Apri il menu principale
Conclave del 1521-22
Sede vacante.svg
Hadrian VI.jpg
Papa Adriano VI
DurataDal 27 dicembre 1521 al 9 gennaio 1522
LuogoPalazzo Apostolico, Roma
Partecipanti39
Scrutini13
DecanoBernardino López de Carvajal
Vice DecanoDomenico Grimani
CamerlengoBernardino López de Carvajal
ProtodiaconoMarco Corner
ElettoAdriano VI (Adriaan Florenszoon Dedel)
 

Il conclave del 1521-22 venne convocato a seguito della morte di papa Leone X e si concluse con l'elezione di papa Adriano VI.

Il conclave è significativo per due motivi: primo, perché il neo-eletto fu l'ultimo papa non italiano fino all'elezione di Giovanni Paolo II nel 1978; in secondo luogo, perché per l'ultima volta fu scelto un cardinale non presente al conclave.

Indice

I cardinali elettoriModifica

Alla morte di Leone X i cardinali elettori erano 48. Al conclave ne parteciparono 39, e di questi ben 36 erano italiani. Furono invece 9 i cardinali che non parteciparono al conclave, ed erano tutti stranieri. Nel collegio cardinalizio erano rappresentate tutte le grandi famiglie italiane dell'epoca: Farnese, Gonzaga, de' Medici, Piccolomini, Cibo, Pallavicino, Colonna e Orsini.

I cardinali presenti a Roma nei giorni dell'elezione erano:

I cardinali assenti al conclave:

Il conclaveModifica

Esso durò 14 giorni, e vide lo scontro tra due fazioni politiche: I cardinali sostenitori dell'imperatore Carlo V e quelli invece che parteggiavano per il re francese Francesco I. Evidentemente la situazione politica internazionale si rifletteva anche all'interno del collegio cardinalizio.

Favorito dell'imperatore era il cugino del defunto papa, Giulio de' Medici, osteggiato invece dal re francese, che minacciò uno scisma nel caso in cui fosse stato eletto; Enrico VIII d'Inghilterra sosteneva con forza la candidatura del proprio ministro, il cardinal Thomas Wolsey, il quale tuttavia non raggiunse in tempo Roma.

Gli scrutini furono in tutto 13, uno per ogni giorno di conclave a partire dal 28 dicembre. Ma nessuno portò alla maggioranza richiesta. A risolvere l'impasse in cui si trovava il conclave fu lo stesso Giulio de' Medici, che, la mattina del 9 gennaio, propose una candidatura neutrale nella persona del vescovo di Tortosa, Adriaan Florenszoon Dedel. In realtà, questo cardinale, originario di Utrecht, era stato maestro e pedagogo di Carlo V e dunque la sua candidatura fu gradita all'imperatore.

Alla proclamazione della sua elezione i romani si risentirono per la scelta di uno straniero, e reagirono con fischi, insulti e sassate. Il nuovo pontefice, che si trovava in Spagna, raggiunse Roma solo il 27 agosto 1522.

BibliografiaModifica

  • G. Martina, La chiesa nell'età della Riforma, Brescia 1988
  • C. Rendina, I Papi. Storia e segreti, Newton & Compton Editori, Roma 2004, pp. 618–622

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo