Collisione aerea di Charkhi Dadri

incidente aereo avvenuto il 12 novembre 1996 sopra la città di Charkhi Dadri, India
Collisione aerea di Charkhi Dadri
Tipo di eventoIncidente
Data12 novembre 1996
Ora18:40 (UTC+5:30)
TipoCollisione in volo causata da errore del pilota del secondo velivolo
LuogoCharkhi Dadri, India
StatoIndia India
Coordinate28°36′00″N 76°16′26″E / 28.6°N 76.273889°E28.6; 76.273889Coordinate: 28°36′00″N 76°16′26″E / 28.6°N 76.273889°E28.6; 76.273889
OperatoreSaudia e Kazakhstan Airlines
Vittime349
Feriti0
Sopravvissuti0
Primo aeromobile
Saudia Boeing 747-168B HZ-AIH.jpg
Il Boeing 747 coinvolto, visto nel 1982
Numero di voloVolo Saudi Arabian Airlines 763
Tipo di aeromobileBoeing 747-168B
OperatoreSaudi Arabian Airlines
Numero di registrazioneHZ-AIH
PartenzaAeroporto Internazionale Indira Gandhi, Delhi, India
Scalo intermedioAeroporto Internazionale di Dhahran, Dhahran, Arabia Saudita
DestinazioneAeroporto Internazionale di Gedda-Re Abd al-Aziz, Gedda, Arabia Saudita
Occupanti312
Passeggeri289
Equipaggio23
Vittime312
Feriti0
Sopravvissuti0
Secondo aeromobile
Kazakhstan Airlines Ilyushin Il-76TD Goetting-1.jpg
L'IL-76 coinvolto, visto nel 1994
Numero di voloVolo Kazakhstan Airlines 1907
Tipo di aeromobileIlyushin Il-76TD
OperatoreKazakhstan Airlines
Numero di registrazioneUN-76435
PartenzaAeroporto di Şımkent, Şımkent, Kazakistan
DestinazioneAeroporto Internazionale Indira Gandhi, Delhi, India
Occupanti37
Passeggeri27
Equipaggio10
Vittime37
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: India
Collisione aerea di Charkhi Dadri
Dati estratti da Aviation Safety Network[1][2]
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il 12 novembre 1996, il volo Saudi Arabian Airlines 763, un Boeing 747 in rotta da Delhi, India, a Dhahran, Arabia Saudita, e il volo Kazakhstan Airlines 1907, un Ilyushin Il-76 in rotta da Şımkent, Kazakistan, a Delhi, si scontrarono sopra il villaggio di Charkhi Dadri, a circa 100 km a ovest di Delhi.[1][2][3] Nell'incidente persero la vita tutte le 349 persone a bordo di entrambi gli aerei, rendendo questa la peggior collisione in volo mai avvenuta e il peggior incidente aereo in India.[4][5][6]

Gli aereiModifica

Il primo velivolo coinvolto era un Boeing 747-168B, marche HZ-AIH, numero di serie 22748, numero di linea 555. Volò per la prima volta nel febbraio 1982 e venne consegnato alla Saudia il mese successivo. Era spinto da 4 motori turboventola Rolls-Royce RB211-524C2. Al momento dell'incidente, l'aereo aveva quasi 15 anni.[1]

Il secondo aereo era un Ilyushin Il-76TD, marche UN-76435, numero di serie 1023413428. Volò per la prima volta nel 1992 e operò da subito per la Kazakhstan Airlines. Al momento dell'incidente, l'aereo aveva circa 4 anni e aveva accumulato 2 643 ore di volo.[2]

Passeggeri ed equipaggiModifica

Volo Saudi Arabian Airlines 763Modifica

Il comandante del volo era un pilota veterano di 45 anni con più di 9 800 ore di volo.[7] Un articolo pubblicato sul New York Times il 14 novembre 1996 affermava che 215 indiani che erano saliti a bordo del volo lavoravano in Arabia Saudita[8]; molti di loro lavoravano o progettavano di lavorare come domestiche, autisti, e cuochi.[9] L'articolo affermava anche che 40 nepalesi e tre americani si erano imbarcati sul volo saudita. Secondo un articolo pubblicato il giorno prima sullo stesso giornale, il manifesto dei passeggeri includeva 17 persone di altre nazionalità, tra cui nove nepalesi, tre pakistani, due americani, un bengalese, un britannico e un saudita. Dodici membri dell'equipaggio, compresi cinque funzionari antiterrorismo, erano cittadini sauditi.

Volo Kazakhstan Airlines 1907Modifica

Anche il comandante del volo 1907, 44 anni, era di grande esperienza, con oltre 9 200 ore di esperienza di volo.[7] Una compagnia del Kirghizistan noleggiò il volo e il manifesto dei passeggeri includeva principalmente cittadini di etnia russo-kirghisa che intendevano fare acquisti in India.[10][8] Tredici commercianti kirghisi erano a bordo del volo.[11]

L'incidenteModifica

Il Boeing 747-168B della Saudi Arabian Airlines (Saudia) stava effettuando la prima tratta del servizio passeggeri internazionale Delhi-Dhahran-Gedda come volo SVA763 con 312 persone a bordo[12]; l'Ilyushin Il-76TD della Kazakhstan Airlines stava effettuando un servizio charter dall'aeroporto di Chimkent a Delhi come volo KZA1907.[12] Il volo saudita partì da Delhi alle 18:32 ora locale (13:02 UTC). Quello kazako stava scendendo simultaneamente, per atterrare a Delhi. Entrambi i voli erano controllati dal controllore di avvicinamento VK Dutta. L'equipaggio del Boeing era composto dal comandante Khalid Al-Shubaily, dal primo ufficiale Nazir Khan e dall'ingegnere di volo Ahmed Edrees. L'equipaggio dell'Ilyushin era composto dal comandante Alexander Cherepanov, dal primo ufficiale Ermek Dzhangirov, dall'ingegnere di volo Alexander Chuprov, dal navigatore Zhahanbek Aripbaev e dall'operatore radio Egor Repp.[10][13]

Il volo kazako venne autorizzato a scendere a 15 000 piedi (4 600 m) quando si trovava a 74 miglia nautiche dal segnale dell'aeroporto di destinazione, mentre quello saudita, viaggiando sulla stessa aerovia ma nella direzione opposta, venne autorizzato a salire a 14 000 piedi (4 300 m). Circa otto minuti dopo, intorno alle 18:40, KZA1907 riferì di aver raggiunto l'altitudine assegnata di 15 000 piedi (4 600 m), ma in realtà era più in basso, a 14 500 piedi (4 400 m), e stava ancora scendendo.[2] A questo punto, Dutta avvisò il volo: "Traffico identificato a ore 12, reciproco Saudia Boeing 747, 10 miglia nautiche. Rapporto [quando lo avete] in vista".[13]

Quando il controllore cercò di contattare di nuovo il volo kazako, non ricevette risposta. Cercò di avvertire della distanza dell'altro volo, ma era troppo tardi. I due velivoli erano entrati in collisione, con la coda del KZA1907 che aveva tagliato l'ala sinistra e lo stabilizzatore orizzontale del volo saudita. I piloti persero rapidamente il controllo del Boeing paralizzato che entrò in una spirale discendente con il fuoco che usciva dall'ala. Il Boeing si disintegrò prima di schiantarsi al suolo a una velocità quasi supersonica di 1 135 km/h. L'Ilyushin rimase strutturalmente intatto mentre entrò in una discesa costante ma rapida e incontrollata fino a quando non si schiantò in un campo.[14] I soccorritori trovarono quattro passeggeri del volo kazako gravemente feriti, ma morirono tutti poco dopo. Due passeggeri del volo saudita sopravvissero all'incidente, ancora legati ai sedili, solo per morire poco dopo per lesioni interne.[15][16] Alla fine, tutte le 312 persone a bordo del Boeing 747 e tutte le 37 persone sull'Ilyushin Il-76 rimasero uccise.

Il comandante Timothy J. Place, pilota dell'Aeronautica degli Stati Uniti, fu l'unico testimone oculare dell'evento. Stava effettuando un avvicinamento con un Lockheed C-141B Starlifter quando vide che "una grande nuvola si illuminò di un bagliore arancione".

La collisione ebbe luogo a circa 100 chilometri a ovest di Delhi.[17] Il relitto dell'aereo saudita finì vicino al villaggio di Dhani, distretto di Bhiwani, Haryana. Il relitto dell'aereo kazako colpì il suolo vicino al villaggio di Birohar, distretto di Rohtak, Haryana.[7]

Le indaginiModifica

Sull'incidente indagò la Commissione Lahoti, guidata dall'allora giudice dell'Alta Corte di Delhi Ramesh Chandra Lahoti. Le deposizioni vennero raccolte sono dal controllore del traffico aereo Guild e dalle due compagnie aeree. I registratori dei dati di volo vennero decodificati dalla Kazakhstan Airlines e dalla Saudia sotto la supervisione degli investigatori rispettivamente a Mosca, Russia. e a Farnborough, in Inghilterra.[14] La causa ultima venne ritenuta essere l'incapacità del pilota del volo Kazakhstan Airlines 1907 di seguire le istruzioni dell'ATC, sia a causa delle turbolenze che a causa di problemi di comunicazione.[18][19][20]

La commissione stabilì che l'incidente era stato colpa del comandante kazako dell'Il-76, che (secondo le prove delle scatole nere) era sceso dall'altitudine assegnata di 15 000 piedi (4 600 m) a 14 500 piedi (4 400 m) e successivamente a 14 000 piedi (4 300 m) e ancora più in basso. Il rapporto attribuì la causa di questa grave violazione delle procedure operative alla mancanza di conoscenza della lingua inglese da parte dei piloti kazaki; si affidavano interamente al loro operatore radio per le comunicazioni con l'ATC. L'operatore radio non aveva la sua strumentazione di volo e doveva guardare da dietro le spalle dei piloti per le letture dell'altimetro.[21] Funzionari kazaki affermarono che l'aereo era sceso mentre i loro piloti stavano combattendo la turbolenza all'interno di un banco di nubi cumuliformi.[19]

I controllori aerei indiani si lamentarono anche del fatto che i piloti kazaki a volte confondessero i loro calcoli perché abituati a usare altitudini in metri e distanze chilometriche, mentre la maggior parte degli altri paesi usa rispettivamente i piedi e le miglia nautiche per la navigazione aerea.[15]

A pochi secondi dall'impatto, l'aereo kazako salì leggermente e i due aerei si scontrarono. Questo perché l'operatore radio del volo Kazakistan 1907 scoprì solo allora che non erano a 15 000 piedi (4 600 m) e chiese al pilota di salire. Il comandante diede l'ordine di accelerare al massimo e l'aereo salì, solo per colpire l'aereo saudita. La coda dell'aereo kazako tagliò l'ala sinistra del 747, separando entrambe le parti dai rispettivi aerei. Se i piloti kazaki non fossero saliti leggermente, è probabile che sarebbero passati sotto l'aereo saudita evitando la collisione.

Il registratore dell'aereo saudita rivelò che i piloti stavano recitando la preghiera richiesta, secondo la legge islamica, quando si affronta la morte. L'avvocato del controllore di volo negò la presenza di turbolenze, citando rapporti meteorologici, ma affermò che la collisione era avvenuta all'interno di una nuvola.[21] Ciò fu confermato dalla dichiarazione giurata del comandante Place, il già citato unico testimone oculare dello scontro, che stava volando verso Nuova Delhi al momento dello schianto.[14] I membri del suo equipaggio presentarono dichiarazioni giurate simili.[22]

Inoltre, l'aeroporto internazionale Indira Gandhi non disponeva di un radar di sorveglianza secondario, che fornisce informazioni aggiuntive, come l'identità e l'altitudine dell'aereo, leggendo i segnali del transponder; invece l'aeroporto aveva un radar primario, che produce letture di distanza e rilevamento, ma non di altitudine. Inoltre, lo spazio aereo civile intorno a Nuova Delhi aveva un solo corridoio per le partenze e gli arrivi. La maggior parte delle aree separa le partenze e gli arrivi in corridoi separati. Lo spazio aereo aveva un solo corridoio civile perché gran parte dello spazio aereo era occupato dall'aeronautica indiana.[14] Il rapporto raccomandava modifiche alle procedure e alle infrastrutture del traffico aereo nello spazio aereo di Nuova Delhi:

  • Separazione degli aeromobili in entrata e in uscita attraverso la creazione di più corridoi aerei.
  • Installazione di un radar secondario per il controllo del traffico aereo per i dati di altitudine degli aeromobili.
  • Equipaggiamento obbligatorio per evitare collisioni di aerei operanti nello spazio aereo indiano.
  • Riduzione dello spazio aereo su Nuova Delhi che in precedenza era sotto il controllo esclusivo dell'Air Force indiana.

ConseguenzeModifica

La Direzione generale dell'aviazione civile rese successivamente obbligatorio che tutti gli aeromobili in entrata e in uscita dall'India fossero dotati di un sistema di prevenzione delle collisioni in volo. Ciò stabilì un precedente mondiale per l'uso obbligatorio del Traffic collision avoidance system.

Cultura di massaModifica

Miditech, una compagnia con sede a Gurgaon, Haryana, ha prodotto un documentario sul disastro chiamato Head On!, trasmesso sul National Geographic Channel.[14]

La collisione aerea di Charkhi Dadri è stata analizzata nella puntata Collisione in volo della settima stagione del documentario Indagini ad alta quota trasmesso dal National Geographic Channel.[23]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 747-168B HZ-AIH Charki Dadri, su aviation-safety.net. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  2. ^ a b c d (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Ilyushin Il-76TD UN-76435 Charkhi Dadri, su aviation-safety.net. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  3. ^ (EN) Rediff on the NeT: Charkhi Dadri collision report expected this weekend, su web.archive.org, 10 aprile 2014. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2014).
  4. ^ (EN) At Least 349 Are Killed in Collision, su web.archive.org, 26 giugno 2013. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2013).
  5. ^ (EN) Harro Ranter, Aviation Safety Network > ASN Aviation Safety Database > Geographical regions > India air safety profile, su aviation-safety.net. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  6. ^ (EN) John F. Burns, Two Airliners Collide in Midair, Killing All 351 Aboard in India (Published 1996), in The New York Times, 13 novembre 1996. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  7. ^ a b c (EN) CIVIL AVIATION AIRCRAFT ACCIDENT SUMMARY FOR THE YEAR 1996 (PDF), su dgca.nic.in (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2015).
  8. ^ a b (EN) Indian Officials Gather Evidence on Midair Collision - The New York Times, su web.archive.org, 3 gennaio 2015. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2015).
  9. ^ (EN) Indian law may restrain size of crash claims. - Business Insurance | HighBeam Research, su web.archive.org, 17 maggio 2011. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2011).
  10. ^ a b (EN) John F. Burns, One Jet in Crash Over India Ruled Off Course (Published 1997), in The New York Times, 5 maggio 1997. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  11. ^ (EN) CNN - Pilot error focus of India Collision investigation - Nov. 14, 1996, su web.archive.org, 28 gennaio 2000. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2000).
  12. ^ a b (EN) Collision raises doubts on ATC routeings - 11/20/1996 - Flight Global, su web.archive.org, 1º gennaio 2015. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2015).
  13. ^ a b (EN) JUSTICE R.C. LAHOTI, DGCA, REPORT OF COURT OF INQUIRY on MID-AIR COLLISION BETWEEN SAUDI ARABIAN BOEING 747 AND KAZAKHSTAN ft-76, su dgca.gov.in.
  14. ^ a b c d e (EN) Head On - AirCrash, su web.archive.org, 23 marzo 2007. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2007).
  15. ^ a b (EN) THE INDIAN AIR CRASH: Tapes point blame at Kazakh pilot, su The Independent, 22 ottobre 2011. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  16. ^ (EN) MID-AIR (PDF), su web.archive.org, 30 ottobre 2008. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2008).
  17. ^ (EN) Human error is blamed for crash, su The Independent, 22 ottobre 2011. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  18. ^ (EN) Turbulence factor gains ground in Charkhi-Dadri crash probe, su web.archive.org, 25 maggio 2009. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2009).
  19. ^ a b (EN) Rediff On The NeT: Kazakh aircraft held responsible for Charkhi Dadri mishap, su www.rediff.com. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  20. ^ (EN) Travel news editor Hugh Morris, The truth behind the 10 deadliest plane crashes of all time, su The Telegraph. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  21. ^ a b (EN) Rediff On The NeT: Communication gap caused Charkhi Dadri mishap: ATC guild, su web.archive.org, 7 ottobre 1999. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 1999).
  22. ^ (EN) Rediff On The NeT: Charkhi Dadri collision occurred in "heavy clouds": US pilot, su web.archive.org, 11 ottobre 1999. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 1999).
  23. ^ (EN) James Hyslop, Ash Knight e Saad Siddiqui, Sight Unseen, Galaxie Productions, NF Inc., 11 novembre 2009. URL consultato il 26 dicembre 2020.

Voci correlateModifica