Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile

La Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile, nota anche come Rio 2012 o Rio+20, è la conferenza organizzata dal dipartimento per gli Affari Economici e Sociali dell'Organizzazione delle Nazioni Unite tenutasi a Rio de Janeiro dal 20 al 22 giugno 2012, a 20 anni dal Summit della Terra tenutosi anch'esso a Rio de Janeiro.[1] La decisione di tenerla nel 2012 a Rio de Janeiro è stata presa il 24 dicembre 2009 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la risoluzione A/RES/64/236.[2]

La conferenza ha trattato dell'economia verde all'intero dello sviluppo sostenibile e del quadro istituzionale per lo stesso. I suoi obiettivi sono stati il rinnovo dell'impegno verso lo sviluppo sostenibile, la valutazione del livello di soddisfacimento degli obiettivi posti nei passati vent'anni e il riconoscimento delle nuove sfide.[1]

Il prodotto finale è stato il documento programmatico The Future We Want, che ha avviato la definizione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile nonché l'istituzione del Forum Politico di Alto Livello per lo Sviluppo Sostenibile.[1]

ContestoModifica

Rio+20 rappresenta il completamento di una serie di conferenze tenute delle Nazioni Unite delle quali il Summit della Terra del 1992 è stato il perno centrale, ponendo lo sviluppo sostenibile come priorità dell'agenda delle Nazioni Unite e della Comunità Internazionale. Ecco le principali conferenze sul tema tenutesi sino all'appuntamento di Rio+20:

  • Conferenza ONU di Stoccolma del 5-16 giugno 1972 sull'Ambiente[3]
  • Conferenza ONU sull'Ambiente e lo Sviluppo di Rio de Janeiro (Summit della Terra), giugno 1992[4]
  • Conferenza Globale sulla Sostenibilità Ambientale delle Piccole Isole e degli Stati in via di Sviluppo, Bridgetown, Barbados, aprile/maggio 1994.[5]
  • Convenzione ONU per combattere la desertificazione, Parigi, Francia, giugno 1994[6][7]
  • Summit Mondiale sullo Sviluppo Sociale, Copenaghen, marzo 1995[8]
  • Quarta Conferenza Mondiale sulle Donne, Pechino, Cina, settembre 1995.[9]
  • Habitat II / Conferenza ONU sugli Insediamenti Umani, Istanbul, giugno 1996[10]
  • Summit Mondiale sulla Sostenibilità Ambientale, Johannesburg, Sud Africa, agosto-settembre 2002[11]

ControversieModifica

Numerose polemiche sono sorte intorno alla Conferenza Rio+20, soprattutto in merito alla delegazione iraniana. La delegazione, infatti, dovrebbe includere anche il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, che ha annunciato l'intenzione di recarsi a Rio per la Conferenza[12][13]

La controversia attiene a diverse problematiche quali:

  1. Le accuse di abusi contro i diritti umani rivolte al presidente Iraniano Ahmadinejad, soprattutto dopo la repressione delle proteste del 2009 in Iran.
  2. La situazione ambientale dell'Iran: la Repubblica Islamica, infatti, ha subito un processo di rapida industrializzazione a un costo ambientale altissimo. L'Economist ha "eletto" Teheran come capitale più inquinata del mondo.[14] La situazione è così drammatica che lo stesso Ministero della Salute iraniano ha rilevato un aumento del 19% delle ospedalizzazioni per problemi respiratori.[15]

Il ministro della salute iraniano Marzieh Vahidi Dastjerdi ha ammesso che in materia di inquinamento, l'Iran non ha altri mezzi che quelli di chiudere le scuole e diverse organizzazioni per alcuni giorni.[15] Secondo le statistiche, quindi, circa 3600 persone sono morte in Iran per gli effetti dell'inquinamento solo nei primi nove mesi del 2010.[16]

Altro fenomeno di preoccupazione è il programma nucleare iraniano che, oltre alla preoccupazione per la sicurezza internazionale, causa anche diverse problematiche a livello ambientale.[17] In particolare, sotto accusa è la localizzazione della centrale di Bushehr che, secondo il geologo kuwaitiano Jasem al-Awadi, sarebbe costruita sull'intersezione di tre placche (quella araba, quella africana e quella euroasiatica) e quindi ad alto rischio di determinare effetti ambientali drammatici a livello ambientale in caso di terremoto.[18]

La crisi diplomatica tra Brasile e IranModifica

Nel periodo in cui era in preparazione la Conferenza di Rio+20 è scoppiata una crisi diplomatica tra Brasile e Iran derivata dal comportamento di un diplomatico iraniano. Nell'aprile del 2012, infatti, il diplomatico Hekmatollah Ghorbani è stato colto sul fatto mentre in una piscina mentre molestava sessualmente alcune bambine. Il diplomatico è stato salvato dal linciaggio dal personale di sicurezza del posto, ma il suo comportamento ha determinato una crisi tra Teheran e Brasilia. Duri attacchi verbali verso l'Iran sono venuti dal ministro degli Esteri brasiliano Antoni Patriota. Dopo alcune settimane di crisi, anche in vista della visita di Ahmadinejad in Brasile, la Repubblica Islamica ha deciso di richiamare il suo diplomatico profittando della sua immunità diplomatica.[19].

NoteModifica

  1. ^ a b c Conferenza Rio+20: una sfida importante, su Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  2. ^ (EN) A/RES/64/236 (PDF), su Organizzazione delle Nazioni Unite.
  3. ^ Report of the United Nations Conference on the Human Environment, A/CONF.48/14/Rev.1, Stockholm, 5-16 June 1972. http://www.un-documents.net/aconf48-14r1.pdf
  4. ^ Rio Declaration on Environment and Development, A/CONF.151/26, Resolution 1, Annex II, http://www.un-documents.net/rio-dec.htm
  5. ^ Report of the Global Conference on the Sustainable Development of Small Island Developing States. A.CONF.167/9, Bridgetown, Barbados, 6 May 1994. http://www.un-documents/aconf167-9.pdf[collegamento interrotto]
  6. ^ Convention to Combat Desertification in Countries Experiencing Serious Drought and/or Desertification, Particularly in Africa . A/AC.241/27, http://www.un-documents.net/a-ac241-27.pdf
  7. ^ UNCCD - United Nations Convention to Combat Desertification web site http://www.unccd.int
  8. ^ Report of the World Summit on Social Development, A/CONF.166/9, 19 April 1995 http://www.un-documents.net/aconf166-9.pdf
  9. ^ (EN) Report of the Fourth World Conference on Women (PDF), su un-documents.net, Organizzazione delle nazioni unite.
  10. ^ Report of the United Nations Conference on Human Settlements (Habitat II), A/CONF.165/14. Istanbul, 3-14 June 1996 http://www.un-documents.net/aconf165-14.pdf
  11. ^ Report of the World Summit on Sustainable Development , A/CONF.199/20, 4 September 2002 http://www.un-documents.net/aconf199-20.pdf
  12. ^ Emilio Cardenas, "Ahmadinejad, again in Latin America", 'La Nacion', 5 June 2012
  13. ^ "Iranian president to attend Rio+20 Conference", 'Iran Daily Brief', 30 May 2012
  14. ^ (EN) Middle East Environmental Law: Iran, su Vermont Law School. URL consultato il 19 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2013).
    «Iran is among the most energy intensive countries in the world and this is due to lack of advanced infrastructure, government subsidies on energy carriers, and inefficient consumption patterns by the people.»
  15. ^ a b Hossein Jaseb and Ramin Mostafavi, "Public holiday in Iran's capital due to pollution" Archiviato il 3 gennaio 2019 in Internet Archive., 'Reuters Africa', 30 November 2010
  16. ^ "Pollution in Tehran - The smoggiest of all capitals: A not-so-divine cloud enwraps Iran's capital", 'The Economist', 29 December 2010
  17. ^ "Iran Don't Belong in Rio" Archiviato l'8 giugno 2012 in Internet Archive., 'Iranian.com', 30 May 2012
  18. ^ Fabio Perugia, "The Nightmare of an Iranian Earthquake" Archiviato l'11 gennaio 2013 in Archive.is., 'Il Tempo', 15 March 2011
  19. ^ Iran sacks diplomat accused of Brazil pool abuse - Worldnews.com

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN276842976 · LCCN (ENnb2013013299 · GND (DE1022442244 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2013013299