Apri il menu principale

Condorman

film del 1981 diretto da Charles Jarott

TramaModifica

Nella scena d'apertura, il cartonista Woody tenta di aprire un dispositivo volante per conto del suo eroe dei fumetti Condorman: si rifiuta di realizzare delle strisce in cui non appare niente che possa accadere nel "mondo reale". Il suo amico Harry, un agente della CIA si trova a Parigi, per eseguire dei test. Deve lanciarsi dalla Torre Eiffel per verificare la funzionalità di una tuta di volo, ma accidentalmente un'ala si rompe, costringendolo ad un atterraggio di fortuna nella Senna.

Quando torna nel suo ufficio, il Dott. Russ, il suo capo gli ordina di cercare un civile americano per effettuare uno scambio di importanti documenti nella città di Istanbul. Per questa missione Harry recluta Woody, che, per entrare nella parte indossa un trench ammanettandosi la valigetta dello scambio al braccio. A Istanbul, Woody incontra una bellissima russa di nome Natalia, la donna attraverso il quale avrà luogo lo scambio: più tardi si scoprirà che in realtà Natalia è una spia sovietica. Woody decide di non rivelare a Natalia il suo vero nome, inventandosi l'identità di uno dei migliori agenti americani, col nome in codice di "Condorman". Mentre si trova a Istanbul, Woody riesce, grazie ad un colpo di fortuna, a salvare Natalia da alcuni assassini pagati da un agente cinese. Impressionata da Woody e disgustata dal trattamento del suo amante/capo Krokov, quando tornerà a Mosca, Natalia decide di disertare, chiedendo alla CIA di essere assistita da "Condorman".

Indossando il costume del suo personaggio dei fumetti "Condorman" e grazie all'aiuto di alcuni gadget e veicoli – come la Condormobile,[1] finanziata e costruita dalla CIA, Woody si lancia nell'avventura di salvare Natalia dalle grinfie dei suoi nemici: Krokov ed il suo aiutante omicida Morovich.

DistribuzioneModifica

Date di uscitaModifica

Il film è stato distribuito in molti paesi, tra cui, in ordine cronologico:

NoteModifica

  1. ^ In realtà una Nova Sterling, un'auto britannica.

Collegamenti esterniModifica