Apri il menu principale

Comuni d'Italia soppressi

entità amministrative non più attive
(Reindirizzamento da Comuni italiani soppressi)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'elenco dei comuni nati in seguito alla soppressione e accorpamento di comuni italiani, vedi Fusione di comuni italiani.

Indice

Questa lista riporta l'elenco dei comuni italiani soppressi a causa di accorpamenti, unioni o divisioni, dal 1861 in poi. Vengono considerati solamente i comuni attualmente non autonomi, e non i comuni soppressi ed in seguito ricostituiti.[1]

AbruzzoModifica

Provincia dell'AquilaModifica

Provincia di ChietiModifica

Provincia di PescaraModifica

Provincia di TeramoModifica

BasilicataModifica

Provincia di PotenzaModifica

CalabriaModifica

Provincia di CatanzaroModifica

Provincia di CosenzaModifica

Provincia di Reggio di CalabriaModifica

Provincia di Vibo ValentiaModifica

CampaniaModifica

Provincia di AvellinoModifica

Provincia di BeneventoModifica

Provincia di CasertaModifica

Provincia di NapoliModifica

Provincia di SalernoModifica

Emilia-RomagnaModifica

Provincia di BolognaModifica

Provincia di FerraraModifica

Provincia di Forlì-CesenaModifica

Provincia di ParmaModifica

Provincia di PiacenzaModifica

Provincia di Reggio nell'EmiliaModifica

Provincia di RiminiModifica

Friuli-Venezia GiuliaModifica

La lista comprende anche i comuni soppressi per cessione dei territori alla Jugoslavia, ordinati secondo le divisioni provinciali del 1947.

Provincia di GoriziaModifica

Comuni interamente ceduti alla Jugoslavia nel 1947

Provincia di PordenoneModifica

Provincia di TriesteModifica

Comuni interamente ceduti alla Jugoslavia nel 1947

Provincia di UdineModifica

Province comprese in territori cedutiModifica

Provincia di FiumeModifica

Comuni ceduti nel 1947 alla Jugoslavia

Provincia di PolaModifica

Comuni ceduti nel 1947 all'amministrazione jugoslava della Zona B del Territorio Libero di Trieste

Comuni ceduti nel 1947 alla Jugoslavia

Provincia di ZaraModifica

LazioModifica

Provincia di FrosinoneModifica

Provincia di LatinaModifica

Provincia di RietiModifica

Provincia di RomaModifica

Provincia di ViterboModifica

LiguriaModifica

Provincia di GenovaModifica

Provincia di ImperiaModifica

Provincia della SpeziaModifica

Provincia di SavonaModifica

LombardiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni soppressi della Lombardia.

Al 2019 si contano circa 1000 comuni soppressi della Lombardia.

MarcheModifica

Provincia di AnconaModifica

Provincia di Ascoli PicenoModifica

Provincia di FermoModifica

Provincia di MacerataModifica

Provincia di Pesaro e UrbinoModifica

MoliseModifica

Provincia di IserniaModifica

PiemonteModifica

Provincia di AlessandriaModifica

Provincia di AstiModifica

Provincia di BiellaModifica

Provincia di CuneoModifica

Provincia di NovaraModifica

Provincia di TorinoModifica

Provincia del Verbano-Cusio-OssolaModifica

Provincia di VercelliModifica

PugliaModifica

Provincia di BariModifica

Provincia di LecceModifica

SardegnaModifica

Città metropolitana di CagliariModifica

Provincia di NuoroModifica

Provincia di OristanoModifica

Provincia di SassariModifica

Provincia del Sud SardegnaModifica

SiciliaModifica

Provincia di CataniaModifica

Provincia di EnnaModifica

Provincia di MessinaModifica

Provincia di RagusaModifica

Provincia di TrapaniModifica

ToscanaModifica

Provincia di ArezzoModifica

Provincia di FirenzeModifica

Provincia di LivornoModifica

Provincia di LuccaModifica

Provincia di Massa e CarraraModifica

Provincia di PisaModifica

Provincia di PistoiaModifica

Provincia di SienaModifica

Trentino-Alto AdigeModifica

Provincia autonoma di BolzanoModifica

Provincia autonoma di TrentoModifica

UmbriaModifica

Provincia di PerugiaModifica

Provincia di TerniModifica

Valle d'AostaModifica

VenetoModifica

Provincia di BellunoModifica

Provincia di PadovaModifica

Provincia di RovigoModifica

Provincia di TrevisoModifica

Provincia di VeneziaModifica

Provincia di VeronaModifica

Provincia di VicenzaModifica

NoteModifica

  1. ^ elesh.it, http://www.elesh.it/storiacomuni/cercacomuni.asp.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o R.D.L. 2 gennaio 1927, n. 1, art. 4
  3. ^ Legge 4 gennaio 1968, n. 6, in materia di "Costituzione del comune di Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro."
  4. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 1 febbraio 1945, n. 27, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Guardia Piemontese e Acquappesa"
  5. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 22 febbraio 1946, n. 107, in materia di "Ricostituzione dei comuni di S. Cipriano di Aversa e di Casal Principe (Napoli)."
  6. ^ a b Decreto del Capo provvisorio dello Stato 31 ottobre 1946, n. 427, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Arienzo, San Felice a Cancello, Teverola e Casaluce (Caserta)."
  7. ^ a b c d R.D.L. 3 giugno 1926, n. 1002
  8. ^ D-sign.it, Pianoro (BO) - Storia e Memoria di Bologna, su www.storiaememoriadibologna.it. URL consultato il 3 giugno 2018.
  9. ^ a b c Regio Decreto 8 luglio 1923, n. 1729
  10. ^ (EN) GAZZANO, su RadioEmiliaRomagna. URL consultato il 3 giugno 2018.
  11. ^ a b c Regio Decreto 15 dicembre 1927, n. 2473
  12. ^ R.D. 22 dicembre 1927, n. 2518
  13. ^ a b R.D. 15 dicembre 1927, n. 2475
  14. ^ a b Regio Decreto 1º dicembre 1927, n. 2347
  15. ^ R.D. 15 dicembre 1927, n. 2516
  16. ^ R.D. 15 dicembre 1927, n. 2514
  17. ^ Regio Decreto 1º dicembre 1927, n. 2345
  18. ^ a b c R.D. 5 febbraio 1928, n. 214
  19. ^ R.D. 22 marzo 1928, n. 807
  20. ^ a b c d e f g h R.D. 5 febbraio 1928, n. 216
  21. ^ a b c d e Regio Decreto 5 luglio 1928, n. 1795
  22. ^ a b R.D. 2 febbraio 1928, n. 219
  23. ^ R.D. 29 gennaio 1928, n. 181
  24. ^ R.D. 15 gennaio 1928, n. 86
  25. ^ R.D. 25 ottobre 1928, n. 2520
  26. ^ R.D. 29 marzo 1928, n. 810
  27. ^ Regio decreto 7 agosto 1925, n. 1504, in materia di "Unione dei comuni di Postumia e di Caccia nell'unico comune di Postumia"
  28. ^ Regio Decreto n° 2140 del 18 novembre 1926, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 298 del 28 dicembre 1926
  29. ^ R.D. 8 settembre 1927, n. 1795
  30. ^ a b R.D. 1º aprile 1927, n. 714
  31. ^ a b R.D. 7 luglio 1927, n. 1296
  32. ^ a b R.D. 8 maggio 1927, n. 770
  33. ^ Regio Decreto 27 luglio 1928, n. 1940
  34. ^ Regio Decreto 11 novembre 1927, n. 2140
  35. ^ R.D. 8 settembre 1927, n. 1794
  36. ^ R.D. 28 marzo 1929, n. 614
  37. ^ R.D. 4 ottobre 1928, n. 2415
  38. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 3 maggio 1945, n. 265, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Anzio e Nettuno."
  39. ^ Tra ricordi e realtà - Il comune di San Fruttuoso (PDF), su municipio6medioponente.comune.genova.it, Comune di Genova. URL consultato il 30 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2016).
  40. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Regio Decreto Legge 14 gennaio 1926, n. 74
  41. ^ Decreto legislativo del Capo Provvisorio dello Stato n. 420 del 31 ottobre 1946
  42. ^ Regio decreto 19 gennaio 1928, n. 111
  43. ^ Regio Decreto 21 ottobre 1923, n. 2360
  44. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia N. 117 del 20 maggio 1929 - R.D.L. 28 marzo 1929, n. 733, art. 1 - Riunione dei comuni di Cisano sul Neva e Cenesi
  45. ^ a b Luigi Clavarino, Saggio di corografia: statistica e storica delle Valli di Lanzo, Stamperia della Gazzetta del popolo, 1867.
  46. ^ nell'aggregazione erano compresi anche i comuni di Germagno, Loreglia e Massiola, poi ricostituiti
  47. ^ R.D. 4 aprile 1939, n. 702 - Riunione dei comuni di Intra e di Pallanza, in provincia di Novara, in un unico Comune denominato «Verbania» - Wikisource, su it.wikisource.org. URL consultato il 10 novembre 2019.
  48. ^ Comune di Selargius - Comune di Selargius, su www.comune.selargius.ca.it. URL consultato il 26 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2016).
  49. ^ Regione Autonoma della Sardegna, I Comuni della Sardegna in Rete - Storia - Regione Autonoma della Sardegna, su www.comunas.it. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  50. ^ Decreto legislativo 22 settembre 1945, n. 654, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Giarre e Riposto, in provincia di Catania"
  51. ^ Regio Decreto Legge 16 dicembre 1938, n. 1860, art. 1
  52. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 1 marzo 1946, n. 48, articolo 1, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Massa, Carrara e Montignoso."
  53. ^ Decreto del presidente della Repubblica 25 giugno 1969, n. 497, in materia di "Aggregazione del comune di Tretto al comune di Schio, in provincia di Vicenza."

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Italia