Apri il menu principale

Colossal (film)

film del 2016 diretto da Nacho Vigalondo
Colossal
Titolo originaleColossal
Lingua originaleinglese, coreano
Paese di produzioneCanada, Spagna, Stati Uniti d'America, Corea del Sud
Anno2016
Durata110 min
Generefantascienza, commedia, thriller
RegiaNacho Vigalondo
SceneggiaturaNacho Vigalondo
ProduttoreNahikari Ipiña, Nicolas Chartier, Zev Foreman, Dominic Rustam, Russell Levine, Shawn Williamson
Produttore esecutivoJonathan Deckter, Justin Bursch, Garrett Basch, Nacho Vigalondo, Chris Lytton, Lee Jea Woo, Choi Pyung Ho
Casa di produzioneBrightlight Pictures
Sayaka Producciones Audiovisuales
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaEric Kress
MontaggioBen Baudhuin, Luke Doolan
MusicheBear McCreary
ScenografiaSue Chan
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Colossal è un film del 2016 diretto da Nacho Vigalondo.

Tra gli interpreti principali figurano Anne Hathaway, Jason Sudeikis, Dan Stevens, Austin Stowell e Tim Blake Nelson.

TramaModifica

Gloria è una scrittrice disoccupata alle prese con l'alcolismo. Il suo comportamento errante spinge il suo fidanzato frustrato Tim a rompere con lei e sfrattarla dal loro appartamento di New York. Costretta a tornare nella sua città natale nel New England (l'immaginaria Mainhead), Gloria si ricongiunge con il suo amico d'infanzia Oscar, che ora dirige il bar del defunto padre. Oscar è caldo e accogliente per Gloria; lui le porta un vecchio televisore per la sua casa non arredata e le offre un lavoro al bar per aiutarla, che Gloria accetta.

Lavorare al bar aggrava il problema con l'alcool di Gloria. Ad ogni turno, lei bazzica e beve fino al mattino con Oscar e i suoi amici, Garth e Joel, mentre dorme su una panchina vicino a un parco giochi per bambini. Allo stesso tempo, un gigantesco mostro rettiliano appare a Seoul, lasciando dietro di sé morte e distruzione. A poco a poco, Gloria si rende conto che quando cammina attraverso il campo giochi, esattamente alle 8:05, fa sì che il mostro si manifesti e che i movimenti della creatura corrispondano con i suoi.

Gloria rivela il suo segreto a Oscar e ai suoi amici; tuttavia, quando Oscar entra nel parco giochi, fa apparire un robot gigante a Seoul. Gloria alla fine cerca di fare ammenda facendo scrivere al mostro delle scuse in coreano sul terreno, per la gioia dei sudcoreani e dei media, in seguito comincia a evitare sia il cortile che l'alcol.

Dopo aver passato la notte con Joel, Gloria scopre che un Oscar ubriaco sta usando il robot per schernire la Corea del Sud. Dopo uno scontro teso, Gloria riesce a farlo andar via. Oscar è geloso, credendo che sia successo qualcosa tra Gloria e Joel. Più tardi quella sera al bar, insulta ubriaco i suoi amici e chiede che Gloria beva, poi le ordina di farlo, minacciando di tornare al parco giochi se non lo fa. Il mattino seguente, un Oscar sbalordito, confessa il suo rimorso e implora Gloria di perdonarlo. Gloria accetta le sue scuse, ma l'atteggiamento di controllo di Oscar su Gloria diventa chiaro.

Tim si presenta in città con una scusa per vedere Gloria. Oscar provoca uno scontro che termina con lui che accende un grande fuoco d'artificio all'interno del bar. Oscar si vanta del fatto che, indipendentemente da come lui si comporti, sa che Gloria rimarrà sotto il suo gioco. Più tardi si presenta a casa di Gloria, dicendole che è lì per impedirle di tornare a New York con Tim.

Un flashback rivela come Gloria e Oscar siano in grado di manifestare i loro avatar in Corea del Sud: un bizzarro lampo di luce colpì entrambi in testa, facendo cadere dai rispettivi zaini un robot giocattolo e un mostro simile ad un rettile giocattolo, mentre passavano attraverso il parco da bambini. Gloria si rende anche conto che Oscar è sempre stato violento a manipolare perché si odia e decide di lasciare la città con Tim. Oscar, in risposta, si dirige verso il parco giochi. Quando Gloria lo segue, Oscar la assalta, lasciandola a terra mentre lui terrorizza Seoul.

Al suo ritorno a casa, Gloria ha un piano per fermare Oscar. Vola in Corea del Sud, scusandosi con Tim per non essere andata con lui. Ancora una volta alle 8:05, ora degli Stati Uniti, Oscar fa manifestare il robot gigante a Seoul. Mentre si dirige verso l'avatar di Oscar, Gloria fa apparire di nuovo il suo mostro, questa volta nel cortile di casa. Stringendolo nella sua mano, il mostro di Gloria lancia Oscar in lontananza, causando il lancio del gigante robot nel cielo di Seoul, scomparendo all'orizzonte.

Compiuta la sua missione, Gloria si ritira in un bar vuoto a Seoul. Sedendosi al bancone, Gloria promette alla giovane cameriera una storia incredibile. Proposto un drink, Gloria semplicemente emette un lungo sospiro.

ProduzioneModifica

Nel maggio 2015 è stato annunciato che Vigalondo avrebbe scritto e diretto un monster movie intitolato Colossal.[1] Nello stesso mese la compagnia giapponese Toho citò in giudizio la produzione del film a causa della somiglianza con Godzilla, di cui detiene i diritti.[2] A ottobre 2015 è stato raggiunto un accordo per i diritti.[3]

Le riprese hanno avuto luogo a Vancouver dal 18 ottobre al 25 novembre 2015.

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato in anteprima mondiale il 9 settembre 2016 al Toronto International Film Festival.[4] In Italia il film è stato distribuito direttamente online su Netflix il 5 maggio 2018.

RiconoscimentiModifica

  • 2016 - Austin Fantastic Fest
    • Miglior film fantastico

NoteModifica

  1. ^ (EN) Cannes: Anne Hathaway to Star in 'Colossal' (Exclusive), hollywoodreporter.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  2. ^ (EN) Anne Hathaway Lizard Film Under 'Godzilla' Attack in New Lawsuit (Exclusive), hollywoodreporter.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  3. ^ (EN) Anne Hathaway Monster Movie Settles Lawsuit From Godzilla Rights Holders, hollywoodreporter.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  4. ^ (EN) Colossal, tiff.net. URL consultato il 9 settembre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica