Collegio elettorale di Mantova (Regno d'Italia)

Mantova
collegio elettorale
StatoItalia Italia
CapoluogoMantova
Elezioni perCamera dei deputati
ElettiDeputati
Periodo 1866-1882
Tipologiauninominale
Periodo 1882-1891
Tipologiaplurinominale
Numero eletti5
Periodo 1891-1919
Tipologiauninominale
Periodo 1919-1921
Tipologiadi lista
Numero eletti5
Creato daMantova, Bozzolo, Castiglione delle Stiviere, Gonzaga, Ostiglia
Periodo 1921-1923
Tipologiadi lista
Numero eletti10
Creato daMantova, Cremona
Sostituito dacircoscrizione Lombardia

Il collegio elettorale di Mantova è stato un collegio elettorale uninominale e di lista del Regno d'Italia per l'elezione della Camera dei deputati.

StoriaModifica

Il collegio uninominale venne istituito, insieme ad altri 49, tramite regio decreto 13 ottobre 1866, n. 3282,[1] aggiungendosi ai 443 collegi già definiti nel 1861.

Successivamente divenne collegio plurinominale tramite regio decreto 24 settembre 1882, n. 999,[2] in seguito alla riforma che stabilì complessivamente 135 collegi elettorali.

Tornò poi ad essere un collegio uninominale tramite regio decreto 14 giugno 1891, n. 280,[3] in seguito alla riforma che stabilì complessivamente 508 collegi elettorali.

In seguito divenne un collegio con scrutinio di lista con sistema proporzionale tramite regio decreto 10 settembre 1919, n. 1576,[4] in seguito alla riforma che definì 54 collegi elettorali.

Il numero di collegi fu ridotto tramite regio decreto 2 aprile 1921, n. 320,[5] in seguito alla riforma che definì 40 collegi elettorali.

Fu soppresso definitivamente con l'istituzione del collegio unico nazionale tramite regio decreto del 13 dicembre 1923, n. 2694.[6]

Legislature VIII IX X XI XII XIII XIV XV XVI XVII XVIII XIX XX XXI XXII XXIII XXIV XXV XXVI XXVII XXVIII XXIX XXX
Elezioni 1861 1865 1867 1870 1874 1876 1880 1882 1886 1890 1892 1895 1897 1900 1904 1909 1913 1919 1921 1924 1929 1934 1939
Deputati
nel collegio
1 1 1 1 1 1 5 5 5 1 1 1 1 1 1 1 5 10
Totale eletti 443 493 508 508 508 508 535 535 400
Numero collegi 443 493 508 135 508 54 40 1 1

TerritorioModifica

Nel 1919 Mantova divenne capoluogo del collegio comprendente l'intera provincia; nel 1921 il collegio inglobò anche la provincia di Cremona.

Dati elettoraliModifica

Nel collegio si svolsero elezioni per diciotto legislature.

IX legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: IX legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1865.

Le votazioni si svolsero in 493 collegi uninominali a doppio turno con la stessa normativa precedente (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

X legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: X legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1867.

Le votazioni si svolsero in 493 collegi uninominali a doppio turno con la stessa normativa precedente (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

XI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1870.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

XII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1874.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

XIII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XIII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1876.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

XIV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XIV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1880.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

XV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1882.

Le votazioni si svolsero in 135 collegi plurinominali a doppio turno. Come previsto dalla legge elettorale politica del 24 settembre 1882, erano eletti al primo turno i candidati che «hanno ottenuto il maggior numero di voti, purché questo numero oltrepassi l'ottavo del numero degli elettori iscritti» (art. 74) secondo il numero di deputati previsto per il collegio; se il numero di eletti era inferiore al numero di deputati, il ballottaggio era tra i non eletti (in numero doppio rispetto ai deputati ancora da eleggere) che avevano il maggior numero di voti (art. 75) ed era eletto chi otteneva il maggior numero di voti nella seconda votazione (art. 77) oppure, in caso di ugual numero di voti, il maggiore d'età (art. 78).

XVI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XVI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1886.

Le votazioni si svolsero in 135 collegi plurinominali a doppio turno con la normativa del 1882 (al primo turno un numero di voti maggiore di un ottavo degli iscritti al voto).

XVII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XVII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1890.

Le votazioni si svolsero in 135 collegi plurinominali a doppio turno con la normativa del 1882 (al primo turno un numero di voti maggiore di un ottavo degli iscritti al voto).

XVIII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XVIII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1892.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno. Come previsto dalla legge elettorale politica del 28 giugno 1892, era eletto al primo turno il candidato che «ha ottenuto un numero di voti maggiore del sesto del numero totale degli elettori iscritti nella lista del collegio e più della metà dei suffragi dati dai votanti» escludendo le schede nulle (art. 74). Se nessun candidato era eletto, al ballottaggio tra i due candidati con più voti (art. 75) era eletto chi otteneva il maggior numero di voti oppure, in caso di ugual numero di voti, il maggiore d'età (art. 77).

XIX legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XIX legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1895.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

XX legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XX legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1897.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

XXI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1900.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

XXII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1904.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

XXIII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXIII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1909.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

XXIV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXIV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1913.

Le votazioni si svolsero negli stessi 508 collegi uninominali già esistenti ma, come previsto dal regio decreto del 26 giugno 1913, era eletto al primo turno il candidato che «ha ottenuto un numero di voti maggiore del decimo del numero totale degli elettori del collegio e più della metà dei suffragi dati dai votanti» escludendo le schede nulle (art. 91). Se nessun candidato era eletto, al ballottaggio tra i due candidati con più voti (art. 92) era eletto chi otteneva il maggior numero di voti oppure, in caso di ugual numero di voti, il maggiore d'età (art. 93).

XXV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1919.

Le votazioni si svolsero in 54 collegi di lista. Come previsto dal regio decreto del 2 settembre 1919, il numero di eletti per ogni lista era calcolato sulla base dei voti di lista e sul numero di voti dei candidati al di fuori della propria lista; la graduatoria tra i candidati era calcolata sommando i voti di lista e i propri voti di preferenza sia nella lista sia fuori dalla lista (art. 84).

XXVI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXVI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1921.

Le votazioni si svolsero in 40 collegi (39 di lista e uno uninominale) con la normativa del 1919 che per i collegi di lista stabiliva il numero di eletti per ogni lista sulla base dei voti di lista e sul numero di voti dei candidati al di fuori della propria lista.

Elezioni generali
PartitoRisultati
15 maggio 1921
Seggi
Voti%±Num±
Socialista ufficiale70 21042,47n.d.5n.d.
Blocco nazionale54 40932,91n.d.4n.d.
Popolare italiano15 7839,55n.d.1n.d.
Comunista13 0597,90n.d.0n.d.
Popolari dissidenti11 8637,18n.d.0n.d.
Iscritti226 360100,00
↳ Votanti (% su iscritti)167 37173,94n.d.
 ↳ Voti validi (% su votanti)165 32498,78
 ↳ Voti non validi (% su votanti)2 0471,22
↳ Astenuti (% su iscritti)58 98926,06
Eletti
Costantino Lazzari
Enrico Ferri
Ferdinando Cazzamalli
Enrico Dugoni
Giuseppe Garibotti
Ivanoe Bonomi
Carlo Buttafochi
Roberto Farinacci
Giovanni Ferrari
Guido Miglioli

NoteModifica

  1. ^ Tabella allegata al decreto 13 ottobre 1866, n. 3282, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 25 ottobre 1866. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2016).
  2. ^ Decreto 24 settembre 1882, n. 999, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 27 settembre 1882. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  3. ^ Decreto 14 giugno 1891, n. 280, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 18 giugno 1891. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  4. ^ Decreto 10 settembre 1919, n. 1576, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 10 settembre 1919. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  5. ^ Decreto 2 aprile 1921, n. 320, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 2 aprile 1921. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  6. ^ Decreto 13 dicembre 1923, n. 2694, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 7 gennaio 1924.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica