Colonnello Buttiglione

Il Colonnello Buttiglione è un personaggio radiofonico e cinematografico italiano, ideato da Mario Marenco[1] e protagonista dell'omonima serie di film scritta da Castellano e Pipolo e diretta da Mino Guerrini. Era una bonaria caricatura del mondo militare.

StoriaModifica

La figura del Colonnello Rambaldo Buttiglione nasce per idea di Mario Marenco, creatore e interprete radiofonico del personaggio, nella trasmissione radiofonica Alto gradimento, condotta da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni. Negli sketch il personaggio, uno stralunato alto ufficiale dell'Esercito Italiano, chiamava ossessivamente la trasmissione pensando fosse la fureria, e interloquiva con Arbore e Boncompagni ignorando qualsiasi risposta gli venisse data.

A prestare il volto al personaggio nella versione cinematografica è stato l'attore francese Jacques Dufilho. Nelle distribuzioni cinematografiche italiane il personaggio era doppiato da Elio Pandolfi. In almeno uno di questi film, Il colonnello Buttiglione diventa generale, il suo creatore radiofonico Marenco è apparso in un ruolo secondario.

Il padre di Marenco, ufficiale della Guardia di Finanza, ha avuto come Superiore il Generale Giovanni Buttiglione, Comandante Generale del Corpo tra il 1969 e il 1972 nonché zio del politico e accademico Rocco Buttiglione.[2] Per evitare polemiche, il personaggio fu in seguito sostituito dal Generale Damigiani.

FilmografiaModifica

Spin-offModifica

In radioModifica

  • Alto gradimento, prima stagione dal 1970 al 1976; seconda stagione dal 1979 al 1980

NoteModifica

  1. ^ Lorenzo Stellini, Biografia di Mario Marenco, su www.cinquantamila.it. URL consultato l'11 giugno 2017.
  2. ^ Giulia Merlo, Il colonnello Buttiglione, cioè mio zio, ..., su https://ildubbio.news.
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema