Collegiata di San Martino (Sinalunga)

edificio religioso di Sinalunga
Collegiata di San Martino
Collegiata Sinalunga.jpg
La facciata
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàSinalunga
Religionecattolica di rito romano
TitolareMartino di Tours
Diocesi Montepulciano-Chiusi-Pienza
Consacrazione1588
Stile architettonicorinascimentale, barocco

Coordinate: 43°12′45.18″N 11°44′11.4″E / 43.21255°N 11.736499°E43.21255; 11.736499

La collegiata di San Martino è il principale luogo di culto cattolico di Sinalunga, in provincia di Siena, nel territorio della diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza.

DescrizioneModifica

La collegiata, eretta nel 1588 e restaurata nel 2010, sorge nel centro storico di Sinalunga, in piazza Garibaldi.

Arte e architetturaModifica

L'esterno della collegiata è caratterizzato dalla facciata. Questa è a capanna ed è rivestita di intonaco chiaro, con quattro lesene tuscaniche in mattoni rossi. Al centro si apre il portale, preceduto da una scalinata e sormontato da un rosone circolare. La facciata è coronata da un timpano triangolare al centro del quale si trova una finestra rettangolare. Di fianco alla chiesa sorge la torre campanaria, con capolino ottagonale.

 
Interno

L'interno della collegiata presenta una struttura a pianta a croce latina, con unica navata e transetto coperti con volta a botte. La navata, illuminata dalla luce naturale esclusivamente attraverso le due finestre di contro facciata, è affiancata da otto cappelle, quattro per lato, all'interno di ognuna delle quali vi è un altare. Alla sinistra del portale, dentro una nicchia, si trova il fonte battesimale, con coperchio ligneo scolpito. La crociera è coperta con un tiburio ottagonale. Il presbiterio è delimitato da una balaustra marmorea ed ospita l'altare maggiore in stucco, sormontato da un tabernacolo in marmi policromi. Alle spalle dell'altare, vi sono gli stalli lignei del coro.

OpereModifica

 
Benvenuto di Giovanni, Madonna col Bambino
  • Madonna col Bambino tra i Santi Martino e Sebastiano di Benvenuto di Giovanni.
  • Madonna col Bambino e Santi del Sodoma.
  • Sposalizio della Madonna di Rutilio Manetti (1612).
  • Santa Caterina da Siena presenta Sant'Antonio da Padova col Bambino alla Madonna di Francesco Nasini (1650).
  • Santi Caterina da Siena, Domenico, Martino, Francesco, Lucia e Caterina d'Alessandria di Giuseppe Nicola Nasini (1697).

Organo a canneModifica

Sulla cantoria alle spalle dell'altare maggiore, si trova l'organo a canne Agati opus 316, costruito nel 1843 e restaurato nel 1897 da Bruschi e Figlio.

Lo strumento è a trasmissione integralmente meccanica e la sua consolle è a finestra, con un'unica tastiera di 53 note con prima ottava scavezza e pedaliera a leggio di 20 note, con prima ottava scavezza e gli ultimi due pedali rispettivamente per la Terza mano e il Tamburo. La cassa lignea, decorata con intagli dorati, incornicia la mostra, composta da canne di principale disposte in cuspide unica con ali laterali.

Altre immaginiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica