi-Costa Azzurra
LocalitàAvignone
Religionecattolica
TitolareSant'Agricola di Avignone
Arcidiocesi Avignone
Stile architettonicogotico

Coordinate: 43°56′56.76″N 4°48′16.7″E / 43.9491°N 4.80464°E43.9491; 4.80464

Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg

La Collegiale di Sant'Agricola d'Avignone è una chiesa costruita nel VII secolo dal vescovo di Avignone, Sant'Agricola. Essa si trova in Avignone e fu elevata al rango di collegiata da papa Giovanni XXII nel 1321. Dal 1980 l'edificio è classificato come monumento storico di Francia.

StoriaModifica

 
L'arme del capitolo: una cigogna d'argento che tiene nel becco un serpente, evocazione di un miracolo attribuito a sant'Agricola (dettaglio dell' Altare di Boulbon, 1450 - museo del Louvre).

La tradizione attribuisce a sant'Agricola, vescovo di Avignone tra il 660 e il 700, la costruzione di una chiesa in questo luogo. Scavi ai piedi della chiesa hanno d'altra parte portato alla luce sepolture di quell'epoca, così come strutture antiche. Dopo i saccheggi dei Saraceni, la chiesa è stata ricostruita dal vescovo Fulcherio II all'inizio del X secolo.

Nel 1321, papa Giovanni XXII la elevò al rango di collegiale e ne finanziò in parte l'ingrandimento.[1]

Nel XV secolo furono apportati numerosi lavori di ristrutturazione:

  • La navata fu allungata, cosa che comportò l'annessione della cappella de l'Aumône de la Petite Fusterie (datata dal 1391).
  • Costruzione dell'attuale facciata
  • Costruzioione del sagrato e della scala.

Dopo la rivoluzione francese, la collegiale fu restaurata nel 1802, dal vscovo, che la consacrò cattedrale, in attesa della riabilitazione della Cattedrale di Notre-Dame des Doms di Avignone.

CostruzioneModifica

La facciataModifica

La facciata è una creazione congiunta di 3 persone: Antoine Colin, di Lione, Didier Millot di Toul e Antoine Carteron di Bourges. Il timpano, sopra il portale principale, è un'opera policroma dello scultore lorenese Ferrier Bernard e data dal 1488 - 1489.

Il campanileModifica

 
Campanile di Sant'Agricola

Semplice torre quadra, il campanile è stato iniziato nel 1537, ma fu terminato solo tra il 1737 e il 1746, quando fu innalzato di d'ue piani dall'architetto avignonese Joseph-Abel Mottard. È stato restaurato nel 2012.[2]

Il fabbricatoModifica

 
Navata

Il coro è contornato da 10 cappelle:

  • 6 a nord:
    • La cappella dei fonti battesimali data dall'ampliamento della chiesa del XV secolo. I fonti battesimali, in marmo, con l'arme di sant'Agricola (cicogna e serpente), sono opera di Mariotty (1847)
    • La cappella di San Michele,
    • La cappella di Santa Barbara, sede della confraternita dei fabbicieri nel 1650,
    • La cappella di San Giuseppe
    • La cappella del Purgatorio, che portava prima il nome di Notre-Dame de Lorette. Vi è inumata la salma di Pompée Caralina, fondatore dei Penitenti neri della Misericordia.
    • La cappella delle "Povere Donne", la cui costruzione fu finanziata dalla famiglia Grilhet nel 1547
  • 4 a sud:
    • La cappella di Sant'Anna, costruita nel 1851
    • La cappella della Vergine, detta dei Brantes, edificata tra il 1703 e il 1707 su progetto di Jean Péru; ospita due tombe della famiglia dei Brantes,
    • La cappella del Crocifisso, denominata in un primo tempo Notre-Dame de Pitié, poi Saint-Lazare,
    • La cappella di Sant'Agricola

ArrediModifica

 
Monumento funebre della famiglia Doni con il Dossale Doni di Imbert Boachon (1525)
  • L'altare barocco, scolpito da Jean-Baptiste II Péru nel 1767, che contiene, in una cassa di piombo, le reliquie di san Magno di Avignone e quelle del figlio, sant'Agricola;
  • Un'Assunzione, dipinto su legno di Simon de Châlons datato 1539, sopra l'altar maggiore;
  • Il Dossale Doni, realizzato nel 1525 dallo scultore Imbert Boachon, in fondo alla navata destra, rappresenta l'Annunciazione a Maria e fa parte di un monumento funebre per la famiglia Doni;[3]
  • Il grande organo romantico,[4] costruito da Charles Spackmann Barker e Verschneider nel 1862, e la sua mensola neo-gotica a tre torricelle sormontate da gugliette;
  • Alcune tele di Nicolas Mignard, tra le quali una Piétà dal Carracci, e un'Adorazione dei pastori;
  • Una copia molto bella di Philippe Sauvan del Saint Michel di Guido Reni.
  • Sulla controfacciata, lato sud, tomba con epitaffio e medaglione scolpito dell'architetto Pierre II Mignard, morto nel 1725.
  • Il campanile datato dal XVI e XVIII secolo.

Le campaneModifica

La collegiale di Sant'Agricola è dotata di quattro campane di stormo:

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica