Comuni d'Italia soppressi

entità amministrative non più attive
(Reindirizzamento da Comuni italiani soppressi)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'elenco dei comuni nati in seguito alla soppressione e accorpamento di comuni italiani, vedi Fusione di comuni italiani.

Questa lista riporta l'elenco dei comuni italiani soppressi a causa di accorpamenti, unioni o divisioni, dal 1861 in poi.

Vengono considerati solamente i comuni attualmente non autonomi, e non i comuni soppressi ed in seguito ricostituiti; la provincia considerata è quella di appartenenza al momento della cessazione[1].

AbruzzoModifica

Provincia dell'AquilaModifica

Provincia di ChietiModifica

Provincia di PescaraModifica

Provincia di TeramoModifica

BasilicataModifica

Provincia di PotenzaModifica

CalabriaModifica

Provincia di CatanzaroModifica

Provincia di CosenzaModifica

Provincia di Reggio di CalabriaModifica

CampaniaModifica

Provincia di AvellinoModifica

Provincia di BeneventoModifica

Provincia di CasertaModifica

Provincia di NapoliModifica

Provincia di SalernoModifica

Emilia-RomagnaModifica

Provincia di BolognaModifica

Provincia di FerraraModifica

Provincia di Forlì-CesenaModifica

Provincia di ParmaModifica

Provincia di PiacenzaModifica

Provincia di Reggio nell'EmiliaModifica

Provincia di RiminiModifica

Friuli-Venezia GiuliaModifica

La lista comprende anche i comuni soppressi per cessione dei territori alla Jugoslavia, ordinati secondo le divisioni provinciali del 1947.

Provincia di GoriziaModifica

Provincia di PordenoneModifica

Provincia di TriesteModifica

Provincia di UdineModifica

Provincia di FiumeModifica

Provincia di PolaModifica

Provincia di ZaraModifica

LazioModifica

Provincia di RietiModifica

  • Poggio Fidoni - aggregato il 21 febbraio 1928 al comune di Rieti
  • Vazia (già Lugnano di Villa Troiana) - aggregato il 21 febbraio 1928 al comune di Rieti

Provincia di RomaModifica

Provincia di ViterboModifica

LiguriaModifica

Provincia di GenovaModifica

Provincia di ImperiaModifica

Provincia di SavonaModifica

LombardiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni della Lombardia soppressi.

Al 2019 si contano circa 1000 comuni soppressi della Lombardia.

MarcheModifica

Provincia di AnconaModifica

Provincia di Ascoli PicenoModifica

Provincia di MacerataModifica

Provincia di Pesaro e UrbinoModifica

MoliseModifica

Provincia di CampobassoModifica

PiemonteModifica

Provincia di AlessandriaModifica

Provincia di AstiModifica

Provincia di BiellaModifica

Provincia di CuneoModifica

Provincia di NovaraModifica

Provincia di TorinoModifica

Provincia del Verbano-Cusio-OssolaModifica

Provincia di VercelliModifica

PugliaModifica

Provincia di BariModifica

Provincia di LecceModifica

SardegnaModifica

Provincia di CagliariModifica

Provincia di NuoroModifica

Provincia di SassariModifica

  • Gorofai - aggregato il 1º luglio 1874 al comune di Bitti
  • Rebeccu - aggregato il 1º agosto 1875 al comune di Bonorva
  • Bantine - aggregato il 1º marzo 1876 al comune di Pattada
  • Nuchis - diviso il 26 gennaio 1939 tra i comuni di Tempio Pausania e Terranova Pausania (ora Olbia) (la frazione capoluogo fu aggregata a Tempio Pausania)

SiciliaModifica

Provincia di CataniaModifica

Provincia di MessinaModifica

Provincia di RagusaModifica

Provincia di TrapaniModifica

ToscanaModifica

Provincia di ArezzoModifica

Provincia di FirenzeModifica

Provincia di LivornoModifica

  • Rio Marina - soppresso il 1º gennaio 2018 per costituire il comune di Rio
  • Rio nell'Elba - soppresso il 1º gennaio 2018 per costituire il comune di Rio

Provincia di LuccaModifica

Provincia di Massa e CarraraModifica

Provincia di PisaModifica

Provincia di PistoiaModifica

Provincia di SienaModifica

Trentino-Alto AdigeModifica

Provincia autonoma di BolzanoModifica

Provincia autonoma di TrentoModifica

UmbriaModifica

Provincia di PerugiaModifica

Provincia di TerniModifica

Valle d'AostaModifica

VenetoModifica

Provincia di BellunoModifica

Provincia di PadovaModifica

Provincia di RovigoModifica

Provincia di TrevisoModifica

Provincia di VeneziaModifica

Provincia di VeronaModifica

Provincia di VicenzaModifica

NoteModifica

  1. ^ Codici statistici delle unità amministrative territoriali: comuni, città metropolitane, province e regioni, su ISTAT.
  2. ^ a b c d e f g REGIO DECRETO 29 luglio 1927, n. 1564, in Gazzetta Ufficiale, 5 settembre 1927.
  3. ^ REGIO DECRETO 31 maggio 1928, n. 1358, in Gazzetta Ufficiale, 3 luglio 1928.
  4. ^ REGIO DECRETO 27 aprile 1879, n. 4870, in Gazzetta Ufficiale, 27 maggio 1879.
  5. ^ REGIO DECRETO-LEGGE 2 gennaio 1927, n. 1, in Gazzetta Ufficiale, 11 gennaio 1927. Copia su wikisource.
  6. ^ REGIO DECRETO 27 settembre 1928, n. 2377, in Gazzetta Ufficiale, 12 novembre 1928.
  7. ^ REGIO DECRETO 3 agosto 1928, n. 1990, in Gazzetta Ufficiale, 10 settembre 1928.
  8. ^ REGIO DECRETO 7 febbraio 1929, n. 236, in Gazzetta Ufficiale, 9 marzo 1929.
  9. ^ REGIO DECRETO 6 dicembre 1868, n. 4747, in Gazzetta Ufficiale, 13 gennaio 1869.
  10. ^ LEGGE 18 aprile 1935, n. 722, in Gazzetta Ufficiale, 1º giugno 1935.
  11. ^ REGIO DECRETO 21 marzo 1869, n. 4981, in Gazzetta Ufficiale, 23 aprile 1869.
  12. ^ REGIO DECRETO 8 aprile 1937, n. 583, in Gazzetta Ufficiale, 13 maggio 1937.
  13. ^ a b c DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 2 settembre 1968, n. 1134, in Gazzetta Ufficiale, 13 novembre 1968.
  14. ^ REGIO DECRETO 27 ottobre 1927, n. 2440, in Gazzetta Ufficiale, 3 gennaio 1928.
  15. ^ REGIO DECRETO 9 aprile 1928, n. 873, in Gazzetta Ufficiale, 4 maggio 1928.
  16. ^ REGIO DECRETO 9 aprile 1928, n. 872, in Gazzetta Ufficiale, 4 maggio 1928.
  17. ^ DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 1 febbraio 1945, n. 27, in Gazzetta Ufficiale, 22 febbraio 1945.
  18. ^ DECRETO LEGISLATIVO DEL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO 19 ottobre 1947, n. 1257, in Gazzetta Ufficiale, 25 novembre 1947.
  19. ^ a b c d Legge regionale n. 11 del 5 maggio 2017, in Bollettino Ufficiale Regione Calabria, n. 40, 5 maggio 2017.
  20. ^ a b Legge regionale n. 2 del 2 febbraio 2018, in Bollettino Ufficiale Regione Calabria, n. 13, 2 febbraio 2018.
  21. ^ REGIO DECRETO 10 dicembre 1865, n. 2668, in Gazzetta Ufficiale, 1865.
  22. ^ a b REGIO DECRETO 27 gennaio 1878, n. 4300, in Gazzetta Ufficiale, 6 marzo 1878.
  23. ^ a b c d e f g h i j k REGIO DECRETO 7 luglio 1927, n. 1195, in Gazzetta Ufficiale, 19 luglio 1927.
  24. ^ REGIO DECRETO 14 luglio 1927, n. 1335, in Gazzetta Ufficiale, 9 agosto 1927.
  25. ^ a b REGIO DECRETO 16 febbraio 1928, n. 377, in Gazzetta Ufficiale, 12 marzo 1928.
  26. ^ a b REGIO DECRETO 22 marzo 1928, n. 749, in Gazzetta Ufficiale, 19 aprile 1928.
  27. ^ DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 22 dicembre 1945, n. 904, in Gazzetta Ufficiale, 9 marzo 1946.
  28. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 22 febbraio 1946, n. 107, in materia di "Ricostituzione dei comuni di S. Cipriano di Aversa e di Casal Principe (Napoli)."
  29. ^ a b Decreto del Capo provvisorio dello Stato 31 ottobre 1946, n. 427, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Arienzo, San Felice a Cancello, Teverola e Casaluce (Caserta)."
  30. ^ a b c d R.D.L. 3 giugno 1926, n. 1002
  31. ^ D-sign.it, Pianoro (BO) - Storia e Memoria di Bologna, su www.storiaememoriadibologna.it. URL consultato il 3 giugno 2018.
  32. ^ REGIO DECRETO 30 dicembre 1923, n. 3033, in Gazzetta Ufficiale, 25 gennaio 1924.
  33. ^ a b REGIO DECRETO-LEGGE 11 settembre 1925, n. 1651, in Gazzetta Ufficiale, 2 ottobre 1925.
  34. ^ a b c Legge n.337 del 14/4/1943
  35. ^ a b c Regio Decreto 8 luglio 1923, n. 1729
  36. ^ (EN) GAZZANO, su RadioEmiliaRomagna. URL consultato il 3 giugno 2018.
  37. ^ a b c d e f g h i j k l m n o R.D.L. 2 gennaio 1927, n. 1 - Riordinamento delle circoscrizioni provinciali
  38. ^ a b Regio Decreto 1º dicembre 1927, n. 2347
  39. ^ Regio Decreto 1º dicembre 1927, n. 2345
  40. ^ a b c Regio Decreto 15 dicembre 1927, n. 2473
  41. ^ a b R.D. 15 dicembre 1927, n. 2475
  42. ^ R.D. 22 dicembre 1927, n. 2518
  43. ^ R.D. 15 dicembre 1927, n. 2516
  44. ^ R.D. 15 dicembre 1927, n. 2514
  45. ^ R.D. 15 gennaio 1928, n. 86
  46. ^ R.D. 29 gennaio 1928, n. 181
  47. ^ a b c R.D. 5 febbraio 1928, n. 214
  48. ^ a b R.D. 2 febbraio 1928, n. 219
  49. ^ a b c d e f g h R.D. 5 febbraio 1928, n. 216
  50. ^ a b Regio decreto 22 marzo 1928, n. 807, in materia di "Riunione dei comuni di Anicova Corada e Descla in un unico Comune denominato «Salona d'Isonzo»"
  51. ^ R.D. 29 marzo 1928, n. 810
  52. ^ a b c d e Regio Decreto 5 luglio 1928, n. 1795
  53. ^ R.D. 25 ottobre 1928, n. 2520
  54. ^ Regio decreto 7 agosto 1925, n. 1504, in materia di "Unione dei comuni di Postumia e di Caccia nell'unico comune di Postumia"
  55. ^ Regio Decreto n° 2140 del 18 novembre 1926, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 298 del 28 dicembre 1926
  56. ^ a b R.D. 1º aprile 1927, n. 714
  57. ^ a b R.D. 8 maggio 1927, n. 770
  58. ^ a b R.D. 7 luglio 1927, n. 1296
  59. ^ R.D. 8 settembre 1927, n. 1795
  60. ^ a b c d e REGIO DECRETO 27 luglio 1928, n. 1940, in Gazzetta Ufficiale, 25 agosto 1928. Copia su wikisource.
  61. ^ Regio decreto 9 aprile 1928, n. 865, in materia di "Aggregazione del comune di Laglesie San Leopoldo a quello di Pontebba."
  62. ^ R.D. 8 settembre 1927, n. 1794
  63. ^ a b Regio Decreto 11 novembre 1927, n. 2140
  64. ^ R.D. 28 marzo 1929, n. 614
  65. ^ R.D. 4 ottobre 1928, n. 2415
  66. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 3 maggio 1945, n. 265, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Anzio e Nettuno."
  67. ^ Tra ricordi e realtà - Il comune di San Fruttuoso (PDF), su municipio6medioponente.comune.genova.it, Comune di Genova. URL consultato il 30 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2016).
  68. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Regio Decreto Legge 14 gennaio 1926, n. 74
  69. ^ Decreto legislativo del Capo Provvisorio dello Stato n. 420 del 31 ottobre 1946
  70. ^ Regio decreto 19 gennaio 1928, n. 111
  71. ^ a b c d e f g h i j Regio Decreto 21 ottobre 1923, n. 2360
  72. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia N. 117 del 20 maggio 1929 - R.D.L. 28 marzo 1929, n. 733, art. 1 - Riunione dei comuni di Cisano sul Neva e Cenesi
  73. ^ a b REGIO DECRETO 11 marzo 1928, n. 564, in Gazzetta Ufficiale, 2 aprile 1928.
  74. ^ nell'aggregazione erano compresi anche i comuni di Germagno, Loreglia e Massiola, poi ricostituiti
  75. ^ Regio Decreto 4 aprile 1939, n. 702
  76. ^ Decreto legislativo 22 settembre 1945, n. 654, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Giarre e Riposto, in provincia di Catania"
  77. ^ a b c d Nel 1924 al comune di Pannone vennero aggregati quelli di Manzano, Nomesino, Ronzo e Chienis; nel 1971, i territori di Manzano, Nomesino e dell'originario comune di Pannone furono annessi a quello di Mori, lasciando il comune di Pannone con le sole frazioni di Ronzo e Chienis; esso venne quindi rinominato in Ronzo-Chienis.
  78. ^ Decreto del presidente della Repubblica 25 giugno 1969, n. 497, in materia di "Aggregazione del comune di Tretto al comune di Schio, in provincia di Vicenza."

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica