Apri il menu principale

Consiglio dei ministri dell'Unione Sovietica

organo di governo dell'URSS
Consiglio dei ministri dell'URSS
StatoURSS URSS
TipoGoverno
SiglaSovmin
Istituito1946
daSoviet Supremo dell'URSS
PredecessoreConsiglio dei commissari del popolo dell'URSS
Soppresso1990 (operativo fino al gennaio 1991)
daCongresso dei deputati del popolo dell'URSS
SuccessoreGabinetto dei ministri dell'URSS
SedeCremlino, Mosca

Il Consiglio dei ministri dell'URSS (in russo: Совет министров СССР?, traslitterato: Sovet ministrov SSSR), abbreviato in Sovmin dell'URSS, fu l'organo superiore del potere esecutivo e amministrativo dell'URSS dal marzo 1946 al gennaio 1991.

Indice

StoriaModifica

Il Sovmin fu istituito in sostituzione del Consiglio dei commissari del popolo nel 1946, tramite una Legge costituzionale del Soviet Supremo che riorganizzava il Governo centrale e quelli delle Repubbliche federate, trasformando tutti i Commissariati del popolo in Ministeri e i Commissari in Ministri.[1]

Il Sovmin era composto da Presidente, primi vicepresidenti e vicepresidenti, Ministri e presidenti di Comitati statali e altri organismi, secondo quanto previsto dalla Costituzione.[2]

Tale impostazione venne confermata dalla Costituzione del 1977, mentre nel dicembre 1990 il Consiglio dei ministri fu trasformato in Gabinetto dei ministri (Kabmin), che perse il ruolo di organo superiore non essendo più sottoposto direttamente al Soviet Supremo ma al neonato istituto del Presidente dell'Unione Sovietica.[3]

PresidentiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti del Consiglio dei ministri dell'URSS.

MinisteriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Lista dei Ministeri dell'URSS.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN261759297 · LCCN (ENno93002407 · WorldCat Identities (ENno93-002407