Apri il menu principale

Consiglio degli Stati

camera alta del Parlamento svizzero
Consiglio degli Stati
Logo der Schweizerischen Eidgenossenschaft.svg
CH-Bundeshaus-Nord.jpg
Fonte immagine: Parlament.ch
Il Palazzo Federale sede del Consiglio degli Stati
StatoSvizzera Svizzera
TipoCamera alta dell'Assemblea federale
Istituito16 novembre 1848
PresidenteJean-René Fournier (PPD)
Primo VicepresidenteHans Stöckli (PS)
Ultima elezione18 ottobre 2015
Prossima elezione20 ottobre 2019
Council of States (Switzerland) Nov 2015.svg
Gruppi politici
  •      PPD (13)
  •      PLR (11)
  •      PS (11)
  •      UDC (6)
  •      PES (2)
  •      PBD (1)
SedePalazzo Federale, Berna
IndirizzoBundesplaz
Sito web

Il Consiglio degli Stati (de. Ständerat, fr. Conseil des États, rm., altrimenti detto Camera dei Cantoni[1], è la camera alta del Parlamento svizzero.

Insieme con il Consiglio nazionale - la camera bassa - forma l'Assemblea federale, ovvero il Parlamento svizzero.

È composto da 46 deputati. A ogni cantone spettano due seggi, mentre i semicantoni hanno diritto a un solo deputato.

Siccome il numero dei deputati di ogni cantone al Consiglio Nazionale dipende dal numero degli abitanti del cantone, lo scopo del Consiglio degli Stati è quello di "bilanciare" le decisioni evitando lo strapotere che avrebbero i cantoni molto popolosi come Zurigo, Berna o Vaud.

ElezioneModifica

Il Consiglio degli Stati viene eletto secondo il diritto cantonale. Quarantacinque dei suoi quarantasei membri vengono eletti contemporaneamente a quelli del Consiglio nazionale, mentre nell’Appenzello Interno la Landsgemeinde elegge il suo rappresentante nel mese di aprile che precede l'elezione del Consiglio nazionale. Nei Cantoni del Giura e di Neuchâtel si applica il sistema proporzionale, negli altri Cantoni il sistema maggioritario.

In tutti i Cantoni sono eleggibili soltanto cittadini svizzeri che hanno compiuto il diciottesimo anno di età. La Costituzione del Cantone di Glarona fissa un limite di età: al compimento del sessantacinquesimo anno di età i suoi rappresentanti al Consiglio degli Stati lasciano la carica per la Landsgemeinde successiva rispettivamente per la fine di giugno. Nel Cantone del Giura è invece prevista una limitazione della durata del mandato: i consiglieri agli Stati giurassiani possono essere rieletti soltanto due volte di seguito.

Attualmente in tutti i Cantoni i membri del Consiglio degli Stati sono eletti per un quadriennio.[2]

CompetenzeModifica

 
La sala del Consiglio nazionale (e dell'Assemblea federale), a Berna.

Le due camere, Consiglio nazionale e Consiglio degli stati, sono politicamente equivalenti, nel senso che una delibera è valida solo se è approvata nella stessa versione dai due rami del parlamento. Tutti gli affari vengono trattati consecutivamente dalle due camere. I presidenti delle camere si accordano sul ramo che affronterà per primo l'oggetto ("Camera prioritaria").

Se il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati non trovano l'accordo su un testo comune nel corso della prima trattazione, si avvia una procedura di appianamento delle divergenze, in cui l'oggetto viene palleggiato avanti e indietro da una camera all'altra. Se dopo tre passaggi non si raggiunge il consenso, entra in campo la conferenza di conciliazione (vedi anche Procedura legislativa (Svizzera).

Ogni anno la camera alta elegge un nuovo presidente del Consiglio degli Stati.

Rappresentanza politicaModifica

La seguente tabella riporta la distribuzione dei seggi per partito nel Consiglio degli Stati in base alle elezioni federali tenutesi dal 1979 al 2019[3].

Partiti 2019 2015 2011 2007 2003 1999 1995 1991 1987 1983 1979
Partito Popolare Democratico 13 13 13 15 15 15 16 16 19 18 18
Partito Liberale Radicale 12 13 11 12 14 17 17 18 14 14 11
Partito Socialista Svizzero 9 12 11 9 9 6 5 3 5 6 9
Unione Democratica di Centro 6 5 5 7 8 7 5 4 4 5 5
Partito Ecologista Svizzero 5 1 2 2
Partito Verde Liberale della Svizzera 2 1
PBD 1 1
PLS 2 3 3 3 3
AdI 1 1 1
Lega 1
Altri 1 1 1 1
Totale 46 46 46 46 46 46 46 46 46 46 46

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Sito ufficiale del Consiglio degli Stati

Controllo di autoritàVIAF (EN122563576 · ISNI (EN0000 0001 1411 2941 · LCCN (ENno2015071681 · GND (DE2027596-1 · BNF (FRcb12270557k (data) · WorldCat Identities (ENno2015-071681