Apri il menu principale
Concessione internazionale di Shangai
Concessione internazionale di Shangai – BandieraConcessione internazionale di Shangai - Stemma
Motto: Omnia Juncta in Uno
Location Map of Shanghai International Settlement.svg
Dati amministrativi
Nome ufficialeShanghai International Settlement 上海公共租界
Lingue parlateinglese, francese, italiano, cinese e altre
CapitaleShangai (zona concessione)
Politica
Forma di governoAmministrazione congiunta
Nascita1863
Fine1945
CausaSeconda guerra mondiale
Territorio e popolazione
Massima estensione22,59 km² nel 1925
Popolazione501561 nel 1925
Religione e società
Religioni minoritarieConfucianesimo, Buddismo, Cattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of China (1862–1889).svg Impero cinese
Succeduto daFlag of the Republic of China-Nanjing (Peace, Anti-Communism, National Construction).svg Repubblica di Nanchino
Ora parte diCina Cina

La Concessione internazionale di Shangai (in cinese: 上海公共租界S, Shànghǎi Gōnggòng ZūjièP) fu un'area a controllo internazionale, creata nel 1863 a seguito dell'unione delle precedenti concessioni inglesi e americane a cui si unirono successivamente altri stati. La creazione di questa concessione è avvenuta durante il cosiddetto periodo dei trattati ineguali.

Gli insediamenti sono stati stabiliti in seguito alla sconfitta dell'esercito Qing dagli inglesi durante la Prima Guerra dell'Oppio (1839-1842). Secondo i termini del trattato di Nanchino, cinque porti tra cui Shanghai venivano aperti ai mercanti stranieri, ribaltando il monopolio detenuto al tempo dal solo dal porto di Canton (Guangzhou). Il governo britannico inoltre ottenne la realizzazione di una base strategica nei pressi di Hong Kong mediante un contratto di concessione estremamente favorevole.

A differenza delle colonie di Hong Kong e Weihaiwei, che erano a tutti gli effetti territori britannici, le concessioni straniere di Shanghai dovevano originariamente rimanere territorio sovrano cinese. Tuttavia, durante la rivolta della Small Swords Society tra il 1853-1855, il governo Qing rinunciò alla propria sovranità sulla concessioni, cedendola alle potenze straniere in cambio del loro sostegno per sopprimere la ribellione[1]. Nel 1854, Inghilterra, Stati Uniti d'America e Francia intestatari delle prime concessioni nell'area proposero la creazione del primo Consiglio municipale della città di Shanghai, principalmente allo scopo di servire i propri interessi nella città.

Mappa della concessione nel 1935

Dopo alcune divergenze all'interno del consiglio, nel 1862 la Francia decise di abbandonarlo e di amministrare autonomamente la propria concessione. A seguito dell'uscita della Francia dal consiglio cittadino l'anno successivo gli inglesi e gli americani decisero di unire le proprie concessioni, creando così il "Shanghai International Settlement". A seguito di tale unione e con la crescente ingerenza delle potenze straniere sulla Cina mediante stipulazione di nuovi accordi commerciali entrarono a far parte della Concessione Internazionale anche altre potenze straniere, tra cui: Italia, Russia, Portogallo, Olanda, Svezia e Danimarca.

Dopo l'attacco giapponese alla base navale statunitense di Pearl Harbor, il 7 dicembre 1941, il Giappone decise di attaccare la Concessione internazionale di Shanghai, la quale non era ancora stata occupata dopo la seconda guerra sino-giapponese del 1937. Alla fine della seconda guerra mondiale, la Concessione venne soppressa a favore della Repubblica di Nanchino.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Xiaobing Li, China at War: An Encyclopedia, ABC-CLIO, 2 febbraio 2017, ISBN 9781598844153. URL consultato il 2 febbraio 2017.

Voci correlateModifica