Apri il menu principale

Comando carabinieri per la tutela della biodiversità e dei parchi

Comando carabinieri per la tutela della biodiversità e dei parchi
Descrizione generale
Attiva2017 - oggi
NazioneItalia Italia
ServizioCoat of arms of the Carabinieri.svg Arma dei Carabinieri
TipoReparto
RuoloTutela biodiversità e parchi naturali
Anniversari21 gennaio
Parte di
Comandanti
Comandante in capoGenerale di brigata
Voci su gendarmerie presenti su Wikipedia

Il Comando carabinieri per la tutela della Biodiversità e dei Parchi è il reparto dell'Arma dei carabinieri che esercita funzioni di direzione, di coordinamento e di controllo dei Raggruppamenti Carabinieri Biodiversità, Parchi e CITES.

Cenni storiciModifica

Il 25 ottobre 2016 veniva costituito Comando carabinieri per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare [1] [2], che l'1 gennaio 2017 assumeva le funzioni e il personale del disciolto corpo forestale dello Stato sulla tutela dei parchi nazionali, le riserve naturali e l'applicazione della convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione. [3]

Nell'agosto 2017 l'Arma istituisce il Comando per la Tutela della Biodiversità e dei Parchi, che coordina i tre neo istituiti raggruppamenti Biodiversità, Parchi e Cites. [4]

StrutturaModifica

È retto da generale di Divisione o di Brigata. Il Comando è così organizzato:

Il Raggruppamento per la Biodiversità che gestisce e coordina:

  • 28 Reparti Carabinieri per la Biodiversità 
    • 130 riserve naturali
  • 3 Centri Nazionali Carabinieri Biodiversità
  • 40 Nuclei Carabinieri Tutela Biodiversità (oltre a 2 distaccamenti);

Il Raggruppamento Carabinieri Parchi che gestisce e coordina:

  • 20 Reparti Carabinieri Parchi Nazionali
    • 150 Stazioni Carabinieri Parco (oltre a 3 distaccamenti);

Il Raggruppamento Carabinieri CITES che coordina:

NoteModifica

Voci correlateModifica