Apri il menu principale

Concattedrale di Santa Maria Assunta (Cervia)

edificio religioso di Cervia
Concattedrale di Santa Maria Assunta
Duomo Cervia.jpg
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàCervia
ReligioneCattolica
TitolareMaria
Arcidiocesi Ravenna-Cervia
Inizio costruzione1699
Completamento1702

Coordinate: 44°15′39.67″N 12°20′57.3″E / 44.26102°N 12.34925°E44.26102; 12.34925

La chiesa di Santa Maria Assunta è il duomo di Cervia e concattedrale dell'arcidiocesi di Ravenna-Cervia.

Cenni storici ed artisticiModifica

La costruzione della cattedrale cominciò nel 1699 e fu terminata nel 1702, ad un paio di anni dall'inizio dell'edificazione della nuova città di Cervia. Fu l'allora vescovo Francesco Riccamonti a porre la prima pietra, dedicandola a Santa Maria Assunta e la prima messa fu celebrata l'8 giugno del 1702.

Si nota subito la mancanza di assialità con il Palazzo Comunale e la terza porta della città che la fronteggiano, e anche la facciata della chiesa è rimasta incompleta.

Di scuola romana, la chiesa è ad asse longitudinale con pianta a croce latina, navata centrale larga e breve, marcata da tre campate a dare luogo a sei cappelle laterali, tre per parte. La parte superiore è delimitata da un soffitto con volte a botte ed arcate a tutto sesto mentre il presbiterio o altare, rialzato e separato dall'aula da una balaustra marmorea, si presenta di forma rettangolare, della stessa ampiezza della navata centrale. Gli altari, compreso il maggiore, sono in totale cinque, dedicati rispettivamente al S.S. Sacramento con il quadro della Madonna Assunta di Giovanni Barbiani, a San Giuseppe, al S.S. Cuore, all'Addolorata ed alla Madonna del Buon Consiglio o della neve. In particolare, è notevole l'altare del SS. Sacramento, che proviene dalla Chiesa di San Giacomo Apostolo dei Domenicani di Forlì[1].

Sei dipinti, opere di pittori quali Francesco Longhi, Camillo Procaccini, Bernardino Guarini e Simone Cantarini, nonché di anonimi romagnoli del XVIII secolo, quattro opere scultoree, assieme a soggetti floreali riconducibili al '700 e all''800, rappresentano il ragguardevole patrimonio artistico della chiesa.

La torre campanaria, posta sul retro del lato sud ed il Palazzo Vescovile, allineato alla sinistra della facciata, completano l'intera struttura religiosa, che domina uno dei lati principali della Piazza Garibaldi, la piazza principale di Cervia.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica